Tags archives: browser

 

0

Ubuntu: script per installare e aggiornare Pepper Flash Player

In questa guida vedremo come utilizzare un semplice script per installare, aggiornare e operare in Pepper Flash Player su Ubuntu.

Flash player script Ubuntu
La decisione da parte di Adobe di abbandonare lo sviluppo del plugin Flash Player per Linux ha portato diverse discussioni e diverse problematiche agli utenti. L’attuale versione 11.2 di Flash Player per Linux risulta ormai datata, per gli utenti che richiedono ancora il plugin proprietario di Adobe è possibile avere la versione aggiornata solo tramite il browser Google Chrome. Per fortuna possiamo avere Adobe Flash Player aggiornato anche in Mozilla Firefox e Chromium grazie al tool Pepper Flash Player che consente l’utilizzo del plugin di Google Chrome anche in altri browser.

Continua a leggere…

 

0

NetSurf semplice e leggero web browser per Linux

Vi presentiamo NetSurf, interessante web browser open source consigliato per l’utilizzo in personal computer datati.

NetSurf in Ubuntu
Oltre ai famosi Firefox e Chrome / Chromium, nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux troviamo numerosi browser con caratteristiche ben diverse tra loro. Tra questi troviamo anche diversi browser “leggeri”, sviluppati principalmente per richiedere poche risorse come ad esempio NetSurf. NetSurf è un browser web open source con interfaccia grafica GTK+ disponibile sia per Linux e Apple Mac oltre ad altre piattaforma poco conosciute come ad esempio AmigaOS, Atari, Risc OS, BeOS/Haiku. L’idea del progetto NetSurf è quella fornire un leggero web browser in grado di supportare al meglio i vari standard web oltre a richiedere pochissime risorse.

Continua a leggere…

 

0

Microsoft dice stop ad Internet Explorer

Microsoft ha annunciato l’addio ad Internet Explorer, lunga vita a Firefox e Google Chrome.

Internet Explorer
Internet Explorer è uno dei browser tra i più conosciuti ed utilizzati al mondo per il semplice fatto di essere di default in Microsoft Windows. Difatti il browser di Microsoft risulta uno dei peggiori attualmente disponibili visto le tante falle incluse che rendono poco sicura la privacy degli utenti (a tal punto da essere bandito nel Regno Unito e negli Stati Uniti). Internet Explorer viene attualmente abbandonato da molti utenti ed aziende che scelgono altre soluzioni open source come ad esempio Mozilla Firefox in grado di offrire una maggiore sicurezza (oltre a rendere la navigazione più veloce), per questo motivo Microsoft ha deciso di abbandonarlo per puntare esclusivamente sul nuovo Project Spartan browser che sarà di default in Windows 10.

Continua a leggere…

 

0

Installare le estensioni di Opera in Google Chrome

In questa guida vedremo come installare facilmente le estensioni per Opera in Google Chrome e Chromium.

Chrome - Estensioni Opera
Gli sviluppatori Opera Software hanno lavorato molto in questi anni per rendere il famoso web browser proprietario sempre più completo e veloce. Gli ultimi aggiornamenti di Opera hanno portato numerosi cambiamenti a partire dalla “core” del browser che ora si basa su Chromium ossia la versione open source di Google Chrome. Con le nuove versioni di Opera è possibile installare anche le estensioni native di Google Chrome oltre alle tante dedicate. Per gli utenti che utilizzano Google Chrome o Chromium è possibile installare le estensioni native per Opera effettuando alcune semplici operazioni.

Continua a leggere…

 

0

Webby Browser creare facilmente applicazioni web per Linux

Vi presentiamo Webby Browser, software che ci consente di creare facilmente e velocemente applicazioni web dei nostri siti web preferiti.

Webby Browser Apps
Tra le tante funzionalità disponibili con il browser Google Chrome / Chromium, Rekonq, eccc troviamo anche la possibilità di creare facilmente applicazioni web dei nostri siti web preferiti. Potremo quindi avviare Facebook, Twitter o altri siti web, social network, forum ecc preferiti direttamente da menu e senza avviare l’intero browser, funzionalità che possiamo avere grazie anche a Webby Browser.
Webby Browser è un software open source con il quale potremo creare e gestire facilmente applicazioni web da avviare direttamente dal nostro menu.

Continua a leggere…

 

0

Interview with the team of Vivaldi, the new cross-platform web browser based on Blink

1) Why did you choose Vivaldi as your brand name?
We wanted to have a name that is easy to remember, internationally recognisable and without requiring translation, and innovative. Vivaldi’s music was considered to be quite innovation back then.
2) Which technologies do you use in the software? And why did you choose them?
We are using the Blink rendering engine from Google (Chromium). For the UI we are mainly using modern web based technologies (one of them being React.js). We chose Blink since it’s the most used rendering engine out there making sure we can render as many sites as possible in the way the user expect. As for the UI we chose modern web based technologies since they are flexible and offer opportunities to implement UI elements that otherwise would be very difficult to implement. An example is the chameleon toolbar color change adapting the web site’s color scheme.
3) Did you think about open sourcing your codebase before starting coding?
No, to be frank, we didn’t think about that. We wanted to get the product out as soon as we can and get feedbacks from people. That has been and is our focus. For us, that is the most important thing.
4) How do you code? Which programming techniques do you use in your team?
We use C++, and javascript. Our UI is mainly done using Javascript which is quite unique as far as web browsers go. On the other hand it’s natural to use web technologies in a product which is designed to render the web.
5) What’s your opinion about W3C standards compliance? Will you implement vendor-specific CSS extensions?
Standards compliance is pretty important. Web compatibility continue to be an issue and all browser vendors including us need to make collective effort to keep the Web compatible. When we are introducing a new features, say CSS, we need to be careful. CSS vendor prefix enabled a way to turn on certain feature for specific browser but it caused lasting issues in return as we know.
We’ve discussed among browser vendors how new feature can be introduced without breaking the Web. We need some coordinated effort.
6) Which features will make your browser recognizable with respect to Maxthon, UC Browser, Yandex (all browsers based on Webkit/Blink)?
We have some unique features that are available in another browser such Notes, Tab stacking, Advanced Speed dials etc. However, it’s not just a list of features which would make us unique. We focus on user experience. There are many details that we try to make it right so that when users use those features even existing features available in another browser, it works better. Clearly, we are focusing on power users, so our design decision is catered toward that segment.
7) Which is your business model?
Our business model is to generate revenue through partnerships with search engines, e-commerces sites, as well as other content partners.
8) There will be a Modern UI version?
There will only be one version of Vivaldi as far as the UI goes. The design you already see is the one we will build on moving towards a final release. We are also looking at a mobile version of Vivaldi.
9) Some people criticize Google Chrome because it’s becoming a “memory hog” (cfr http://gizmodo.com/fuck-it-im-going-back-to-firefox-1685425815). How will you handle the memory usage? Do you plan to favor performance or resources usage?
As you know we are using the Blink rendering engine from Google (Chromium) so Vivaldi’s memory usage initially not differ drastically for that of Chrome/Chromium, but over time we will work on the rendering engine possibly pulling more performance out of it than any other browser currently using it. We will also work on memory management and again, we will work on the code reducing memory consumption to an absolute minimum without sacrificing performance.
10) Some people think that there’s lack of browsers using QT libraries. Whats’s your opinion? Would you consider using it?
We would not consider using Qt. We do not have experience with it. We strongly feel that to create a modern efficient web browser application, Web technologies is a great choice. It gives us lot of flexibility and enables us to support all 3 major platforms with very small development team.
11) The Webkit / Blink developer tools are awesome. Do you thing there’s space for improvement? I noticed that at the moment it doesn’t dock to the window as in Chrome for example.
There’s always room for improvement, also in this regard. We will begin looking at how we can implement and possibly improve on the developer tools currently offered in Chrome. We have some ideas already :)
12) In a world where everyone wants to drop 32bit support, you chose to add it. Why?We are creating this browser for the user. We decided initially to drop 32 bit, but had so many requests for it that we decided to include it. A lot of what you will see included in Vivaldi will come from our users in addition to the features you currently see.


13) A certain browser uses data compression, do you plan to introduce a similar feature?
We have not decided whether to include those kind of technologies. Again, we will be listening to our users and analyze the market. If it turns out that this is something people want and/or need we will consider including it.

 

0

Intervista al team di Vivaldi, il nuovo browser multi piattaforma basato su Blink

Per la serie le interviste di Marco’s Box quest’oggi abbiamo il piacere di intervistare il team di Vivaldi, il nuovo browser web multi piattaforma basato su Chromium (Blink) nato dalla mente di Jon von Tetzchner, un nome che ai più potrà risultare anonimo ma che i più nerd di voi di certo riconosceranno. Jon von Tetzchner è infatti il co-fondatore ed ex CEO di Opera. 
Buona lettura e come al solito non dimenticatevi di sharare l’intervista che è disponibile anche in lingua inglese.


1) Come mai avete scelto Vivaldi come marchio?
Volevamo avere un nome facile da ricordare, riconoscibile in tutto il mondo, che non richiedesse una traduzione e fosse innovativo. La musica di Vivaldi era innovativa per la sua epoca.

2) Quali tecnologie usate? Per quali motivi?
Usiamo il motore di rendering Blink di Google (quello di Chromium). Per la UI usiamo principalmente tecnologie web moderne (tra le quali React.js). Abbiamo scelto Blink poiché è il motore di rendering più usato nel panorama facendo così in modo di visualizzare più siti possibile nel modo che un utente si aspetta. Per la UI abbiamo scelto di usare tecnologie web poiché sono flessibili ed offrono opportunità di implementare elementi della UI difficilmente fattibili in altro modo. Un esempio è il cambio di colore camaleontico della barra degli strumenti che si adatta allo schema di colori del sito web che si stanno visitando.

3) Avete pensato a rendere open source il vostro codice?
Ad essere onesti, non ci abbiamo pensato. Volevamo far uscire il prodotto il prima possibile per ricevere feedback dagli utenti. quello è stato ed è ciò su cui ci concentriamo. Per noi è la cosa più importante.

4) Come programmate? Quali tecniche di programmazione usate all’interno del team?
Usiamo C++, e Javascript. La nostra interfaccia utente è fatta con Javascript, cosa abbastanza unica nel settore dei browser. D’altro canto è naturale usare tecnologie web in un prodotto progettato per renderizzare il web.

5) Qual’è la vostra opinione sul conformarsi agli standard del W3C? Implementerete estensioni CSS proprietarie?
La conformità agli standard è abbastanza importante. La compatibilità nel web continua ad essere un problema e tutti i produttori di browser, noi inclusi, devono fare uno sforzo collettivo per mantenere il Web compatibile. Quando introduciamo una nuova caratteristica, ad esempio una regola CSS, dobbiamo stare attenti. Il prefisso proprietario nel CSS permetteva di abilitare una certa caratteristica per browser specifici ma ha causato problemi duraturi come sappiamo bene, Abbiamo discusso con altri produttori come introdurre nuove caratteristiche senza rompere il Web. Abbiamo bisogno di uno sforzo coordinato.

6) Quali caratteristiche renderanno il vostro browser riconoscibile rispetto a Maxthon, UC Browser, Yandex (tutti browser basati su Webkit/Blink)?
Abbiamo alcune caratteristiche particolari che sono disponibili in un’altro browser come le Note, il raggruppamento delle schede, Speed Dial avanzati, eccetera. Comunque non è una lista di caratteristiche che ci renderebbe unici. Noi ci focalizziamo sulla esperienza utente. Ci sono molti dettagli che tentiamo di fare bene di modo che quando gli utenti usano certe funzioni, anche se disponibili in altri browser, esse funzionino meglio. Chiaramente ci focalizziamo sui power user, quindi le nostre decisioni di progettazione sono rivolte verso quel segmento.

7)  Qual’è il vostro modello di business?
Il nostro modello di business sarà generare guadagni tramite accordi con i motori di ricerca, siti di e-commerce, così come con altri partner produttori di contenuti.

8) Ci sarà una versione Modern UI?
Ci sarà una unica versione di Vivaldi per quanto riguarda la UI. Lo stile che vedete già adesso è quello sul quale costruiremo muovendoci verso il rilascio finale. Stiamo anche pensando ad una versione mobile di Vivaldi.

9) Alcune persone criticano Google Chrome perchè sta diventando “avido di risorse” (ad esempio http://gizmodo.com/fuck-it-im-going-back-to-firefox-1685425815). Come gestirete l’utilizzo della memoria? Pensate di prediligere le prestazioni o l’uso delle risorse?
Come sapete usiamo il motore di rendering Blink di Chromium quindi inizialmente l’utilizzo dela memoria non sarà drasticamente diverso inizialmente rispetto a Chrome/Chromium, ma con il tempo lavoreremo sul motore di rendering spingendone le prestazioni rispetto agli altri browser. Lavoreremo anche sulla gestione della memoria e sul codice per ridurre il consumo della memoria al minimo assoluto senza sacrificare le performance.

10) Alcuni pensano che manchino browser che si basano sulle librerie QT. Cosa ne pensate? Potreste considerare di usarlo?
Non considereremmo l’uso di QT. Non ne abbiamo esperienza. Sentiamo fortemente che creare un browser moderno ed efficiente con le tecnologie web sia una grande scelta. Ci da’ un sacco di flessibilità e ci permette di supportare le tre maggiori piattaforme con un team di sviluppo molto piccolo.

11)  I tool di sviluppo di Webkit / Blink sono fighi. Credete che ci sia margine di miglioramento? Ad esempio mi sembra che non si possano aprire nella stessa finestra come su Chrome.
C’è sempre margine di miglioramento, anche su questo. Inizieremo a vedere come possiamo implementare e possibilmente migliorare gli strumenti per lo sviluppo attualmente disponibili in Chrome. Abbiamo già delle idee :)

12) In un mondo nel quale tutti vogliono abbandonare il supporto ai 32 bit, voi avete scelto di fornirlo. Perché?
Stiamo creando questo browser per l’utente. Abbiamo inizialmente scelto di abbandonare il supporto per i 32 bit, ma abbiamo avuto molte richieste a riguardo che ci hanno fatto scegliere di includerlo. Molto di quello che vedrete aggiunto in futuro a Vivaldi sarà originato dai nostri utenti.

13) Un certo browser usa un metodo di compressione dei dati, introdurrete una funzionalità simile?
Non abbiamo ancora deciso se includere o meno questo tipo di tecnologie. Di nuovo, ascolteremo i nostri utenti ed analizzeremo il mercato. Se verrà fuori che questo è ciò che vogliono e/o hanno bisogno gli utenti prenderemo in considerazione di aggiungerlo.

 

0

Compiliamo Firefox 39.0a1Gtk3

Firefox building Compiliamo Firefox 39.0a1 Gtk3 implementando il supporto H.264. Procuriamoci i sorgenti: Mozilla Nightly non fa parte del ramo release quindi non esistono tarball ufficiali con il codice sorgente, affidarsi a git per clonare i vari rami, può risultare poco pratico. Per comodità possiamo procurarci i sorgenti da github direttamente a questo indirizzo. Scompattiamo […]

 

0

Mozilla rilascia Firefox 36 Stabile

Mozilla ha rilasciato il nuovo Firefox 36 Stabile, aggiornamento che include il completo supporto per HTTP/2 e molto altro ancora.

Firefox 36 in Ubuntu
Mozilla ha reso disponibile la nuova versione stabile numero 36 di Firefox, il famoso browser open source multi-piattaforma. Firefox 36, oltre a svariate correzioni di bug, include il completo supporto per il protocollo HTTP/2, velocizzando quindi la navigazione oltre a ridurre l’utilizzo della banda. Con il nuovo Firefox 36 arriva il supporto nativo per HTML5 YouTube playback, il quale però non sarà attivo di default (potremo attivarlo dalle impostazioni avanzate del browser about:config impostando in true l’opzione media.mediasource.enabled).

Continua a leggere…

 

0

Ubuntu Touch Apps il nuovo store non ufficiale per Unity 8

Vi presentiamo Ubuntu Touch Apps, un nuovo store web non ufficiale che ci consente di installare facilmente nuove app in Ubuntu Phone da browser.

Ubuntu Touch Apps
E’ finalmente disponibile nel mercato il nuovo BQ Aquaris E4.5 Ubuntu Edition, il primo smartphone ad includere di default Ubuntu Phone il nuovo sistema operativo mobile di Canonical basato su Unity 8 e il nuovo server grafico Mir. Dal Software Center di Ubuntu Phone sono già disponibili diverse applicazioni dedicate che possiamo installare facilmente da device mobile, in alternativa possiamo anche testarle sul nostro pc grazie ad un semplice script denominato applist tool (per maggiori informazioni). Inoltre è disponibile anche il nuovo store non ufficiale denominato Ubuntu Touch Apps, un progetto open source che ci consente di installare le applicazioni preferite in Ubuntu Phone direttamente da browser.

Continua a leggere…