Tags archives: kubuntu

 

0

Kubuntu 14.10 Utopic Unicorn, cosa installare per completarla

Kubuntu 14.10 cosa installare per completarlo

Kubuntu 14.10

Fase 1: Installare Muon, abilitare i repository Partner di Canonical e aggiornare il sistema

Andiamo ad abilitare i repository Partener di Canonical che ci serviranno per installare programmi come Skype.
Per far ciò vi consiglio di installare come prima cosa il Gestore di pacchetti Muon che su Kubuntu 14.10, un utile strumento che funziona come Synaptic e ci consente di gestire pacchetti etc.
Da terminale diamo

sudo apt-get install muon

Una volta fatto nel menu di avvio cerchiamo gestore di nel campo di ricerca e selezioniamo poi il Gestore di pacchetti Muon.

Clicchiamo ora su Impostazioni e poi Configura le fonti software. Andiamo ora a selezionare Altro software e a spuntare i repository Partner di Canonical

Chiudiamo. Muon ora caricherà in automatico i repository e vi proporrà di aggiornare il sistema.
Avviate ora il terminale (konsole su KDE) e aggiornate il sistema con un bel

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Fase 2: Installazione Codec, font microsoft, adobe flash, OpenJDK e il plugin per il browser

Andiamo ora ad installare i vari codec multimediali, supporto ai file compressi, font microsoft e adobe flash player. Possiamo farlo installando un solo pacchetto che provvederà a fare tutto da se.
Da terminale digitiamo

sudo apt-get install kubuntu-restricted-extras p7zip

Durante l’installazione apparirà la richiesta di accettare l’installazione dei caratteri microsoft. Spostatevi con i tasti freccia e confermate le operazioni.

Andiamo ora ad installare openjdk e il plugin per il browser dando da terminale

sudo apt-get install openjdk-7-jre icedtea-7-plugin

In alternativa potrete installare la versione 8 dando

sudo apt-get install openjdk-8-jre

Fase 3: Messaggistica MSN, Skype, Twitter, gestione feed rss e Google

La messaggistica istantanea su Kubuntu 14.10 è gestita da Telepathy KDE che nella versione attuale gestisce bene il tutto ed è perfettamente integrato in KDE. Supporta Hangouts, Jabber, Facebook, Yahoo etc quindi se vi serve un programma del genere be, siete apposto così.
Per la rete Skype serve però Skype. Se utilizzate il servizio potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install skype

Se usate twitter vi suggerisco di installare Choqok che si intergra alla perfezione con KDE. Potete installare Choqok dando da terminale:

sudo apt-get install choqok

Come feed reader trovate già preinstallato l’ottimo Akregator, il miglior feed reader per Linux.

Come client mail abbiamo KMail, un client mail completamente integrato con il sistema.

Fase 4: Altri browser e programmi p2p

Su Kubuntu 14.10 troviamo Firefox come browser predefinito. L’unica cosa che gli manca è la perfetta integrazione con i mimetype e KDE (anche se il nuovo tema è gradevole anche su KDE). Potete installare le patch di openSUSE per Firefox grazie al PPA sponsorizzato da Blue Systems che va a fornire una versione di Firefox patchata. Il problema principale di questo repository è però che non è aggiornato in maniera rapida e costante e quindi spesso vi troverete disallineati con la versione corrente. Comunque, se volete farlo vi basterà seguire queste istruzioni. Come prima cosa aggiungiamo il repository dando:


sudo add-apt-repository ppa:blue-shell/firefox-kde


Aggiorniamo con

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade


Alcuni di voi potrebbero non gradire Firefox come browser predefinito. Le alternative principali sono Chromium e Google Chrome. Io vi consiglio di utilizzare Google Chrome in modo da godere appieno delle potenzialità del browser di Google (plugin flash, etc).
Potete scaricare il pacchetto deb di Google Chrome da questo indirizzo https://www.google.com/intl/it/chrome/browser/
Come programma per la gestione dei file Torrent su Kubuntu 14.10 troviamo già installato KTorrent che è uno dei migliori programmi. L’unico consiglio che vi do è dare una occhiata alla guida KTorrent aumentiamo la privacy con i filtri PeerGuardian per impostare nel programma i filtri PeerGuardian ed aumentarne la sicurezza. Purtroppo però attualmente la versione attuale soffre (così come la precedente) del bug che non consente di convertire i filtri nel formato txt e quindi dovrete fare a mano.
Se usate ancora la rete Emule due sono i programmi, amule ed amule-adunanza a seconda o meno se siete su rete normale o su rete fastweb.
Se siete su rete normale installate amule dando da terminale:

sudo apt-get install amule

Se siete su rete fastweb installate Amule Adunanza con

sudo apt-get install amule-adunanza

Fase 5: Ufficio e svago

Come suite da ufficio troviamo preinstallata LibreOffice in versione completa (anche Base).
L’unica cosa che vi consiglio di fare è quella di installare il set di icone monocromatiche Sifr.
Per farlo vi basterà dare da terminale

sudo apt-get install libreoffice-style-sifr

Una volta scaricato per abilitarlo su LibreOffice vi basterà andare su Strumenti, Opzioni, LibreOffice, Vista e li andare ad impostarlo.

Per quanto concerne invece l’editing di immagini siamo completamente scoperti. Il mio consiglio è quello di installare l’ottimo GIMP. Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install gimp

Nel caso vi ritrovaste GIMP in inglese (ma questo non accadrà se avete installato Kubuntu mentre eravate connessi alla rete) vi basterà tradurlo dando da terminale:

sudo apt-get install language-pack-it language-pack-gnome-it

Se fate uso di tavolette grafiche e vi dilettate con la pittura digitale il mio consiglio è quello di provare Krita, uno dei migliori programmi del settore disponibile sui sistemi operativi GNU/Linux. Potete installarlo dando

sudo apt-get install krita

Per chi utilizza immagini raster il mio consiglio è quello di installare Inkscape. Potete installarlo dando da terminale

sudo apt-get install inkscape

Se bazzicate nel mondo dell’editing video potete installare l’ottimo Kdenlive. Potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install kdenlive

Coloro di voi che fanno largo uso di epub possono trovare in Calibre un ottimo compagno. Questo programma consente di interfacciare il vostro lettore ebook con il PC ma anche il vostro device android e sincronizzare il vostro database.
Possiamo installare Calibre dando da terminale

sudo apt-get install calibre

I tecnici del settore dell’edilizia potrebbero aver bisogno di un CAD per realizzare planimetrie e quant’altro. Potete installare DraftSight scaricandolo a questo indirizzo. L’unica pecca è che a partire dalla versione 2015 il programma è realizzato per soli sistemi a 64bit.

Fase 6: Media Player

Come player audio e gestore raccolta musicale troviamo Amarok. Be, non devo stare qui a descriverlo, è uno dei programmi più completi per la gestione della nostra raccolta musicale.

Per quanto riguardo il comparto player video abbiamo preinstallato Dragon Player (ovvero il vecchio Totem a cui hanno semplicemente cambiato il nome perché fa più figo) che però renderizza da schifo i sub.
Due sono le alternative, VLC e SMPlayer

Per installare VLC basterà dare da terminale

sudo apt-get install vlc

Mentre per SMPlayer

sudo apt-get install smplayer

Devo dire che fra i due ultimamente su KDE sto preferendo SMPlayer.

Come programma per la masterizzazione troviamo k3b. Il programma non ha bisogno di presentazioni, imho è il miglior programma della categoria.

Se volete invece trasformare il vostro PC in un mediacenter vi consiglio Xbmc. Possiamo installarlo dando da terminale

sudo apt-get install xbmc

Fase 7: Utility varie

Cosa manca infine alla vostra Kubuntu 14.10? Be, potreste avere bisogno di una serie di utility spesso dimenticate ma utilissime in più frangenti.

L’installazione di tutti i deb avviene attraverso Muon Installer. Accade però che alcuni programmi abbiano problemi nell’installarsi. Per questo motivo consiglio l’installazione del buon vecchio Gdebi-KDE che potete farlo dando da terminale:

sudo apt-get install gdebi-kde

Una utility che non dovrebbe mai mancare è PPA-Purge che consente di effettuare la rimozione di PPA aggiunti e di ripristinare al contempo la versione originale del programma. Un must have se vi piace provare tutti i PPA che vi capitano a tiro. Lo installiamo da terminale dando

sudo apt-get install ppa-purge

Nel caso in cui vi dilettiate con la compilazione di programmi è utile installare build-essential, un meta pacchetto che vi andrà ad installare il minimo sindacale per la compilazione.
Potete farlo dando da terminale

sudo apt-get install build-essential

Se invece siete i tipi da star a provare ISO di altre distro dalla mattina alla sera vi consiglio di installare due programmi. Il primo è Gparted, che altri non è che il gestore ed editor di partizioni. Vi servirà sia per fare operazioni di resize etc, sia per formattare le vostre chiavette dati. Io lo preferisco al Gestore delle partizioni di KDE in quanto in passato mi ha dato qualche problema con alcune chiavette.
Possiamo installare gparted dando

sudo apt-get install gparted

Per quanto riguarda la scrittura di immagini su pendrive per la creazione di live usb possiamo installare l’ottimo Unetbootin dando da terminale:

sudo apt-get install unetbootin

Fase 8: Completare l’installazione della lingua italiana

Se eravate connessi alla rete durante l’installazione di Kubuntu dovreste già avere il sistema completamente localizzato, in caso contrario per completare l’installazione dei pacchetti per la lingua italiana vi basterà andare in Impostazioni di sistema, Localizzazione, Lingue e completare l’installazione della lingua. In alternativa potete fare da terminale dando:

sudo apt-get install kde-l10n-it aspell-it myspell-it witalian

Fase 9: Miglioriamo la resa dei caratteri

Per sistemare i caratteri basta andare in Impostazioni di sistema, cliccare Aspetto delle applicazioni e poi su Caratteri. Vi troverete alla seguente schermata. Come potete vedere dallo screen in allegato. 
In pratica andate spuntare la voce Forza DPI per i caratteri, andate poi in Utilizza l’anti-aliasing per i caratteri mettendolo su Abilitato.
Cliccate ora su Configura e mettete Utilizza sub-pixel hinting RGB e Stile di hinting Moderato
Applicate e riavviate eventuali programmi aperti per godervi il cambiamento. Naturalmente potete giocare anche con le dimensioni dei font come più vi aggrada.

Fase 10: Rimuovere l’avviso di batteria guasta

Se avete come me installato Kubuntu 14.10 su di un vecchio portatile avrete di certo notato un fastidioso e odioso avviso all’avvio del sistema che segnala la presenza di batteria guasta. Questo avviso ODIOSO si manifesta in presenza di vecchie batterie che hanno perso la loro capacità di carica. Oltre ad essere ODIOSO è anche PARTICOLARMENTE ODIOSO.

Lo so che la mia batteria è difettosa, il portatile è dell’anteguerra!!!
Vediamo assieme come rimuoverlo. Clicchiamo sul menù di avvio, andiamo ad Impostazioni di sistema. Clicchiamo su ora su Notifiche delle applicazioni e di sistema
Nella finestra che si apre alla voce “Sorgente dell’evento” selezioniamo “Sistema di gestione energetica
Rimuoviamo quell’odioso avviso di batteria guasta

Ora basterà togliere il segno di spunta a Riproduci un suono e ad Mostra un messaggio in una finestra temporanea così come in figura. Ora non ci resta che applicare e mandare a quel paese quell’odioso avviso.


Fase 11: Manteniamo KDE aggiornato

Se vogliamo mantenere KDE sempre aggiornato su Kubuntu 14.10 basterà aggiungere il PPA Kubuntu Updates. Vediamo come fare. Apriamo il terminale e diamo

sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/ppa

ed aggiorniamo il sistema dando

sudo apt-get update && sudo apt-get dist-upgrade

Vi consiglio caldamente di aggiungere questo repository.

Fase 12: Installiamo i wallpaper aggiuntivi

Di default su Kubuntu 14.10 troviamo solamente lo sfondo di default di KDE 4.14. Per installare i wallpaper aggiuntivi basta cliccare con il tasto destro sul desktop

e selezionate Impostazioni di Desktop predefinito come in figura (si sarebbe dovuto vedere il puntatore del mouse ma non vuole uscire, si vergogna)
Cliccate ora su Install Default Wallpapers (si son dimenticati di tradurlo)

e vi installerà gli sfondi di default di KDE.

Piccola aggiunta per chi ha installato KDE per la prima volta. Sempre da questa schermata potrete fare altre cose. Cliccando su Apri potrete scegliere uno sfondo vostro, cliccando su Ottieni nuovi sfondi… il programma si collegherà ad un database online dove potrete scaricare tanti sfondi gratuiti.

Fase 13: Cambiare la disposizione del desktop

Mi riallaccio alla schermata di prima. Non so se avete notato ma in alto c’è una voce chiamata Disposizione. Cliccando su di essa si aprirà un menu a discesa grazie al quale potremo cambiare l’aspetto del desktop.
Ecco le modalità presenti

La modalità Desktop predefinito è quella che troviamo di default. L’altra modalità più significativa è Cerca e avvia che ci consentirà di avere una interfaccia, per così dire, adatta a display di piccole dimensioni.

Modalità cerca e avvia

Che poi se non ricordo male se installate Kubuntu su netbook vi si avvia di default così.

Fase 15: Proviamo il menu avvio Homerun

A qualcuno potrebbe non piacere l’avviatore applicazioni predefinito di KDE (che comunque è già stato riscritto per Plasma Next). Possiamo provare qualcosa di diverso grazie ai widget Homerun. Si, avete letto bene, ho usato il plurale perché ne sono due, uno fullscreen (plasma-widget-homerun) ed uno classico (plasma-widget-homerun-kicker).
Li possiamo installare entrambi dando l’unico comando

sudo apt-get install plasma-widget-homerun plasma-widget-homerun-kicker

Una volta installati potrete aggiungerli come un normale plasmoide

Ecco come si presente Homerun

Homerun

Mentre ecco come si presenta Homerun Kicker

Homerun Kicker

FASE 16: Abilitare la fancy progressbar in APT

Scopriamo come attivare, grazie alla guida Ubuntu 14.04: Abilitare la fancy progressbar in APT la nuova progress bar colorata di APT.

FASE 17: Cambiamo l’aspetto di KDE

Volete dare un look diverso a Kubuntu? Scopriamo come è semplice con queste semplici guide:

Diamo a KDE il look di Windows 8

 

0

Ubuntu 14.10 e derivate disponibili al download

 

0

Ubuntu 14.10 Utopic Rilasciato, ecco come scaricarlo

Canonical ha ufficialmente rilasciato il nuovo Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn, ecco le principali novità e come scaricarlo

Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn
Dopo sei mesi di duro lavoro è finalmente disponibile la nuova ed attesissima versione stabile di Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn. Gli sviluppatori Canonical si sono concentrati principalmente nello sviluppo di Unity 8 e del nuovo server grafico Mir visto il prossimo debutto di Ubuntu OS nei device mobili. Ubuntu 14.10 Utopic Unicorn viene rilasciata con pochissime novità, a parte i vari aggiornamenti e migliorie riguardanti soprattutto il supporto hardware, le grandi novità le abbiamo nella ISO Ubuntu Desktop Next nella quale potremo testare Unity 8 e Mir (ricordo che parliamo di un desktop environment e server grafico ancora in fase di sviluppo). Altra novità riguarda Ubuntu MATE 14.10 Utopic Uniocorn, nuova derivata che riporta l’esperienza utente di Gnome 2 in nuove release del sistema operativo di Canonical.

Continua a leggere…

 

0

KDE Plasma si aggiorna alla versione 5.1

Gli sviluppatori KDE hanno annunciato il rilascio di Plasma 5.1, ecco le principali novità e come testarlo.

KDE Plasma 5.1
Continua lo sviluppo del nuovo Plasma 5, nuova versione dell’ambiente desktop “K” che troveremo in futuro di default nelle principali distribuzioni Linux. Gli sviluppatori KDE hanno lavorato molto nella correzione di numerosi bug, oltre all’introduzione di diverse ottimizzazioni troviamo anche nuove features e migliorie riguardanti il nuovo tema Breeze. Con KDE Plasma 5.1 debutta il nuovo Klipper, clipboard manager che porta con se un’interfaccia grafica completamente rivisitata integrata all’interno del gestore delle notifiche.

Continua a leggere…

 

0

pdfForts raccolta di utili service menu per operare in documenti PDF da Dolphin in KDE

pdfForts è un’utile raccolta di service menu per Dolphin con la quale possiamo operare facilmente in documenti PDF dal file manager di KDE.

pdfForts in Dolphin su Kubuntu
Dolphin è uno dei migliori file manager attualmente disponibili per Linux, dato che include moltissime funzionalità oltre ad un’interfaccia grafica molto semplice ed intuitiva. Tra le tante caratteristiche incluse in Dolphin troviamo la possibilità di includere anche utili funzionalità al suo interno tramite Service Menu, plugin di terze parti con i quali potremo operare in file e directory direttamente dal file manager. Per gli utenti che utilizzano molto spesso documenti PDF è disponibile la raccolta di service menu denominata pdfForts dalle caratteristiche davvero molto interessanti.
pdfForts è una raccolta open source di Service Menu per Dolphin con la quale potremo operare facilmente nei documenti PDF da menu contestuale del file manager.

Continua a leggere…

 

0

Weta ha usato KDE per il film Lo Hobbit: La desolazione di Smaug

Guarda un po chi c’è, c’è KDE
Linux e i software open source come Blender sono spesso usati in ambiti lavorativi che non ti aspetti.
L’ultima notizia a riguardo è stata segnalata da Ivan Čukić che ha scovato KDE all’interno di in un filmato che mostra il making off del film Lo Hobbit: La desolazione di Smaug.
Ecco il filmato (KDE appare dal minuto 3:03

Ora, visto e considerando che Weta, la società che si occupa degli effetti speciali del film,  ha in passato usato Ubuntu nel suo datacenter per effettuare il rendering di Avatar, è lecito pensare che si tratti di una Kubuntu.

Via Kubuntu Wire e The Mukt

 

0

Weta ha usato KDE per il film Lo Hobbit: La desolazione di Smaug

Guarda un po chi c’è, c’è KDE
Linux e i software open source come Blender sono spesso usati in ambiti lavorativi che non ti aspetti.
L’ultima notizia a riguardo è stata segnalata da Ivan Čukić che ha scovato KDE all’interno di in un filmato che mostra il making off del film Lo Hobbit: La desolazione di Smaug.
Ecco il filmato (KDE appare dal minuto 3:03

Ora, visto e considerando che Weta, la società che si occupa degli effetti speciali del film,  ha in passato usato Ubuntu nel suo datacenter per effettuare il rendering di Avatar, è lecito pensare che si tratti di una Kubuntu.

Via Kubuntu Wire e The Mukt

 

0

Le novità di Kubuntu 14.10 Utopic Unicorn

In questo articolo andremo ad analizzare le novità introdotte in Kubuntu 14.10 Utopic Unicorn.

 Kubuntu 14.10 Utopic Unicorn
Kubuntu è una derivata ufficiale di Ubuntu in grado di unire le qualità della distribuzione targata Canonical con l’ambiente desktop KDE il tutto con alcune migliorie e applicazioni / plasmoidi dedicati.
In Kubuntu 14.10 Utopic Unicorn troviamo il nuovo KDE 4.14.1, nuova versione stabile del desktop environment “K” che porta con se importanti novità che riguardano principalmente le applicazioni di default. KDE 4.14.1 include diverse correzioni di bug e ottimizzazioni varie che rendono l’ambiente desktop open source più stabile e sicuro, da notare anche la nuova barra di stato nel file manager Dolphin che ci indica lo spazio libero, migliora anche il collegamento “Places” nel pannello, da notare anche l’introduzione del supporto per le miniature dei file .gpx, .kml e altri tipi di file supportati da Marble.

Continua a leggere…

 

0

Muon Discover e il porting in KF5

Gli sviluppatori del progetto Muon Discover hanno annunciato l’avvio del porting in Qt5 e KDE Frameworks 5.

Muon Discover
Muon è un progetto open source che punta a fornire un completo software manager specifico per desktop environment KDE. Di default in Kubuntu, Muon Discover ci consente di ricercare ed installare facilmente le nostre applicazioni preferite, il software dispone anche di un completo gestore degli aggiornamento, l’accesso al gestore dei mirror e altre utili features. Gli sviluppatori di Muon hanno presentato alcune novità che verranno introdotte con il porting in KDE Frameworks 5 / Qt5 e QtQuick 2 (incluse in Muon 3.0), migrazione che renderà il software manager ancora più completo, stabile e performante.

Continua a leggere…