Tags archives: mondo-linux

 

0

In Firefox Nightly arriva l'indicatore per le schede che riproducono suoni

Lo scorso lunedì vi avevamo parlato dell’intenzione di Mozilla di integrare all’interno di Firefox una comoda funzionalità che consente di mostrare all’interno dei tab un indicatore attivo (nel senso che è anche cliccabile) che ci consente di individuare le schede che in quel momento stanno riproducendo un suono e di silenziarle cliccandoci su.
Bene, questa nuova funzionalità è approdata nel canale Nightly di Firefox!
Ecco come appare il tab quando stiamo riproducendo un video

Tab di Firefox con l’indicazione del suono in riproduzione

cliccando sullo speaker l’audio verrà disattivato

Tab privato dell’audio

La funzionalità è compatibile sia per i video in Flash che per quelli in HTML 5. Ho testato alcuni servizio e ho notato che (si spera solo per ora) non tutti i siti sono supportati (Vimeo ad esempio non va).

 

0

Marco's Box I/O 2x19

L’esopianeta più simile alla Terra si chiama Kepler 452b [@NASA]

  • Intel vuole rendere open source i componenti dei sistemi che assistono Stephen Hawking per permetterne l’evoluzione ed adattarli ad altri casi simili [Bloomberg]
  • La NASA ha caricato su Soundcloud le tracce del Golden Record, il disco che è stato posto come messaggio dell’umanità sulle sonde Voyager [PopSci]
  • L’agenzia di gestione delle strade australiane ha installato a Sydney i primi cartelli dotati di display e-ink [The Verge]
  • Corel fa causa a Microsoft per presunta violazione di copyright all’interno della suite Office dovuta alla funzionalità di anteprima in tempo reale [FossPatents]
  • Obama firma un ordine esecutivo con il quale manifesta l’intenzione di far costruire entro il 2025 un supercomputer che arrivi ad un exaflop [The Verge]
  • L’esperienza che ha messo le pezze ad healthcare.gov ha portato alla formazione dell’United States Digital Service, un gruppo di lavoro costituito da volontari delle principali aziende digitali americane per riformare i servizi pubblici [Medium]

 

0

Disponibile IperSpace Max Personal Edition 7.1.0

Soft.Lab S.r.l. ha annunciato il rilascio di IperSpace Max Personal Edition 7.1.0. Di questo software vi avevamo già parlato tempo fa: si tratta della versione totalmente gratuita per uso non professionale di IperSpace Max, una suite completa per il calcolo strutturale agli elementi finiti. La particolarità di questo software è che è disponibile per le piattaforme Windows, Mac Os X e Linux (per Linux è disponibile la versione precedente, ma a breve verrà rilasciata quella aggiornata)
Ecco le novità di questa versione:

================================
IperSpaceMax 7.1.0
================================
Maggio 2015
1. Verifica pali a breve e lungo termine
2. Verifica al fuoco per elementi in ca: pilastri, travi, muri e PEDA
3. Aggiunta armatura con maglia singola centrale per muri
4. Inserita una utilità per calcolare il periodo di ritorno in funzione dell’accelerazione al suolo
5. Possibilità di traslare la colonna circolare su una piastra quadrata
6. Introdotta fattore di amplificazione delle sollecitazioni nella verifica dei controventi in acciaio per tener conto del lavoro del singolo
7. Possibilità di calcolare due strutture separate con una sola fondazione
8. Corretto lo stato dei vincoli interni delle aste che in via predefinita sono locali
9. Possibilità di verificare anche la sezione di tipo 4LCR
10. Corretta la verifica della UPN 300 che andava in loop per un problema di arrotondamento
Modulo inSide 6.1.0
——————-
1. Corretto un problema esistente nella procedura di verifica semplice
================================
IperSpaceMax 7.0.0
================================
Gennaio 2015
1. Implementazione dei rinforzi strutturali per gli elementi monodimensionali (travi e pilastri)
2. Implementazione del calcolo integrato con sisma verticale
3. Introduzione del plinto a bicchiere “zoppo”, con la possibilità di presenza di pali
4. Introdotta la verifica a deformazione delle travi in cemento armato
5. Implementata la verifica della struttura all’incendio
6. Implementata la verifica delle sezioni in acciaio secondo l’Eurocodice 3, comprese quelle di classe 4
7. Nuovo editor per le sezioni generiche, con calcolo integrato delle proprietà inerziali e delle tensioni tangenziali e torsionali (dinamo, sostituisce SPC)
8. Aggiunta la verifica delle sezioni generiche di acciaio in classe 3
9. Introdotta una nuova riga, “Solo travi”, nello scenario di calcolo che è attivata solo nel caso di cemento armato in corrispondenza delle due combinazioni sismiche dove manca il check su “Psi2_solai”, in modo da ridurre a quasi la metà il tempo di elaborazione delle verifiche
10. Introdotta la possibilità di esportare le sollecitazioni di verifica degli elementi selezionati o per tutti
11. Implementata la verifica dei nodi in acciaio per le travature reticolari
12. Introdotto il passaggio della geometria delle sezioni in acciaio, nell’ambiente Steel Node
13. Aggiunta la possibilità di poter inclinare lo sbalzo non strutturale, rispetto alla trave su cui insiste, di un angolo a discrezione dell’utente.
14. Correzioni e migliorie varie

 

0

Rilasciato Ubuntu MATE 15.10 Alpha 2, scopriamone le novità

Martin Wimpress ha annunciato il rilascio della seconda release Alpha di Ubuntu MATE 15.10 “Wily Werewolf”.
Vediamo quali sono le novità rispetto l’Alpha 1:

Per quanto riguarda l’arrivo di MATE 1.10 ancora non è stato incluso per alcune buone ragioni. Il primo motivo è che qualche giorno fa è stata rilasciata la prima point release di MATE 1.10 che contiene una serie di miglioramenti significativi a livello di aiuto e correzione di alcuni bug. I pacchetti di MATE 1.10 verranno poi sincronizzati direttamente da Debian: questo potrà essere possibile perché Martin è anche il manutentore di MATE per Debian (quindi fidatevi, arriverà solo roba stabile).
Se volete provare Ubuntu MATE 15.10 Alpha 2 potete scaricarlo dall’indirizzo https://ubuntu-mate.org/wily/

 

 

0

Xubuntu 15.10 e l'integrazione di LibreOffice

Per chi non lo sapesse, Xubuntu 15.10 utilizzerà LibreOffice come suite d’ufficio predefinita (a differenza delle versioni precedenti).

Questa decisione – secondo me decisamente intelligente considerando che, ad oggi, LibreOffice risulta l’unica alternativa Open in grado di offrire funzionalità moderne e buona compatibilità con i formati proprietari – ha però solleticato i sensi di ragno di alcuni designer del gruppo Artwork di Xubuntu a causa delle icone utilizzate da Writer, Calc e soci.
La conseguenza è quella che potete vedere negli screenshot qui sotto: applicazioni molto più integrate con l’ambiente desktop di Xfce. Gli artefici di questa evidente miglioria stanno inoltre cercando di portare il tutto upstream così che anche altri utenti di altri DE possano beneficiarne.
LibreOffice Writer
LibreOffice Calc
LibreOffice Impress

 

0

Ubuntu Software Center non sarà preinstallato su Ubuntu MATE 15.10

Martin Wimpress, lo sviluppatore principale di Ubuntu MATE ha annunciato che su Ubuntu MATE 15.10 non troveremo più preinstallato l’Ubuntu Software Center che verrà rimosso già a partire dalla Alpha 2.

Il nome del sostituto non è ancora stato annunciato, l’unica cosa che ci è stato comunicato è che non sarà Synaptic (che io adoro n.d.r.). C’è da dire che in casa Ubuntu MATE già da ora c’è un tool che consente l’installazione di applicativi ovvero Ubuntu MATE Welcome che però ha lo svantaggio di offrire soltanto una selezione di software e non consentire l’accesso allo sterminato parco software presente nei repository di Ubuntu.

Via Google+

 

0

Firefox avrà l'indicatore delle schede che stanno riproducendo un suono come su Google Chrome

Gli sviluppatori di Firefox sono al lavoro per implementare l’indicatore delle schede che stanno riproducendo un suono (ad esempio per un video YouTube), funzionalità che molti di voi avranno già avuto modo di apprezzare su Google Chrome.

L’indicatore avrà anche una funzionalità attiva ovvero sarà possibile mutare la scheda semplicemente cliccandoci su con il tasto destro.

La nuova funzionalità è purtroppo ancora in sviluppo e non è ancora stata rilasciata nessuna informazione su quando verrà implementata.

Via VentureBeat

 

0

KDE lancia Plasma Mobile

KDE ci riprova con il settore mobile e lo fa con la sua nuova creatura Plasma Mobile.

Plasma Mobile è infatti la nuova piattaforma mobile sviluppata dal team di KDE e mira a fornire un piattaforma mobile completa per smartphone e tablet.
Quattro sono i pilastri su cui si basa lo sviluppo di Plasma Mobile:
  • Libertà
  • Facilità di utilizzo
  • Privacy
  • Personalizzazione
Plasma Mobile è attualmente in fase di sviluppo ma hanno già realizzato un prototipo per Nexus 5 che fornisce funzioni di base per l’esecuzione su uno smartphone (chiama).
A tal fine è stato realizzato un interessante video che ne illustra il funzionamento
Per maggiori informazioni
Home page del progetto Plasma Mobile http://plasma-mobile.org/
Wiki https://community.kde.org/Plasma/Mobile

Vi lascio anche il link all’intervista che Sebastian Kügler ha concesso al sito ITworld dove emerge che l’attuale versione di Plasma Mobile è basata su Kubuntu.

 

0

Marco's Box I/O 2x18

  • Per la prima volta dal 2003, le mail di spam sono meno del 50% del totale inviato [Symantec]
  • Il miliardario russo Yuri Milner investe 100 milioni nei progetti del SETI [NYT]
  • PayPal viene nuovamente scorporato da eBay, ed il suo valore è già oltre quello del sito d’aste [The Verge]
  • Uno studio finanziato dalla NASA propone l’esplorazione e la colonizzazione della Luna con un budget rientrante in quello già attualmente disponibile [SpaceFrontier]
  • Elon Musk ha comunicato le cause individuate che hanno portato all’esplosione dell’ultimo razzo di SpaceX [Attivissimo]
  • L’orchestra Hallé di Manchester ha organizzato un concerto di musica classica a Settembre seguendo per i biglietti il modello paga-quello-che-vuoi e dando la possibilità di non seguire il normale comportamento ‘formale’  [BBC]
  • Wired ha mostrato insieme ad alcuni hacker cosa succede sfruttando le vulnerabilità del sistema Uconnect della Crysler [Wired]
  • Google offre a 50 startup lo sfruttamento di 2 brevetti a scelta tra quelli in suo possesso a condizione di entrare nel patent pool LOT Network [Techcrunch]