0

Linux Mint 18.2

Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che ha come obbiettivo di fornire una esperienza subito pronta all’uso dato che include plugin per browser, codec audio/video, supporto ai DVD e Java di default. Fornisce dei programmi custom per la gestione e installazione della distribuzione. Versione 18.2: Sonya Questa versione contiene: Linux Mint 18.2 […]
Related posts:
  1. Debian 9: Stretch Debian GNU/Linux Debian GNU/Linux è un progetto collaborativo per la...
  2. Linux Mint 18.1: Serena Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che...
  3. Linux Mint 18.1 “KDE”, “Xfce” Linux Mint e una distribuzione Linux basata su Ubuntu che...

 

0

Nuovo pannello Wi-Fi in Gnome Control Center 3.25.4

Gnome/NextNel precedente articolo non ho potuto mostrare su Arch Linux il nuovo pannello Wi-Fi di Gnome Control Center 3.25.4 (versione “pannellizzata”) sviluppato da Georges Stavracas semplicemente perché nel Desktop non ho il Wi-Fi. 😯 Ho realizzato tuttavia un secondo video che lo mostra in azione sul mio notebook Dell 7548, purtroppo i limiti grafici nella […]

 

0

Gnome Control Center panels su Arch Linux

Gnome/Next Gnome Control Center è l’applicazione Gnome che racchiude le impostazioni di sistema (pannello di controllo), ogni impostazione è accessibile da una icona personalizzata ma non tutti sanno che da tempo è disponibile una struttura a pannelli davvero molto pratica ed elegante che grazie al lavoro di solerti sviluppatori si sta arricchendo di sempre più […]

 

 

0

Creare un bridge con Network-Manager

Trattare le macchine virtuali in articoli della lunghezza di due pagine stampate è complicato. L'argomento è vasto e necessiterebbe di continui approfondimenti. Questo articolo non tratta specificatamente le macchine virtuali, in realtà, tratta le reti. Ma dopo aver configurato il bridge in questo modo sarà possibile “agganciargli” sia dispositivi virtuali, sia dispositivi reali a seconda delle proprie esigenze.
Come si è già detto, in primo luogo dobbiamo verificare che il nostro processore supporti la virtualizzazione, questo si può verificare cercando la voce “vmx” in /proc/cpuinfo per i processori Intel e “svm” in quelli basati su AMD.
Il modulo che deve essere caricato dal kernel si chiama “kvm”, c'è un secondo modulo che si chiama "kvm_intel" o "kvm_amd" a seconda del proprio processore. La maggioranza delle distribuzioni carica questi moduli all'avvio o automaticamente.
Per l'utilizzo di questo software è necessario avere i privilegi di root o un utente sudo, è possibile effettuare configurazioni con privilegi inferiori, ma questo va oltre lo scopo del nostro articolo.

Per l'installazione useremo una Fedora 25, in questo articolo installiamo solamente il software necessario, la configurazione delle macchine virtuali verrà trattata in altri articoli. Quindi:

dnf install qemu-kvm libvirt virt-install bridge-utils
systemctl start libvirtd
systemctl enable libvirtd

Adesso andiamo a creare il bridge, useremo nmcli l'interfaccia a linea di comando di network-manager:

# aggiungiamo il bridge
nmcli c add type bridge autoconnect yes con-name br0 ifname br0

significato delle opzioni (man nmcli e man nm-settings):
  • c, con, connection: network-manager salva le configurazioni di rete come “connection”. Le “connection” descrivono come creare o connettersi ad una rete.
  • add: crea una nuova connessione utilizzando le proprietà specificate.
  • type bridge: specifica il tipo di connessione
  • autoconnect yes: la connessione deve essere effettuata automaticamente appena la risorsa diventa disponibile.
  • con-name br0: nome della nuova connessione
  • if-name br0: il nome dell'interfaccia di rete

# impostiamo l'indirizzo IP
nmcli c mod br0 ip4 192.168.10.10/24 ipv4.method manual

significato delle opzioni:
  • mod, modify: aggiunge, modifica o rimuove proprietà nel profilo della connessione. La proprietà è specificata subito dopo, nel caso specifico, br0.
  • ip4, ipv4.addresses: array di indirizzi di rete.
  • method: l'indirizzo viene impostato manualmente.

# impostiamo il gateway
nmcli c mod br0 gw4 192.168.10.1

significato delle opzioni:
  • gw4, ipv4.gateway: gateway

# impostiamo il DNS:
nmcli c mod br0 ipv4.dns 192.168.10.1

significato delle opzioni:
  • ipv4.dns: dns

# cancelliamo le impostazioni attuali della scheda di rete (ho scelto eth0)
nmcli c del eth0

significato delle opzioni:
  • del, delete: cancella una connessione configurata

# aggiungiamo l'interfaccia come membro del bridge
nmcli c add type bridge-slave autoconnect yes con-name eth0 ifname eth0 master br0

significato delle opzioni:
  • bridge-slave: si aggancia al bridge
  • master: nome del dispositivo master

effettuate un reboot e verificate che il bridge sia operativo lanciando “ip addr”.

Network-Manager è un software complesso e di livello molto alto. Ha una montagna di opzioni e quando si comincia a comprenderlo diventa come un coltellino svizzero. Difficile farne a meno.
Con questo articolo spero di aver risposto alla domanda di jboss, se ho dimenticato qualcosa scrivetelo nei commenti diventerà uno spunto per il prossimo articolo.
Non pretendo di essere completo ed esaustivo, anzi, preferisco dimenticare qualcosa e lasciare che la mente di chi legge cominci a lavorare per cercare la soluzione.

 

 

 

 

0

VICIdial user_authorization Unauthenticated Command Execution

This Metasploit module exploits a vulnerability in VICIdial versions 2.9 RC 1 to 2.13 RC1 which allows unauthenticated users to execute arbitrary operating system commands as the web server user if password encryption is enabled (disabled by default). When password encryption is enabled the user’s password supplied using HTTP basic authentication is used in a […]

The post VICIdial user_authorization Unauthenticated Command Execution appeared first on MondoUnix.