Category archives: Guide

 

 

 

0

Nemo: abilitare "Copia in" e "Sposta in" nel menu contestuale

Approfittando della domanda che mi è stata posta da un lettore del blog colgo l'occasione per fare questa mini guida che potrebbe tornare utile a molti di voi.
Come fare ad abilitare su Nemo i comandi di "Copia in" e "Sposta in" nel menu contestuale che appare quando facciamo click con il tasto destro del mouse su di un file o cartella?

Clicchiamo su di una cartella o file qualsiasi con il tasto destro. Si aprirà il menu contestuale. Alla estrema destra di Apri è presente il simbolo +. Clicchiamoci sopra. Una volta fatto compariranno delle opzioni aggiuntive fra le quali il "Copia in" e "Sposta in".


 

 

0

Ubuntu MATE 16.04 - Guida post installazione

Ubuntu MATE 16.04 cosa installare per completarlo


In questa guida post installazione andremo a vedere le principali novità di Ubuntu MATE 16.04 scoprendo il software preinstallato e andando ad aggiungere quello che manca.
Prima di andare avanti ci tengo a precisare che la maggior parte dei programmi che più avanti vi consiglierò possono essere installati anche per via grafica grazie a Software Boutique, un software center sviluppato in casa Ubuntu MATE che offre una selezione dei programmi più famosi i quali sono installabili facilmente e con pochi click.
Software Boutique è un programma fantastico che imho dovrebbe essere di default su tutte le distribuzioni orientate ai neofiti.
Basti pensare che grazie ad esso è possibile anche installare software di terze parti come Google Chrome, Opera e Vivaldi, software che su altre distro richiedono lo scaricamento dei pacchetti dai siti ufficiali.



Se però non volete usarlo continuate a leggere la guida :)

Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Cliccate su Sistema, andiamo su Amministrazione e poi Software e aggiornamenti.
Andiamo ad Altro Software e spuntiamo le voci relative ai repository Partner di Canonical.


Chiudiamo il tutto e aggiorniamo confermando l'operazione.

Ora non ci resta che aggiornare il sistema per controllare eventuali aggiornamenti. Lanciamo il terminale (Applicazioni, Strumenti di sistema, Terminale di MATE) e diamo il comando

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin


Fase 3: Messaggistica


Pidgin è il client di messaggistica istantanea tuttofare che troviamo preinstallato su Ubuntu MATE 16.04. Oltre ad esso troviamo anche HexChat per IRC.

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea 

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato l'ottimo Thunderbird quindi non c'è nulla da installare.

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Ubuntu MATE è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/


Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.



Fase 5: Ufficio e svago


Su Ubuntu MATE 16.04 troviamo LibreOffice in versione quasi completa. Dico quasi perché l'unico componente che manca è LibreOffice Base, un programma che il 90% dell'utenza non ha mai utilizzato.
Se però avete intenzione di usarlo potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install libreoffice-base

Vi consiglio di installare anche il tema di icone per LibreOffice chiamato Sifr che è stato aggiunto a partire dalla versione 4.2 ma che su Ubuntu non si trova preinstallato.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne invece l'editing di immagini troviamo Shotwell (per organizzare le foto), Eye of MATE e Simple Scan (per la gestione dello scanner).
Quello che manca è un editor di immagini avanzato. La scelta obbligata è quella di installare GIMP che potete installare dando da terminale

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Se lavorate anche con le immagini vettoriali vi consiglio di installare Inkscape dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre

I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo Rhythmbox mentre come player video troviamo VLC. Entrambi sono ottimi programmi quindi vi consiglio di non installare nulla di diverso.

Come programma per la masterizzazione troviamo preinstallato Brasero.

Fase 7: Utility varie

Fra le utility preinstallate troviamo già PPA-Purge, un tool che ci consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. 

Uno dei programmi che vi consiglio di installare per la gestione dei pacchetti è Synaptic, un programma che spesso si rivela utile, specie quando vogliamo installare qualche pacchetto o programma di cui non ricordiamo bene il nome. Per installarlo diamo da terminale:

sudo apt-get install synaptic

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Ubuntu MATE 16.04 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian


Fase 9: Abilitiamo Compiz o Compton


Su Ubuntu MATE 16.04 troviamo preinstallate i preinstallati sia Compiz che Compton. Entrambi sono disattivati di default ma è possibile abilitarli grazie a MATE Tweak.
Basterà andare in Sistema, Preferenze, Aspetto e stile, MATE Tweak. Nella sezione Finestre alla voce Gestore finestre è possibile abilitare il vostro compositor preferito. Entrambi sono ottimizzati per integrarsi al meglio con il sistema.


Fase 10: Cambiamo il layout dei pannelli


Grazie a MATE Tweak è possibile cambiare al volo l'aspetto di Ubuntu MATE variando la disposizione dei pannelli scegliendo fra un set di interfacce preconfigurate. Andando in Interfaccia, Pannelli potremo scegliere, oltre che i layout tradizionali anche due set che potrebbero interessarvi ovvero Mutiny che emula il look di Unity e Cupertino che, grazie a Plank, ricorda l'aspetto di OSX con la dock in basso.
Ubuntu MATE 16.04 con il layout Mutiny
Ubuntu MATE 16.04 con il layout Cupertino

 

0

Xubuntu 16.04 - Guida post installazione

Xubuntu 16.04 cosa installare per completarlo


Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Cliccate sul menù di avvio, clicchiamo su Tutte le impostazioni  (l'icona che ricorda un pannello con degli interruttori) e poi Software e aggiornamenti.
Andiamo ad Altro Software e spuntiamo le voci relative ai repository Partner di Canonical.


Chiudiamo il tutto e aggiorniamo confermando l'operazione.

Ora non ci resta che aggiornare il sistema per controllare eventuali aggiornamenti. Lanciamo il terminale (Menu di avvio, Accessori, Emulatore di terminale) e diamo il comando

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser



Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install xubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin

Fase 3: Messaggistica


Pidgin
 è il client di messaggistica istantanea tuttofare che troviamo preinstallato su Xubuntu 16.04. 

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea 

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato l'ottimo Thunderbird quindi non c'è nulla da installare.

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Xubuntu è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/


Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.


Fase 5: Ufficio e svago


Su Xubuntu 16.04 troviamo preinstallato LibreOffice in versione minimale. Troviamo infatti soltanto LibreOffice Writer, LibreOffice CalcLibreOffice Math e LibreOffice Draw.
Se avete necessità di avere anche altri programmi della suite vi basterà installarli singolarmente dal gestore applicazioni come segue:
Per installare LibreOffice Impress (per le presentazioni) diamo:

sudo apt-get install libreoffice-impress

Per installare LibreOffice Base diamo

sudo apt-get install libreoffice-base

Per quanto concerne invece l'editing di immagini non troviamo più preinstallato Gimp quindi dobbiamo farlo dando da terminale:

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

ristretto è il visualizzatore di immagini preinstallato e Simple Scan il programma per la gestione dello scanner.

Se lavorate con immagini vettoriali vi consiglio di installare l'ottimo Inkscape e potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre

I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player


Questa release di Xubuntu, per scelta degli sviluppatori, viene rilasciata senza un player audio predefinito. Se volete restare fedeli alla tradizione il mio consiglio è quello di installare gmusicbrowser che è veloce, completo e non ha nulla da invidiare ai colleghi più blasonati oltre che esser stato il player predefinito in tutti questi anni. Potete installarlo dando

sudo apt-get install gmusicbrowser

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato Media player Parole o per gli amici semplicemente Parole.

In alternativa potete installare il solito VLC dando da terminale:

sudo apt-get install vlc

Come programma per la masterizzazione troviamo Xfburn ed anche in questo caso siamo ben coperti quindi nulla da segnalare.

Fase 7: Utility varie


Per la gestione dei DEB e la loro installazione manuale  vi consiglio di installare GDEBI che vi consente di evitare di passare per Software.
Da terminale diamo

sudo apt-get install gdebi

Una utility che non deve mancare è PPA-Purge che consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. Lo installiamo dando da terminale

sudo apt-get install ppa-purge

Vi consiglio di installare anche un altro programma ovvero Synaptic, che altri non è che un gestore pacchetti che vi consentirà di cercare i programmi o i singoli pacchetti in maniera grafica. Da terminale diamo

sudo apt-get install synaptic

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Xubuntu 15.10 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian



Fase 9: Installiamo e configuriamo Compiz


Possiamo seguire la guida Usare Compiz su Xubuntu per rimuovere il tearing durante la riproduzione dei video


Fase 10: Installiamo e configuriamo Compton


Possiamo seguire la guida Usare Compton su Xfce per rimuovere il tearing durante la riproduzione dei video

 

0

Ubuntu 16.04 - Guida post installazione

Ubuntu 16.04 cosa installare per completarlo


Piccola guida post installazione con alcuni post installazione per chi si avvicina per la prima volta al mondo Ubuntu.

Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema

Andiamo su Impostazioni di Sistema e clicchiamo sull'icona Software e aggiornamenti. Andiamo ora ad Altro Software e spuntiamo la voce Partner di Canonical.


Chiudiamo ora il tutto e andiamo ad aggiornare il sistema.

Lanciamo il terminale e diamo

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin

Fase 3: Messaggistica


Su Ubuntu 16.04 non troviamo nessun client di messaggistica preinstallato. Se proprio usate questo genere di programmi io vi consiglio di installarne uno leggero e multi servizio come Pidgin.
Possiamo installarlo da terminale dando

sudo apt-get install pidgin
Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea 

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato l'ottimo Thunderbird quindi non c'è nulla da installare.

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Ubuntu è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox e Browser, il browser web che Canonical sta sviluppando per Ubuntu Phone. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/


Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.


Fase 5: Ufficio e svago


Su Ubuntu 16.04 troviamo LibreOffice in versione quasi completa. Dico quasi perché l'unico componente che manca è LibreOffice Base, un programma che il 90% dell'utenza non ha mai utilizzato.
Se però avete intenzione di usarlo potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install libreoffice-base

Vi consiglio di installare anche il tema di icone per LibreOffice chiamato Sifr che è stato aggiunto a partire dalla versione 4.2 ma che su Ubuntu non si trova preinstallato.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne invece l'editing di immagini troviamo Shotwell (per organizzare le foto), Eye of MATE e Simple Scan (per la gestione dello scanner).
Quello che manca è un editor di immagini avanzato. La scelta obbligata è quella di installare GIMP che potete installare dando da terminale

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Se lavorate anche con le immagini vettoriali vi consiglio di installare Inkscape dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre

I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Se bazzicate nel mondo dell'editing video potete installare l'ottimo OpenShot. Potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install openshot



Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo Rhythmbox mentre come player video troviamo Video, il player video di GNOME. Entrambi sono ottimi programmi però vi consiglio ugualmente di installare VLC che come ben sapete è in grado di riprodurre qualsiasi filmato.
Possiamo installare VLC dando da terminale:

sudo apt-get install vlc

Manca un programma per la masterizzazione. Il mio consiglio è quello di installare Brasero.
Possiamo farlo dando da terminale

sudo apt-get install brasero

Se volete un software per gestire la vostra mediateca l'unica via è quella di installare l'ottimo Kodii (ex Xbmc) e potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install kodi

Fase 7: Utility varie


L'installazione di tutti i deb su Ubuntu passa per Ubuntu Software, il nuovo software center (basato su GNOME Software con opportune patch) che sostituisce il vecchio e pesante Ubuntu Software Center. Il programma funziona ma vi consiglio lo stesso di installare Gdebi per poter installare quei programmi di terze parti che spesso fanno i capricci (qualcuno ha detto DraftSight). Possiamo installare gdebi dando da terminale

sudo apt-get install gdebi

Uno dei programmi che vi consiglio di installare per la gestione dei pacchetti è Synaptic, un programma che spesso si rivela utile, specie quando vogliamo installare qualche pacchetto o programma di cui non ricordiamo bene il nome. Per installarlo diamo da terminale:

sudo apt-get install synaptic

Una utility che non dovrebbe mai mancare è PPA-Purge che consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. Un must have se vi piace provare tutti i PPA che vi capitano a tiro. Lo installiamo da terminale dando

sudo apt-get install ppa-purge

Unity ha tante funzioni nascoste. Avere un tool semplice ed intuitivo per la gestione di esso nonché per effettuare altre operazioni che prima dell'avvento di GNOME 3 erano banali (come cambiare tema o set di icone) è d'obbligo. Il programma che fa questo e altro ancora è Unity Tweak Tool. Il programma, che prima era disponibile tramite un PPA esterno è ora incluso nei repository di Ubuntu e per installarlo basterà dare da terminale

sudo apt-get install unity-tweak-tool

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Ubuntu 16.04 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian

Fase 9: Modificare le applicazioni in avvio automatico


Per alleggerire il sistema e togliere in avvio qualche servizio che non vi serve potete seguire la mia precedente guida Modificare le applicazioni in avvio automatico su Ubuntu 12.04 che risulta sempre valida. Ovviamente non devo starvi qui a dire di fare attenzione a quello che levate.

Fase 10: Abilitare la funzionalità minimize to click



Molti non sanno che è possibile attivare la funzionalità di minimizzazione delle finestre al click del mouse. Questa funzionalità è però nascosta e per attivarla necessità di alcuni passaggi. Trovate maggiori informazioni su come attivarla nonché un video esemplificativo nel mio precedente articolo Ubuntu 14.04: Torna il minimize on click, ecco come attivarlo 

Fase 11: Spostare Unity nella parte bassa dello schermo

Una delle novità di Ubuntu 16.04 è la possibilità di spostare il launcher di Unity nella parte bassa dello schermo e trasformarlo in una specie di dock. Possiamo farlo in vari modi, uno dei più semplici è utilizzando Unity Tweak Tool. Per sapere come fare date uno sguardo alla guida Spostare in basso il launcher di Unity con Unity Tweak Tool

 

0

Ubuntu GNOME 16.04 - Guida post installazione

Ubuntu GNOME 16.04 cosa installare per completarlo


Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Andiamo su Attività e cerchiamo Software e aggiornamenti

Andiamo ad Altro software e spuntiamo Partner di Canonical.


Chiudiamo ora il tutto e andiamo ad aggiornare il sistema.

Lanciamo il terminale e diamo

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin

Fase 3: Messaggistica

Su Ubuntu GNOME 16.04 troviamo Empathy ad occuparsi della gestione della messaggistica di Google Hangouts e servizi simili.

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato Evolution. Il programma è buono ma molti di voi potrebbero preferire qualcosa di più potente comel Thunderbird che possiamo installare dando

sudo apt-get install thunderbird

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Ubuntu GNOME è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/


Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza con

sudo apt-get install amule-adunanza


Fase 5: Ufficio e svago


Su Ubuntu GNOME 16.04 troviamo LibreOffice in versione quasi completa. Dico quasi perché l'unico componente che manca è LibreOffice Base, un programma che il 90% dell'utenza non ha mai utilizzato.
Se però avete intenzione di usarlo potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install libreoffice-base

Vi consiglio di installare anche il tema di icone per LibreOffice chiamato Sifr che è stato aggiunto a partire dalla versione 4.2 ma che su Ubuntu non si trova preinstallato.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne la gestione delle immagini troviamo preinstallato Eye of GNOME e Simple Scan (per la gestione dello scanner) e Foto (il programma per la gestione delle foto di GNOME).
Quello che manca è un editor di immagini. La scelta obbligata è quella di installare GIMP che potete installare dando da terminale

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Se lavorate anche con le immagini vettoriali vi consiglio di installare Inkscape dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre


I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo sia Rhythmbox che Musica (aka GNOME Music) quindi sia ben coperti, a voi la scelta di cosa usare.

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato Video (aka Totem). Se però volete qualcosa di più, capace di leggere anche i sassi, vi consiglio di installare il buon vecchio VLC e potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install vlc

Come programma per la masterizzazione troviamo Brasero che nelle ultime release ha smesso (quasi) di essere un creatore di frisby.

Se volete invece trasformare il vostro PC in un mediacenter vi consiglio Kodi (ex Xbmc). Possiamo installarlo dando da terminale

sudo apt-get install kodi

Fase 7: Utility varie


Per la gestione dei DEB e la loro installazione manuale  vi consiglio di installare GDEBI che vi consente di evitare di passare per Software.

sudo apt-get install gdebi

Vi consiglio di installare anche un altro programma ovvero il gestore pacchetti Synaptic che può tornare sempre utile. Da terminale diamo:

sudo apt-get install synaptic


Fra le utility preinstallate troviamo già PPA-Purge, un tool che ci consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma.

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Ubuntu GNOME 16.04 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian firefox-locale-it

Sappiate però che Ubuntu GNOME ha anche in questa release alcuni bug nelle traduzioni che risultano in lingua inglese o doppioni (tipo Nuova cartella di Nautilus nel launcher che ha anche la voce in inglese). Non credo che verranno mai fixati visto che nemmeno in questa LTS hanno provveduto a far qualcosa a riguardo.

Fase 9: Manteniamo GNOME aggiornato (LEGGETE LE AVVERTENZE)


Gli aggiornamenti di GNOME vengono rilasciati ogni 6 mesi e sempre prima del rilascio delle release di Ubuntu. Per questo motivo (ma anche per altri come la mancanza di manodopera) Ubuntu GNOME si trova ad essere disallineato dai rilasci principali. Per aggiornare il sistema avremo dunque bisogno di due repository aggiuntivi, il primo chiamato GNOME3 Stable PPA che contiene tutti quei programmi che di default non sono stati inseriti su Ubuntu GNOME 16.04 e qualche versione aggiornata di programmi. Possiamo aggiungerlo dando da terminale

sudo add-apt-repository ppa:gnome3-team/gnome3

ed aggiornare con

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

Il secondo è lo GNOME3 Staging PPA. Questo PPA contiene versioni bleeding edge di pacchetti non ritenuti stabili.
Aggiungendo questo PPA potreste andare incontro ad alcuni bug però è l'unico modo per avere GNOME 3.20 sulla vostra Ubuntu GNOME 16.04. In caso di problemi potrete tornare indietro rimuovendo il PPA da consolle di ripristino grazie a PPA Purge
Per aggiungere il suddetto PPA vi basterà dare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:gnome3-team/gnome3-staging

ed infine aggiornare con

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade && sudo apt-get dist-upgrade

A meno che non siate utenti avanzati che sapete a cosa potete andare incontro con questo repository vi sconsiglio di aggiungere lo Staging in quanto, come detto nel discramler di su, molti utenti si ritrovano con il sistema appiedato dopo averlo aggiunto e non sono in grado di tornare indietro. Io vi ho avvisato :P

 

0

Ubuntu GNOME 16.04 - Guida post installazione

Ubuntu GNOME 16.04 cosa installare per completarlo


Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Andiamo su Attività e cerchiamo Software e aggiornamenti

Andiamo ad Altro software e spuntiamo Partner di Canonical.


Chiudiamo ora il tutto e andiamo ad aggiornare il sistema.

Lanciamo il terminale e diamo

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin

Fase 3: Messaggistica

Su Ubuntu GNOME 16.04 troviamo Empathy ad occuparsi della gestione della messaggistica di Google Hangouts e servizi simili.

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato Evolution. Il programma è buono ma molti di voi potrebbero preferire qualcosa di più potente comel Thunderbird che possiamo installare dando

sudo apt-get install thunderbird

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Ubuntu GNOME è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/


Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.


Fase 5: Ufficio e svago


Su Ubuntu GNOME 16.04 troviamo LibreOffice in versione quasi completa. Dico quasi perché l'unico componente che manca è LibreOffice Base, un programma che il 90% dell'utenza non ha mai utilizzato.
Se però avete intenzione di usarlo potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install libreoffice-base

Vi consiglio di installare anche il tema di icone per LibreOffice chiamato Sifr che è stato aggiunto a partire dalla versione 4.2 ma che su Ubuntu non si trova preinstallato.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne la gestione delle immagini troviamo preinstallato Eye of GNOME e Simple Scan (per la gestione dello scanner) e Foto (il programma per la gestione delle foto di GNOME).
Quello che manca è un editor di immagini. La scelta obbligata è quella di installare GIMP che potete installare dando da terminale

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Se lavorate anche con le immagini vettoriali vi consiglio di installare Inkscape dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre


I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo sia Rhythmbox che Musica (aka GNOME Music) quindi sia ben coperti, a voi la scelta di cosa usare.

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato Video (aka Totem). Se però volete qualcosa di più, capace di leggere anche i sassi, vi consiglio di installare il buon vecchio VLC e potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install vlc

Come programma per la masterizzazione troviamo Brasero che nelle ultime release ha smesso (quasi) di essere un creatore di frisby.

Se volete invece trasformare il vostro PC in un mediacenter vi consiglio Kodi (ex Xbmc). Possiamo installarlo dando da terminale

sudo apt-get install kodi

Fase 7: Utility varie


Per la gestione dei DEB e la loro installazione manuale  vi consiglio di installare GDEBI che vi consente di evitare di passare per Software.

sudo apt-get install gdebi

Vi consiglio di installare anche un altro programma ovvero il gestore pacchetti Synaptic che può tornare sempre utile. Da terminale diamo:

sudo apt-get install synaptic


Fra le utility preinstallate troviamo già PPA-Purge, un tool che ci consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma.

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Ubuntu GNOME 16.04 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian firefox-locale-it

Sappiate però che Ubuntu GNOME ha anche in questa release alcuni bug nelle traduzioni che risultano in lingua inglese o doppioni (tipo Nuova cartella di Nautilus nel launcher che ha anche la voce in inglese). Non credo che verranno mai fixati visto che nemmeno in questa LTS hanno provveduto a far qualcosa a riguardo.

Fase 9: Manteniamo GNOME aggiornato (LEGGETE LE AVVERTENZE)


Gli aggiornamenti di GNOME vengono rilasciati ogni 6 mesi e sempre prima del rilascio delle release di Ubuntu. Per questo motivo (ma anche per altri come la mancanza di manodopera) Ubuntu GNOME si trova ad essere disallineato dai rilasci principali. Per aggiornare il sistema avremo dunque bisogno di due repository aggiuntivi, il primo chiamato GNOME3 Stable PPA che contiene tutti quei programmi che di default non sono stati inseriti su Ubuntu GNOME 16.04 e qualche versione aggiornata di programmi. Possiamo aggiungerlo dando da terminale

sudo add-apt-repository ppa:gnome3-team/gnome3

ed aggiornare con

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

Il secondo è lo GNOME3 Staging PPA. Questo PPA contiene versioni bleeding edge di pacchetti non ritenuti stabili.
Aggiungendo questo PPA potreste andare incontro ad alcuni bug però è l'unico modo per avere GNOME 3.20 sulla vostra Ubuntu GNOME 16.04. In caso di problemi potrete tornare indietro rimuovendo il PPA da consolle di ripristino grazie a PPA Purge
Per aggiungere il suddetto PPA vi basterà dare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:gnome3-team/gnome3-staging

ed infine aggiornare con

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade && sudo apt-get dist-upgrade

A meno che non siate utenti avanzati che sapete a cosa potete andare incontro con questo repository vi sconsiglio di aggiungere lo Staging in quanto, come detto nel discramler di su, molti utenti si ritrovano con il sistema appiedato dopo averlo aggiunto e non sono in grado di tornare indietro. Io vi ho avvisato :P

 

0

Lubuntu 16.04 - Guida post installazione

Lubuntu 16.04 cosa installare per completarlo


Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Cliccate sul menù di avvio, andiamo a Preferenze e poi Software e aggiornamenti
Andiamo ad Altro Software e spuntiamo le voci relative ai repository Partner di Canonical.


Chiudiamo il tutto e aggiorniamo confermando l'operazione.

Ora non ci resta che aggiornare il sistema per controllare eventuali aggiornamenti. Lanciamo il terminale (menu avvio, Strumenti di sistema, LXTerminal) e diamo il comando

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Installiamo dunque eventuali aggiornamenti proposti.


Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install lubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin



Fase 3: Messaggistica


Pidgin
 è il client di messaggistica istantanea tuttofare che troviamo preinstallato su Lubuntu 16.04. 

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate i feed reader offline vi consiglio di installare Liferea 

sudo apt-get install liferea

Come client mail troviamo preinstallato Sylpheed, un client mail senza pretese e particolari funzionalità. Se volete qualcosa di più potente l'unica alternativa è Thunderbird che potete installare dando:

sudo apt-get install thunderbird thunderbird-locale-it

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Lubuntu è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/

Per quanto riguarda la gestione dei file torrent troviamo l'ottimo Transmission. Il programma è praticamente perfetto, l'unica cosa che vi suggerisco di fare è seguire la guida Transmission abilitare blocklist Bluetack per aumentare la privacy al fine di migliorare la privacy del programma quando scaricare file dal torrent.

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.


Fase 5: Ufficio e svago


Per la gestione documenti su Lubuntu 16.04 troviamo preinstallati la consueta accoppiata Abiword per l'editing di testo e Gnumeric per quanto riguarda i fogli di calcolo.
Se non vi bastano e volete qualcosa di più completo vi consiglio l'installazione di LibreOffice. In tal caso procediamo come segue.
Come prima cosa disinstalliamo Abiword e Gnumeric dando da terminale

sudo apt-get remove abiword* gnumeric*

Ed in seguito installate LibreOffice in versione completa (anche di Base) dando:

sudo apt-get install libreoffice libreoffice-l10n-it libreoffice-gtk

Vi consiglio di installare anche il tema di icone per LibreOffice chiamato Sifr che è stato aggiunto a partire dalla versione 4.2 ma che su Ubuntu non si trova preinstallato.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne invece l'editing di immagini essenziale abbiamo mtPaint mentre per quanto concerne la gestione dello scanner troviamo Simple Scan.
mtPaint funziona abbastanza bene anche se non permette di fare editing avanzato. Se vi dilettate con l'editing di immagini vi consiglio allora di installare GIMP. Potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Se lavorate con immagini vettoriali potete installare Inkscape dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre


Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo l'ottimo Audacious che è più che sufficiente per la maggior parte degli utenti

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato l'ottimo GNOME Mplayer quindi non dobbiamo installare null'altro.

Come programma per la masterizzazione troviamo Xfburn ed anche in questo caso siamo ben coperti quindi nulla da segnalare.

Da segnalare la presenza di guvcview per la gestione della webcam e del tool Alsamixergui per la gestione dei volumi di Alsa.

Fase 7: Utility varie


Una utility che non dovrebbe mai mancare è PPA-Purge che consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. Un must have se vi piace provare tutti i PPA che vi capitano a tiro. Lo installiamo da terminale dando

sudo apt-get install ppa-purge


Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se avete installato Lubuntu 16.04 mentre eravate collegati alla vostra rete domestica vi ritroverete già la lingua italiana installata. In caso contrario potete installare la lingua italiana dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it aspell-it myspell-it witalian


Fase 9: Aggiungiamo icone sul desktop


Potrebbe interessarvi aggiungere dei collegamenti rapidi sul desktop. Per sapere come fare vi invito a leggere il post Lxde (Lubuntu) aggiungere collegamenti sul desktop

Fase 10: Aggiungiamo il cestino al pannello inferiore


Su richiesta di un mio lettore ho preparato questo piccolo post che spiega come aggiungere il cestino al pannello inferiore di Lubuntu. Per sapere come fare vi invito a leggere il post LXDE / Lubuntu aggiungere il Cestino sul pannello inferiore

Fase 11: Installiamo Compton per aggiungere le animazioni


Volete migliorare l'aspetto di Lubuntu aggiungendo l'effetto ombra alle finestre ed altre cose del genere? Scopriamo in questo post come fare ad installare il compositor Compton che trovate presente nei repository di Lubuntu
Potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install compton

Una volta fatto potete configurarlo grazie alle istruzioni presenti in questa guida Installiamo Compton su Lubuntu per migliorarne l'aspetto

 

0

Kubuntu 16.04 - Guida post installazione

Kubuntu 16.04 cosa installare per completarlo


Fase 1: Abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema


Dal menu avvio andiamo su Applicazioni, Sistema, Gestore degli Aggiornamenti. Qui clicchiamo su Altro, Avanzate... e poi Configura Sorgenti Software (Configure Software Sources).


Andiamo ad Altro Software e spuntiamo le voci relative ai repository Partner di Canonical.


Chiudiamo il tutto e aggiorniamo confermando l'operazione.

Ora non ci resta che aggiornare il sistema per controllare eventuali aggiornamenti. Possiamo farlo direttamente con il programma Update Manager cliccando su Installa gli aggiornamenti



oppure da terminale (Konsole) dando

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

A voi la scelta

Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser


Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se. Oltre a questo vi consiglio l'installazione di p7zip per gestire i file compressi nel formato 7zip.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install kubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l'installazione apparirà la richiesta di accettare l'installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.
Per quanto riguarda la riproduzione di DVD video avremo bisogno di installare i seguenti pacchetti

sudo apt install libdvd-pkg libdvdread4 python3

Una volta fatto diamo da terminale

sudo dpkg-reconfigure libdvd-pkg

Una volta fatto bisogna dare da terminale il comando

Maggiori info nel Wiki di Ubuntu

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale 

sudo apt-get install openjdk-8-jre icedtea-8-plugin

Fase 3: Messaggistica


La messaggistica istantanea su Kubuntu 16.04 è gestita da Telepathy che è completamente integrato con il sistema. Oltre a questo troviamo Konversation come client IRC.

Se siete utenti Skype potete installarlo dando da terminale



sudo apt-get install skype

Come feed reader trovate già preinstallato l'ottimo Akregator, il miglior feed reader per Linux.

Per quanto riguarda il comparto mail troviamo preinstallato KMail che anche in questo caso si integra perfettamente con il sistema.
Se non vi piace la migliore alternativa è Thunderbird che potete installare dando da terminale:

sudo apt-get install thunderbird thunderbird-locale-it

Qualora foste utenti Telegram potete avete due alternative. La prima è quella di scaricare l'eseguibile di Telegram Destkop direttamente dal sito internet ufficiale all'indirizzo https://desktop.telegram.org/
Una volta scaricato vi basterà decomprimere l'archivio e lanciare l'eseguibile di Telegram Desktop. Al primo avvio del programma l'eseguibile provvederà a creare i collegamenti nei menu (a volte è necessario il riavvio della sessione per veder apparire il collegamento). Questa è la soluzione che preferisco in quanto l'eseguibile di Telegram Desktop riesce ad auto aggiornarsi e quindi avrete il client sempre aggiornato e allineato con la versione ufficiale.
Se invece volete utilizzare un repository potete farlo grazie al PPA Telegram sviluppato da Martin Wimpress (il leader di Ubuntu MATE). Per farlo dovrete per prima cosa aggiungere il PPA dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:flexiondotorg/telegram
sudo apt-get update && sudo apt-get install telegram

Fase 4: Altri browser e programmi p2p


Il browser predefinito di Kubuntu è come da tradizione linara il buon vecchio Firefox. Se non avete particolari esigenze come ad esempio la fruizione di servizi di streaming come Netflix potete usarlo tranquillamente.
Se invece usate Netflix la soluzione migliore è quella di usare Google Chrome che su Linux offre la possibilità di poter usare Netflix senza smanettamenti vari. 
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/

Come programma per la gestione dei file torrent troviamo già installato KTorrent che è uno dei migliori programmi. L'unico consiglio che vi do è dare una occhiata alla guida KTorrent aumentiamo la privacy con i filtri PeerGuardian per impostare nel programma i filtri PeerGuardian ed aumentarne la sicurezza. Purtroppo però attualmente la versione attuale soffre (così come la precedente) del bug che non consente di convertire i filtri nel formato txt e quindi dovrete fare a mano visto che a tutt'oggi il bug non è ancora stato corretto..

Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza. Purtroppo Amule-Adunanza non è presente nei repository di Xenial, se volete installarlo potete dare uno sguardo al forum ufficiale di Adunanza o scaricare i DEB per la vecchia versione di Ubuntu.



Fase 5: Ufficio e svago

Su Kubuntu 16.04 troviamo già preinstallato LibreOffice in versione completa (c'è anche LibreOffice Base) e dunque non dovremo installare nulla.

Manca un software per l'editing di immagini. Il miglior programma per Linux è semza imbra di dubbio GIMP che potete installare dando da terminale: 

sudo apt-get install gimp gimp-plugin-registry

Nel caso vi ritrovaste GIMP in inglese (ma questo non accadrà se avete installato Kubuntu mentre eravate connessi alla rete) vi basterà tradurlo dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it

Se fate uso di tavolette grafiche e vi dilettate con la pittura digitale il mio consiglio è quello di provare Krita, uno dei migliori programmi del settore disponibile sui sistemi operativi GNU/Linux. Potete installarlo dando

sudo apt-get install krita

Per chi utilizza immagini raster il mio consiglio è quello di installare Inkscape. Potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Per quanto riguarda la gestione degli scanner su Kubuntu troviamo preinstallato skanlite. Il programma non è malvagio ma non è molto intuitivo per i novizi e manca di una funzionalità secondo me vitale ovvero la possibilità di salvare direttamente in pdf. Per ovviare a ciò vi consiglio di installare un altro programma ovvero Simple Scan. Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install simple-scan

Se bazzicate nel mondo dell'editing video potete installare l'ottimo Kdenlive. Potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install kdenlive

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre

I tecnici del settore dell'edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant'altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L'unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player


Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo Amarok. Be, non devo stare qui a descriverlo, è uno dei programmi più completi per la gestione della nostra raccolta musicale.

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato Dragon Player che personalmente non ho mai digerito per via del modo in cui renderizza i sub esterni (si vedono sempre con dei contorni schifosi).
Due sono le alternative, VLC e SMPlayer

Per installare VLC basterà dare da terminale

sudo apt-get install vlc

Mentre per SMPlayer

sudo apt-get install smplayer

Come programma per la masterizzazione troviamo K3b. Il programma non ha bisogno di presentazioni, imho è il miglior programma della categoria.

Se volete invece trasformare il vostro PC in un mediacenter vi consiglio Kodi (ex Xbmc). Possiamo installarlo dando da terminale

sudo apt-get install kodi

Fase 7: Utility varie


Cosa manca infine alla vostra Kubuntu? Be, potreste avere bisogno di una serie di utility spesso dimenticate ma utilissime in più frangenti.

L'installazione di tutti i deb avviene attraverso Muon Installer. Accade però che alcuni programmi abbiano problemi nell'installarsi. Per questo motivo consiglio l'installazione del buon vecchio Gdebi-KDE che potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install gdebi-kde

Uno dei programmi che vi consiglio di installare per la gestione dei pacchetti è Synaptic, un programma che spesso si rivela utile, specie quando vogliamo installare qualche pacchetto o programma di cui non ricordiamo bene il nome. Per installarlo diamo da terminale:

sudo apt-get install synaptic

Una utility che non dovrebbe mai mancare è PPA-Purge che consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. Un must have se vi piace provare tutti i PPA che vi capitano a tiro. Lo installiamo da terminale dando

sudo apt-get install ppa-purge

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati. Io lo preferisco al Gestore delle partizioni di KDE in quanto in passato mi ha dato qualche problema con alcune chiavette.
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l'ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

In alternativa potete scaricare il DEB di Mint Stick dai repository di Linux Mint.

Fase 8: Completare l'installazione della lingua italiana


Se eravate connessi alla rete durante l'installazione di Kubuntu dovreste già avere il sistema completamente localizzato, in caso contrario per completare l'installazione dei pacchetti per la lingua italiana vi basterà andare in Impostazioni di sistema, Localizzazione, Lingue e completare l'installazione della lingua. In alternativa potete fare da terminale dando:

sudo apt-get install kde-l10n-it aspell-it myspell-it witalian

Fase 9: Miglioriamo la resa dei caratteri

Per sistemare i caratteri basta andare in Impostazioni di sistema e poi cliccare su Carattere. Vi troverete alla seguente schermata. Come potete vedere dallo screen in allegato. 
In pratica andate spuntare la voce Forza DPI per i caratteri, andate poi in Utilizza l'anti-aliasing per i caratteri mettendolo su Abilitato.



Cliccate ora su Configura e mettete Utilizza sub-pixel hinting RGB e Stile di hinting Moderato


Applicate e riavviate eventuali programmi aperti per godervi il cambiamento. Naturalmente potete giocare anche con le dimensioni dei font come più vi aggrada.