Category archives: Ubuntu

 

 

0

Ubuntu 15.04: Vivid Vervet

Ubuntu Ubuntu è la distribuzione Linux basata su Debian sviluppata da Canonical disponibile gratuitamente (tramite il supporto della comunità) oppure professionalmente a pagamento. Il desktop manager utilizzato è Unity, sviluppato dalla stessa Canonical, ma sono disponibili anche gli altri desktop manager (Gnome, KDE, XFCE…) Versione 15.04: Vivid Vervet Questa versione contiene: Linux kernel 3.19 Unity 7.3 […]

Related posts:

  1. Ubuntu 14.04.1 Ubuntu Ubuntu è la distribuzione Linux basata su Debian sviluppata…
  2. Ubuntu 14.10: Utopic Unicorn Ubuntu Ubuntu è la distribuzione Linux basata su Debian sviluppata…
  3. Ubuntu 12.04.5 Ubuntu Ubuntu è la distribuzione Linux basata su Debian sviluppata…

 

0

Kernel 4.0.1 approda in Arch Linux

Debutta di default in Arch Linux il nuovo Kernel 4.0.x, ecco come installarlo o aggiornarlo.

Kernel 4.0.1 in Arch Linux
A poche settimane dal rilascio della  versione stabile di Linux 4.0, approda il primo aggiornamento che sancisce l’arrivo nei repository ufficiali stable di Arch Linux. Linux 4.0 porta con se importanti novità a partire dal supporto hardware con migliorie riguardanti i driver open per le schede grafiche Intel, AMD e Nvidia, aggiornamenti per moduli Wireless e Bluetooth oltre ad ottimizzazioni per l’architettura ARM. Importante novità introdotta con Linux 4.0 riguarda le live patching, tecnologia che ci consente di poter includere nuovi moduli, patch ecc nel Kernel senza doverlo riavviare. Linux 4.0.1 è un’aggiornamento che risolve solo pochi bug riscontrati in bpf, tcp, bnx2x e udptunnels, update che troviamo già disponibile per Arch Linux, Ubuntu e derivate.

Continua a leggere…

 

0

Ubuntu 15.10 e l'idea di una versione con Snappy di default

In Ubuntu 15.10 potrebbe approdare una versione con il sistema di pacchetti Snappy al posto di apt / dpkg.

Ubuntu Snappy
A pochi giorni dal rilascio di Ubuntu 15.04 Vivid, gli sviluppatori Canonical stanno già lavorando alla futura versione 15.10 trapelando alcune possibili novità. Will Cooke, Ubuntu Desktop Manager di Canonical, ha segnalato il possibile rilascio di una versione di Ubuntu 15.10 basata sul nuovo sistema di pacchetti Snappy, sviluppato da Canonical che verrà incluso di default nella futura versione con Unity 8 e Mir. Snappy è un sistema di pacchetti che punta a rendere Ubuntu più stabile e sicuro fornendo all’utente la possibilità di avere applicazioni aggiornate e per gli sviluppatori evitare problemi legati a librerie, dipendenze ecc.

Continua a leggere…

 

0

Lenovo ThinkPad E540 con Intel i5 a 500 Euro

Vi segnaliamo Lenovo ThinkPad E540, robusto notebook senza sistema operativo disponibile a 500 Euro.

Lenovo ThinkPad E540
In questi anni abbiamo presentato diversi sistemi della serie ThinkPad di Lenovo, gamma di personal computer creati per essere robusti ed affidabili ottimi per l’uso sia professionale che domestico. Tutti i pc Lenovo ThinkPad sono realizzati con materiali di ottima qualità, le cerniere sono rinforzate, la tastiera resiste a schizzi d’acqua e infiltrazioni di polveri, il pc dispone inoltre del “famoso” trackpoint, dispositivo di puntamento incastonato tra i tasti ‘G’, ‘H’ e ‘B’ con il quale potremo operare sul cursore senza togliere le mani da sopra la tastiera. Tra i tanti modelli della gamma Lenovo ThinkPad vi vogliamo segnalare la versione E540, disponibile nella versione senza sistema operativo a 500 Euro.

Continua a leggere…

 

0

Synfig Studio 1.0 disponibile per il download

Synfig Studio di aggiorna alla versione 1.0, le principali novità e come installarlo in Linux, Windows e Mac.

Synfig Studio in Ubuntu
Per chi non lo sapesse Synfig Studio è un software open source multi-piattaforma per l’animazione vettoriale 2D. Tra le principali caratteristiche di Synfig Studio troviamo la possibilità di creare vari insiemi di fotogrammi per creare un movimento simulato (funzionalità denominata tecnica di tweening), il software include anche utili strumenti per inserire ad esempio ombre, gestire l’opacità, aggiungere effetti in tempo reale ecc. Con il nuovo tecnica Synfig Studio 1.0 arriva un’interfaccia grafica completamente rivisitata con finestra singola (niente più layout in stile GIMP), basata su GTK+3.

Continua a leggere…

 

0

Unsettings 0.10 arriva il supporto per Ubuntu 15.04

E’ disponibile il nuovo Unsettings 0.10, aggiornamento che aggiunge il supporto per Ubuntu 15.04 Vivid e nuove features.

Unsettings in Ubuntu
Unsettings è un’utile software open source che ci consente di personalizzare Ubuntu e l’ambiente desktop Unity attraverso una semplice interfaccia grafica. Dopo diversi mesi di sviluppo, i developer del progetto Unsettings hanno rilasciato la nuova versione 0.10, aggiornamento che include nuove funzionalità oltre ad implementare il supporto per Ubuntu 15.04 Vivid. Oltre a varie correzioni di bug, Unsettings 0.10 include la possibilità di poter mantenere sempre visualizzato il menu (funzionalità introdotta in Ubuntu 15.04 Vivid) oltre a poterlo usare nel pannello oppure nella barra del titolo dell’applicazione. Da notare anche la possibilità di poter personalizzare il pannello e launcher di Unity, possiamo ad esempio gestire le opacità, dimensioni, collegamenti ecc.

Continua a leggere…

 

0

Installare Mobile Media Converter su Ubuntu grazie a GetDeb

Piccolo post che nasce a seguito della richiesta di aiuto da parte di un mio lettore che aveva problemi di dipendenze nell’installare il programma Mobile Media Converter sulla sua Ubuntu 15.04 Vivid Vervet.
Il programma in questione è un semplice ma potete convertitore video molto diffuso e apprezzato.
In questo post vedremo come installarlo e mantenerlo aggiornato grazie al repository GetDeb.

La prima cosa da fare è aggiungere il repository di GetDeb. Possiamo farlo in maniera semplice grazie al DEB presente sul sito di GetDeb. Scaricatelo all’indirizzo http://www.getdeb.net/updates/ubuntu/15.04/
Una volta scaricato il deb installatelo.

Nel caso in cui abbiate installato la versione a 64 bit di Ubuntu (e derivate) dovrete aggiungere il supporto multiarch. Potete farlo dando da terminale

sudo dpkg –add-architecture i386

Aggiornate ora il sistema

sudo apt-get update

ed infine installate Mobile Media Converter dando da terminale

sudo apt-get install mmediac

 

0

Chromixium, Ubuntu in salsa... Chrome OS?

 

0

Dell Inspiron 15 7000 (7548) 2015 4k & Debian…lavori in corso

Hardware Ok, per come era iniziata sono più che soddisfatto. Sto scrivendo questo articolo dal mio nuovo Dell cosa che la settimana scorsa ritenevo impossibile. Il tempo è poco in questo periodo ma, provo lo stesso ad abbozzare un elenco delle cose cose accadute in questi giorni: Dopo la non semplice sostituzione del disco ho […]

 

0

Ripristinare Ubuntu (e derivate) alle impostazioni iniziali

Presumo che Ubuntu (e derivate), distribuzione di GNU/Linux basata su Debian e sviluppata da Canonical, sia il modo in cui l’80% o forse più degli “utilizzatori di PC” si avvicina a questo mondo, parallelo a quello di Windows e OSX, appunto per la sua semplicità di utilizzo.

E come ogni linuxiano alle prime armi un po’ tutti avremo iniziato ad aggiungere repository a ripetizione e ad installare e disinstallare software finchè, ad un certo punto, il nostro PC avrebbe iniziato a manifestare i primi acciacchi: rallentamenti, impuntamenti improvvisi, funzioni che prima appunto funzionavano ed ora non più.

Ci si trova quindi davanti alla domanda cosmica: “E ora che faccio?”, che la maggior parte delle volte trova risposta in una brutale formattazione.

Seppur il metodo sopra citato sia tutt’ora il mio prediletto, di seguito vi spiegherò passo passo come ripristinare Ubuntu, riportandolo a un sistema come “appena installato”, senza torcere neanche un bit ai vostri file personali.

Per questa procedura avremo bisogno di una versione del nostro sistema vergine, che sia in formato ISO o che sia su USB (se li usate ancora va bene anche masterizzato su CD/DVD).
In particolare sfrutteremo due file presenti nell’immagine del Sistema Operativo:

casper/filesystem.manifest
casper/filesystem.manifest-remove

Una volta identificati copiamoli in una posizione a piacere sul nostro pc.
Questi file contengono la lista dei pacchetti presenti nel momento dell’installazione della nostra distribuzione ed il procedimento che vi mostrerò non farà altro che confrontare questi file con i pacchetti installati sul nostro computer, in modo da ottenere una lista dei pacchetti installati dall’utente.

Innanzitutto iniziamo a lavorare su questi due file.
Apriamo il terminale, spostiamoci nella cartella con i due file tramite il comando cd e diamo il comando:
comm -3 <(cat filesystem.manifest | awk ‘{print $1}’ | sort) <(cat filesystem.manifest-remove | sort) > pacchetti_iniziali
In particolare:

comm permette di confrontare i due file (il parametro -3 considera solo le righe che appaiono in entrambi i file)
cat permette di stampare su standard output il contenuto di un file
awk permette di elaborare testi formattati in colonne (il parametro ‘{print $1}’ stampa solo la prima colonna di sinistra)
sort permette di ordinare le righe dei file in ordine alfabetico, da dare in pasto a comm, che richiede che i file siano ordinati

Una volta dato questo comando verrà creato il file pacchetti_iniziali che conterrà la lista dei pacchetti preinstallati sul sistema.

Con la stessa filosofia otteniamo i pacchetti installati attualmente sul nostro pc con il comando:
dpkg –get-selections | awk ‘{print $1}’ | sort > installati.

A differenza del comando precedente qui abbiamo usato il tool dpkg (abbreviazione di Debian package) che con il parametro –get-selections permette di ottenere la lista dei pacchetti attualmente installati.

Ora abbiamo tutti gli strumenti su cui lavorare: facendo infatti la differenza tra i pacchetti installati e quelli preinstallati (insomma, tra installati e pacchetti_iniziali) possiamo ottenere sia i pacchetti aggiunti dall’utente che quelli rimossi. Per farlo useremo lo strumento diff, che permette di confrontare due file riga per riga:
diff -u pacchetti_iniziali installati | [...]

Il post Ripristinare Ubuntu (e derivate) alle impostazioni iniziali è stato pubblicato su InTheBit – Il Blog sulla Tecnologia che alimenta le tue passioni!.