Tags archives: informatica

 

0

Manjaro: arrivano le nuove Manjaro KDE-Next e Manjaro-i3 e le ISO aggiornate di Manjaro GNOME e Manjaro LX

Mese ricco di rilasci per Manjaro, la distro basata su Arch che mira a fornire un sistema operativo facilmente installabile e rilasci cadenzati che ne migliorano l’appetibilità per l’utente domestico.
Vediamo quali sono le novità.

Manjaro-i3

La prima riguarda il rilascio di Manjaro-i3 0.8.13.1. Si tratta di una community edition di Manjaro basata sul windows manager i3 che è in grado di offrire un ambiente leggerissimo che consuma un quantitativo di RAM praticamente irrisorio.

Manjaro GNOME

Sul fronte GNOME troviamo l’arrivo di Manjaro Gnome 0.8.13.1, la nuova ISO comunitaria aggiornata all’ultima release stabile di GNOME 3.16.2. Questa versione è basata sul ramo stabile di Manjaro e offre uno GNOME vanilla senza personalizzazioni di sorta. È dunque indicata per quegli utenti che vogliono provare GNOME come mamma l’ha fatta.

Lato desktop leggeri (e imparentati) troviamo le nuove ISO di Manjaro LX 0.8.13.1. Perché nuove ISO? Be perché per LX si intendono le due distro leggere LXDE ed LXQT.
La versione basata su LXDE offre una personalizzazione leggera che comprende principalmente il tema di sistema e delle icone, una selezione di applicazioni leggere e i google DNS impostati di default (non chiedetemi perché).

Manjaro LXDE

Anche la versione LXQT offre una personalizzazione nel look abbinata ad una selezione di applicativi leggeri che ben si sposano con la natura leggera del desktop environment.

Manjaro LXQT

L’ultima è Manjaro KDE-Next 2015.08, una nuova ISO che vi consente di provare KDE Plasma 5.4 (che come ben saprete è attualmente in fase di sviluppo). Anche per questa ISO valgono le considerazioni delle altre ovvero troviamo un ambiente desktop personalizzato nel look dal team di Manjaro.

Manjaro KDE-Next

 

0

Installare LibreOffice 5.0 su Linux Mint da PPA

Linux Mint 17.2 con LibreOffice 5.0

Qualche giorno fa è stato rilasciato LibreOffice 5.0, la nuova major release della nostra amata suite da ufficio.
Questa nuova versione è già giunta nel PPA LibreOffice Fresh.
Se su Ubuntu è facilissimo aggiornare grazie a questi due PPA su Linux Mint 17.2 le cose non sono così semplici. Chi di voi ha provato a farlo si sarà accorto che, dopo aver aggiunto il PPA, non è arrivato nessun aggiornamento per LibreOffice. Questo accade perché su Linux Mint 17.2 Rafaela il pacchetto di LibreOffice è fornito direttamente dai repository principali della distro ed è stato pinnato. Questo significa che il pacchetto relativo a LibreOffice fornito da Linux Mint avrà sempre la priorità dell’aggiornamento rispetto a quelli di terze parti.
Come risolvere? Scopriamolo insieme.
Il trucco sta nel creare un file libreoffice.pref all’interno della cartella /etc/apt/preferences.d/ nel quale andremo ad aggiungere alcune righe per modificare il pinning.
Come prima cosa, qualora non l’avessimo ancora fatto, aggiungiamo il PPA. Da terminale diamo:

sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa

Andiamo ora a creare il suddetto file. Da terminale diamo:

sudo gedit /etc/apt/preferences.d/libreoffice.pref

(naturalmente potrete sostituire gedit con il vostro editor di testo preferito)

All’interno del file incolliamo quanto segue:

Package: *
Pin: release o=LP-PPA-libreoffice
Pin-Priority: 700

Salvate il file e chiudete
Ora sarà possibile aggiornare dando da terminale

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Via

 

0

GNOME compie 18 anni!

Venerdì 15 Agosto del 1997 nasceva GNOME.

GNOME, inizialmente fondata da due studenti universitari, Miguel de Icaza e Federico Mena Quintero, aveva l’obiettivo di produrre un ambiente desktop completamente libero, bello e semplice da usare.

GNOME 3.16, l’ultima versione stabile del nostro amato DE

A distanza di 18 anni il progetto è ancora vivo e vegeto e continua nella sua mission di fornire un desktop graficamente curato e all’avanguardia.
Buon compleanno GNOME, tanti auguri per i tuoi 18 anni!

#HappyBirthdayGNOME #IAMGNOME #GNOME2015

 

0

Marco's Box I/O 2x21

Le lune e l’anello di Saturno Mimas e Dione ripresi dalla sonda Cassini [Gizmodo]
  • Alla conferenza Blackhat è stata presentata una falla nell’architettura x86 introdotta nel 1997 che permette di installare un rootkit nel firmware di un processore [HWUpgrade]
  • Una ricerca italiana ha mostrato una tecnica di neurostimulazione a distanza tramite ultrasuoni [Oggiscienza]
  • Un’altro metodo per prendere il controllo (parziale) di un’autovettura sfrutta i sistemi di diagnostica installati dalle compagnie di assicurazione [The Verge]
  • Un gruppo di hacker ha fatto diversi milioni di dollari di guadagno infiltrandosi in un sistema dove venivano caricate prima del loro rilascio le press release di società quotate in borsa [Gizmodo]
  • Telefonica ha organizzato una competizione per start up che lavorano sul machine learning il cui giudice sarà un algoritmo di machine learning [The Verge]
  • Pixar prepara per l’estate dell’anno prossimo il rilascio del suo software di coordinamento delle scene grafiche, sperando che diventi lo standard nel settore [The Verge]

 

0

Ubuntu apre il nuovo PPA per i driver nVidia

Alcuni developers di Ubuntu hanno deciso di creare il nuovo PPA Proprietary GPU Drivers che contiene gli ultimi driver stabili nVidia per la nostra amata (o odiata, fate voi) distribuzione.

Il nuovo PPA è attualmente in fase di testing ma può comunque essere usato da chi non si spaventa dinanzi ad una schermata nera e sa come rimuovere il PPA e tornare ai driver di default. Se tutto andrà bene andrà a stabilizzarsi nei prossimi giorni/settimane.

 

0

Fedy è morto per colpa di Apple, ora si cerca una nuovo manutentore

Brutte notizie per tutti i soddisfatti utenti di Fedy, il tool post installazione per Fedora che consente agli utenti alle prime armi (ma non solo) di completare con pochi click la propria installazione di Fedora aggiungendo programmi e configurando alcune cose come i fonts di sistema.

Satyajit Sahoo, lo sviluppatore principale di Fedy nonché l’autore del famoso tema Numix, ha deciso di abbandonare il progetto ed è attualmente alla ricerca di qualche sviluppatore intenzionato a ereditarlo e portarlo avanti.

Il motivo? Semplice, Fedora non è più il sistema operativo principale di Satyajit che da qualche tempo è passato ad Apple e sviluppa su tale macchina.

Fortunatamente alcuni sviluppatori si sono già fatti avanti per ereditare il progetto.

Maggiori dettagli su Google+

 

0

Rilasciato Firefox 40.0: maggiore protezione dal software malevolo e miglioramenti vari su Linux

Mozilla ha annunciato il rilascio di Firefox 40.0. Questa nuova versione porta con se il pieno supporto a Windows 10 che si traduce anche in un look più curato dell’ui che si armonizza al meglio con il sistema.

Firefox 40.0 su Windows 10

Altra grande novità è il potenziamento della funzionalità che consente a Firefox di bloccare software potenzialmente pericoloso. La funzionalità in questione, aggiunta in Firefox 39, è stata ora estesa anche alle versioni per Mac e Linux. In aggiunta a questo, Firefox 40 è ora in grado di mostrare un avviso se sei visita una pagina nota per contenere software ingannevole che può apportare modifiche indesiderate al computer

Gli utenti GNU/Linux otterranno ora miglioramenti nello scrolling delle pagine e prestazioni migliori durante la riproduzione dei video.
Non mancano poi alcuni miglioramenti sotto il cofano fra cui miglioramenti delle performance del NPAPI Plug-in, miglioramenti nella gestione della memoria quando si scalano le immagini JPEG e alcuni miglioramenti nella gestione dell’HTML5.
Ecco un riepilogo delle principali novità

What’s New

  • NEW
    Support for Windows 10
  • NEW
  • NEW
    User can receive suggested tiles in the new tab page based on categories Firefox matches to browsing history (en-US only).
  • NEW
    Hello allows adding a link to conversations to provide context on what the conversation will be about
  • NEW
    New style for add-on manager based on the in-content preferences style
  • NEW
    Improved scrolling, graphics, and video playback performance with off main thread compositing (GNU/Linux only)
  • NEW
    Graphic blocklist mechanism improved: Firefox version ranges can be specified, limiting the number of devices blocked
  • CHANGED
    Add-on extensions that are not signed by Mozilla willdisplay a warning
  • CHANGED
    NPAPI Plug-in performance improved via asynchronous initialization
  • CHANGED
    Smoother animation and scrolling with hardware vsync(Windows only)
  • CHANGED
    JPEG images use less memory when scaled and can be painted faster
  • CHANGED
    Sub-resources can no longer request HTTP authentication, thus protecting users from inadvertently disclosing login data
  • HTML5
    IndexedDB transactions are now non-durable by default
  • HTML5
    Implemented AudioBufferSourceNode.detune to modulate playback rate in cents, a logarithmic unit of measure used for musical intervals
  • DEVELOPER
    Improved Performance tools in the developer tools:Waterfall view, Call Tree view and a Flame Chart view
  • DEVELOPER
    New rules view tooltip in the Inspector to tweak CSS Filter values
  • DEVELOPER
    Console API messages from SharedWorker and ServiceWorker are now displayed in web console
  • DEVELOPER
    New page ruler highlighting tool that displays lightweight horizontal and vertical rules on a page
  • DEVELOPER
    Inspector now searches across all content frames in a page
  • FIXED
    Kannada text does not display properly in built-in pdf viewer
  • FIXED

Known Issues

  • UNRESOLVED
    If Firefox is restarted from an add-on install notification, on-going private browsing downloads might be canceled without warning (1185294)

 

0

KDE rilascia Plasma 5.4 Beta (aka Plasma 5.3.95)

Il team di KDE ha annunciato il rilascio della versione Beta di KDE Plasma 5.4
Questa nuova release di Plasma porta con se molti ritocchi per quanto riguarda il lato estetico della distro. La prima cosa è un supporto migliore agli schermi con DPI elevato (finalmente n.d.r.), nuove icone per Breeze (che son si carine però imho peccano nel voler sostituire le icone dei programmi di terze parti, io preferisco avere l’icona di default di Firefox, Chrome o LibreOffice), un nuovo wallpaper (questo potevano tenerselo) e alcune novità per i widget.
Ma vediamo nel dettaglio cosa cambia:

Nuovo Applet per il controllo del volume che è in grado di lavorare direttamente con PulseAudio. L’interfaccia è semplice e con un design pulito (per la gioia dei fan del minimalismo)

Application Dashboard, un nuovo launcher a tutto schermo che vi consente di trovare facilmente e rapidamente le applicazioni così come i documenti recenti o le nostre applicazioni preferite. Di questo launcher ne avevamo già parlato questa mattina con un post dedicato che contiene una video preview del suo funzionamento.
Nuove icone per Breeze, ora il set di icone Breeze conta oltre 1400 nuove icone che coprono non solo le applicazioni di KDE ma anche le applicazioni di terze parti come Firefox. LibreOffice, Inkscape etc…
Cronologia delle ricerche per KRunner che ora ricorda le ricerche che noi abbiamo effettuato in precedenza ed è in grado di offrirci l’auto-completamento durante la digitazione.
L’applet networks è ora in grado di visualizzare i grafici del traffico di rete. Supporta inoltre due nuovi plugin VPN per il collegamento su SSH o SSTP.
Troviamo inoltre:
  • Migliorato sensibilmente il supporto per il DPI elevato
  • Consumo di memoria migliorato
  • La ricerca desktop è ora migliorata e velocizzata 
  • Le note supportano ora il drag & drop e la navigazione da tastiera
  • L’applet cestino ora funziona nuovamente con il drag & drop
  • Vassoio di sistema migliorato in termini di velocità e configurabilità
  • Aggiunta la Tech Preview con Wayland (sessione completa di Plasma wayland) 
  • Documentazione rivista e aggiornata
  • Migliorato il layout per l’orologio digitale in presenza di pannelli sottili
  • Supporto alla data in formato ISO nell’orologio digitale
  • Nuova modalità per passare facilmente dal formato 12h a quello 24h nell’orologio digitale
  • Numeri delle settimane nel calendario
  • Qualsiasi tipo di oggetto può essere inserito fra i preferiti in Kicker (l’avviatore applicazioni) da qualsiasi visualizzazione, aggiunto inoltre il supporto per i documenti e i contatti Telepathy preferiti
  • I contatti preferiti di Telepathy mostrano ora la foto del contatto e lo status in tempo reale
  • Migliorata la gestione degli applet sul desktop
  • Diversi miglioramenti nell’applet Vista Cartelle
  • Miglioramenti vari nel Task Manager
  • Aggiunto lo strumento per la configurazione del monitor
  • Aggiunto kwallet-pam che si occupa di aprire il portafoglio al login
  • User Manager va a sostituire User Account per la sincronizzazione dei contatti in Kconfig
  • Miglioramenti nelle prestazioni in Kicker nonché sono stati corretti alcuni bug
Trovate il changelog completo (e tradotto meglio visto che faccio schifo con l’inglese) all’indirizzo https://www.kde.org/announcements/plasma-5.3.2-5.3.95-changelog.php

 

0

Rilasciato il codice sorgente di Ubuntu One lato server

Una delle critiche più condivise mosse nel corso degli anni ad Ubuntu One – il servizio di storage online simile a Dropbox o Google Drive, ma creato da Canonical e integrato nelle vecchie versioni di Ubuntu – era il fatto di essere closed source nella sua parte più importante, quella lato server.

Ieri, con un annuncio ufficiale, Canonical ha messo a disposizione di chiunque anche il codice sorgente di quei componenti che prima non erano disponibili al pubblico così da permettere a chiunque di creare e hostare la propria piattaforma analoga ad Ubuntu One.

Il codice è stato rilasciato sotto licenza AGPLv3 ed è disponibile su Launchpad. Canonical afferma inoltre che sta lavorando anche per il rilascio delle altre parti di codice relativo ad Ubuntu One (lo streaming musicale e l’interfaccia web ad esempio), ma non vi sono date prestabilite.