Category archives: Guide

 

 

0

Far funzione la web cam sui portatili Vaio con chipset Ricoh r5u87x su Ubuntu e derivate

Alcuni modelli di portatili Sony Vaio (inclusi i modelli VGN-AR, VGN-CR, VGN-FE, VGN-FZ, modelli più recenti del VGN-SZ e VGN-TZ11) hanno al loro interno una web cam basata sul chipset Ricoh R5U87x (VGP-VCC 4 to 9, product IDs 0x1835 to 0x183e). Queste web cam richiedono la presenza di un firmware che non è presente sul Kernel Linux. 
Per fortuna nel mondo GNU/Linux c'è rimedio a quasi tutto e c'è una soluzione anche a questo http://vaio-utils.org/camera/.
Per gli utenti Ubuntu e derivate c'è anche un comodo repository che supporta i seguenti modelli:

05ca:1803 Flybook V5
05ca:1810 HP Pavilion Webcam
05ca:1835 Sony Camera VGP-VCC5 (used on Sony Vaio SZ laptops)
05ca:1836 Sony Camera VGP-VCC4 (used on Sony Vaio FE laptops)
05ca:1837 Sony Camera VGP-VCC4 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:1839 Sony Camera VGP-VCC6 (used on Sony Vaio CR laptops)
05ca:183a Sony Camera VGP-VCC7 (used on Sony Vaio SZ and TZ11 laptops)
05ca:183b Sony Camera VGP-VCC8 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:183e Sony Camera VGP-VCC9 (used on Sony Vaio FZ laptops)
05ca:1841 Fujitsu F01 / Fujitsu Lifebook U810

Se il vostro laptop è nella lista non vi resta che aggiungere il repository “r5u87x, firmware loader for cameras based on Ricoh R5U87x chipsets” team (attualmente compatibile con Precise, Trusty, Xenil e Yakkety) dando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:r5u87x-loader/ppa

aggiornate

sudo apt-get update

Installate ora il pacchetto contenente il firmware per la web cam Ricoh dando i seguenti comandi:

sudo apt-get install r5u87x

sudo /usr/share/r5u87x/r5u87x-download-firmware.sh

Ora non vi resta che riavviare il vostro Vaio e avviare la web cam che automaticamente riconosciuta dal sistema.

Ringrazio Salvo per aver postato il problema e testato la soluzione :)

 

0

Ubuntu 16.04 LTS no login con i driver nvidia 304.132: Ecco come risolvere il problema

Gli utenti di Ubuntu 16.04 LTS che fanno uso dei driver nvidia 304.132 hanno riscontrato recentemente un grosso problema che gli impedisce di effettuare il login sul proprio PC.
Il problema è connesso all'ultima versione dei driver del ramo 304 attualmente presenti (come update) nei repository di Ubuntu.
In attesa di un possibile fix a monte da parte di nvidia o di Canonical con il downgrade dei pacchetti l'unica soluzione è quella di utilizzare i driver nvidia 304.131 che sono ancora presenti nei repository di Ubuntu 16.04 LTS.
Vediamo come risolvere il problema. 

Nel caso in cui avete già installato i driver nvidia-304.132 la prima cosa da fare è quella di rimuoverli.
Dalla schermata di login premete la combinazione di tasti CTRL+ALT+F1 per loggarvi nella consolle e inserite i vostri dati di accesso.
Da terminale aggiorniamo dando

sudo apt-get update

rimuoviamo i driver nvidia con

sudo apt-get remove nvidia*

sudo apt-get autoremove

ora non ci resta che installare i driver nvidia-304.131 che non sono afflitti dal bug dando

sudo apt-get install nvidia-304=304.131-0ubuntu3

Bene, ora riavviamo il sistema e logghiamoci su Ubuntu.

Adesso dobbiamo istruire il sistema dicendogli di non aggiornare i driver alla nuova versione buggata. Per fare questo dobbiamo creare una regola di pinning. 
Con il nostro editor di testo preferito e con i permessi da super utente creiamo il file /etc/apt/preferences.d/local-nvidia-quirks

Mettiamo il caso di voler utilizzare Gedit. Da terminale diamo:

sudo gedit /etc/apt/preferences.d/local-nvidia-quirks

Adesso abbiamo due strade. Se vogliamo saltare soltanto la versione 304.132 incolliamo all'interno del file

Package: nvidia-304
Pin: version 304.132-0ubuntu0.16.04.2
Pin-Priority: -10

e salviamo.

Se invece vogliamo bloccare anche futuri update del ramo 304 dei driver e restare sempre sulla versione 304.131 incolliamo 

Package: nvidia-304
Pin: version 304.131-0ubuntu3
Pin-Priority: 1001

e ovviamente salviamo il tutto.

Per maggiori dettagli sul bug vi rimando alla segnalazione fatta su Launchpad dove ho tratto la soluzione a questo problema https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/nvidia-graphics-drivers-304/+bug/1639180

 

0

Ubuntu/Mint: Installare i fonts Microsoft in caso di problemi con l'installer

In questi giorni ho notato alcuni problemi nell'installare i Fonts Microsoft su Ubuntu 16.04, Mint 18 e derivate varie tramite il meta pacchetto ttf-mscorefonts-installer presente nei repository di Ubuntu.
In pratica il meta pacchetto tenta di scaricare e installare i fonts ma non ci riesce.  
Questo perché l'installer presente nei repository di Ubuntu tenta di scaricare i pacchetti dall'indirizzo http://downloads.sourceforge.net/corefonts/ anziché dall'indirizzo completo che è http://downloads.sourceforge.net/project/corefonts/the%20fonts/final/

Ci sono diversi modi per poter risolvere il problema, ma il più semplice è quello di utilizzare un pacchetto DEB più recente prelevato dai repository di Debian che punta al percorso giusto.
Come prima cosa assicuriamoci di aver installato cabextract, in caso contrario da terminale diamo

sudo apt install cabextract

Ora passiamo al download del pacchetto aggiornato. Da terminale diamo

wget http://ftp.de.debian.org/debian/pool/contrib/m/msttcorefonts/ttf-mscorefonts-installer_3.6_all.deb

e successivamente installiamo il tutto dando

sudo dpkg -i ttf-mscorefonts-installer_3.6_all.deb

Semplice ed immediato. 

 

0

Come riprodurre file 264 delle telecamere di sorveglianza con VLC

Molte video camere di sorveglianza salvano le loro video registrazioni nel formato 264. Questo formato video necessità di player appositi per essere riprodotto sul proprio PC. Ma se non abbiamo il player video come fare ad aprire il formato 264? Semplice, grazie a VLC opportunatamente configurato.
Dico opportunatamente configurato perché di default, se provate ad aprire un file 264 con VLC otterrete una schermata nera.
Vediamo dunque come configurare VLC per aprire i file 264. Apriamo VLC e andiamo su Strumenti, Preferenze

Nella schermata successiva clicchiamo su Interfaccia, Mostra le impostazioni e li spuntiamo la voce Tutto.


Fatto questo l'interfaccia grafica cambierà e ci verranno mostrate tutte le impostazioni possibili di VLC.
Ora non ci resta che cliccare su Demuxer (1), andare su Modulo demux (2) e dal menu a tendina selezioniamo Demuxer video H264 (di default sta su Automatico). Clicchiamo ora su Salva (3) ed il gioco è fatto.


Andiamo ora ad aprire il video 264 e tutto funzionerà a dovere.


Immagini oscurate per la privacy :)

 

 

0

Compiliamo Epiphany 3.24 (3.23.1) con supporto a Firefox Sync

Con la prima development version di Gnome 3.24 (atteso a Marzo) è stato reso disponibile Epiphany 3.23.1 (aka Web) da tempo il browser di riferimento per Gnome 3x che oltre ad una veste grafica più arrotondata mette in campo svariate novità fra cui il supporto a Firefox Sync

 

0

Installare TeamViewer su Ubuntu 16.10 (risolvere l'errore libpng12-0)

Nei repository di Ubuntu 16.10, la prossima release semestrale di casa Canonical, non c'è più il pacchetto libpng12-0 il quale è stato sostituito da una versione più aggiornata ovvero libpng16-10.
La mancanza di tale pacchetto però è causa di problemi con alcuni software di terze parti che non sono ancora stati aggiornati e dunque ne impedisce l'installazione.

L'errore la dipendenza non può essere soddisfatta: libpng12-0
Uno dei programmi che ne risente è TeamViewer nella sua ultima versione stabile per Linux ovvero la 11.0.57095.
Come risolvere il problema? Semplice, installando la versione presente nei repository di Ubuntu 16.04 LTS.
Andiamo all'indirizzo http://packages.ubuntu.com/xenial/i386/libpng12-0/download e scarichiamo il pacchetto libpng12-0_1.2.54-1ubuntu1_i386.deb da uno dei mirror presenti nella pagina.
Una volta fatto procedete all'installazione di teamviewer_11.0.57095_i386.deb e tutto andrà per il verso giusto.
Ora tutto funziona correttamente

 

0

Telegram e Plasma 5: usare icone monocromatiche per la systray (e risolvere così il problema dell'icona pixelata)


In questi giorni sto riprovando KDE neon, la distro principe per gli amanti di KDE. Durante l'uso della distro mi sono imbattuto in un fastidioso bug che affligge Telegram su Plasma 5 e che fa apparire sgranata l'icona di Telegram nella tray di sistema:


Il problema è stato già segnalato al team di Telegram ma non è ancora stato risolto e si presenta ogni qual volta su Plasma andate a variare la dimensione del pannello inferiore.

Mi sono così messo alla ricerca di un workaround che mi consentisse di risolvere il problema e che magari mi consentisse di uniformare il colore dell'icona di Telegram alla systray monocromatica di Plasma.

La soluzione è giunta grazie al blog di Alessandro Longo che ha realizzato un pacchetto di icone monocromatiche per Telegram in grado di risolvere il problema. Ecco come fare.

La prima cosa da fare è scaricare il pacchetto con le icone monocromatiche per Telegram a questo link. Una volta fatto al suo interno troverete due cartelle:
  • Breeze che contiene le icone adatte al tema Brezza
  • Breeze Dark che contiene le icone al tema Brezza scuro
All'interno delle cartelle troverete una serie di immagini in formato PNG da copiare nella cartella .TelegramDesktop/tdata/ticons/ presente nella vostra Home (abilitate la visione dei file nascosti per vederla).

Una volta copiate le icone da voi scelte vi basterà avviare Telegram e godervi le nuove icone monocromatiche

Ecco come appare Telegram con le icone Breeze
Nel post di Alessandro è inoltre presente una guida che illustra come aggiungere una scorciatoia per switchare rapidamente dal tema Breeze al tema Breeze Dark in modo da non dover star a ricopiare le icone quando cambiate tema.

Via Axel L. blog

 

0

Creare PDF/A o convertire PDF in PDF/A con LibreOffice

Il PDF/A è uno standard ISO (ISO 19005-1:2005 ) che definisce un formato per l'archiviazione nel lungo periodo di documenti elettronici basato sulla versione 1.4 (PDF/A-1) del formato PDF di Adobe Systems Inc. (implementato in Adobe Acrobat versione 5 e successive).
Questo tipo di formato di file è molto richiesto nello scambio di documenti con la pubblica amministrazione italiana. Chi lavora con il Catasto conosce bene questo formato in quanto è richiesto per l'invio di allegati che accompagnano le pratiche catastali.
Quando un utente si trova per la prima volta a dover realizzare un file PDF di questo tipo spesso va nel panico più totale perché non sa con quale software generarlo.
Quest'oggi vi illustrerò come è semplice creare un file PDF/A usando il nostro amato LibreOffice.

Creare un PDF/A con LibreOffice partendo da un file di testo

Questo è il caso più comune ovvero abbiamo scritto una relazione con LibreOffice (o altra suite) e vogliamo convertirlo in PDF/A.
Apriamo il nostro documento di testo che vogliamo salvare nel formato PDF/A. Clicchiamo ora su File, Esporta nel formato PDF...


Nella nuova finestra che si aprirà spuntiamo la voce Archivio PDF/A-1a (ISO 19005- 1) e clicchiamo su esporta.


Indicate il percorso di salvataggio.
Bene, ora il nostro file PDF/A è stato creato e possiamo vederlo nelle proprietà del file appena generato.


Convertire un PDF nel formato PDF/A con LibreOffice

Nel caso fossimo già in possesso di un file PDF (magari generato da altri programmi come quelli di scansione) e vogliamo convertirlo nel formato PDF/A la procedura è simile.
Apriamo LibreOffice e clicchiamo Apri File


e andiamo a selezionare il file PDF che vogliamo convertire nel formato PDF/A.
Una volta fatto il file PDF verrà aperto da LibreOffice Draw.
Clicchiamo ora su FileEsporta nel formato PDF...



Spuntiamo la voce Archivio PDF/A-1a (ISO 19005- 1) e clicchiamo su esporta.


Il file PDF verrà ora convertito da LibreOffice nel formato PDF/A


 

0

Come guardare Netflix su Linux con Firefox 49


Nelle scorse ore Mozilla ha annunciato il rilascio di Firefox 49, la nuova versione del suo famoso browser web.
Una delle novità più attese di questo nuovo rilascio è l'arrivo del supporto nativo per lo streaming su Netflix e Amazon Video.
Firefox 49 è infatti in grado di utilizzare il modulo Widevine Content Decryption fornito da Google Inc. Grazie a questo è possibile guardare in streaming i contenuti soggetti a DRM dai suddetti siti anche su Linux.
Ieri sera mi sono dunque fiondato su Firefox e ho scoperto un piccolo inghippo. Se provate a visualizzare Netflix da Firefox 49 su Linux riuscite si a installare Widevine ma lo streaming non funzionerà ugualmente e vi sarà richiesto di scaricare Silverlight.


Il problema è presto detto: Netflix non riconosce ancora Firefox come browser supportato e dunque dovremo aggirare il problema facendo pensare a Netflix che quello non è Firefox 49 ma Chrome.
Vediamo come fare.

La prima cosa da fare è quella di andare su Netflix e attivare il DRM cliccando sulla finestrella "Attiva DRM" che appare su Firefox 49.


Firefox provvederà ora a scaricare il plugin Widevine.
Una volta fatto (lo trovate nella schermata plugin di Firefox) dobbiamo passare alla fase due.
Andiamo sul sito di Firefox dedicato ai componenti aggiuntivi e scarichiamo User-Agent Switcher di Linder.
Una volta installato configuriamolo come in figura

Ecco come impostare User-Agent Switcher per Netflix
ovvero impostando

  • Desktop Browser: Google Chrome
  • Operating System: Linux
  • Campo relativo al sito: www.netflix.com

Il terzo campo è quello più importante perché ci consente di applicare questi parametri al solo sito di Netflix lasciando l'user agent di default sugli altri.

Ora non ci resta che avviare lo streaming e gustarci Netflix su Linux usando Firefox 49 :)