Tags archives: multimedia

 

0

FFmpeg ritorna in Ubuntu 15.04

Tra le tante novità previste per Ubuntu 15.04 Vivid troviamo anche il ritorno di FFmpeg nei repository ufficiali.

Ubuntu
Molti software di editing video e audio per Linux (e non solo) si basano su FFmpeg, famosa raccolta di strumenti open source multi-piattaforma. Attraverso FFmpeg possiamo convertire, elaborare, riprodurre o registrare file multimediali dei più diffusi formati il tutto operando da riga di comando (esistono comunque molti tool in grado di offrire una semplice ed intuiva interfaccia grafica a FFmpeg). Dalla versione 14.04 e 14.10 di Ubuntu non è più incluso FFmpeg, ma troviamo comunque disponibile la libreria libavcodec dedicata alla codifica audio/video anche se molti software richiedono ancora FFmpeg disponibile attraverso PPA (per maggiori informazioni).

Continua a leggere…

 

0

Tomahawk 0.8 Rilasciato, novità e come installarlo in Ubuntu

E’ disponibile la nuova versione 0.8 del player audio multimediale Tomahawk, le principali novità e come installarlo in Ubuntu e derivate.

Tomahawk in Ubuntu
Tomahawk è un player audio multimediale open source multi-piattaforma disponibile per Linux, Windows, Mac e Android. Tra le principali novità di Tomahawk troviamo la possibilità di gestire al meglio la nostra raccolta musicale oltre a poter accedere anche a servizi online tramite plugin di terze parti dedicato. Proprio in questi giorni è stato presentato il nuovo Tomahawk 0.8, aggiornamento che porta con se un’interfaccia grafica completamente rivisitata oltre all’introduzione di nuove ed utili funzionalità.
Tomahawk 0.8 aggiunge il supporto per Google Play Music e Beats Music e la possibilità riprodurre i nostri brani preferiti da iTunes, Spotify, ecc semplicemente trascinando all’interno della finestra il collegamento web.

Continua a leggere…

 

0

Aggiornamenti di sicurezza importanti per Xubuntu 14.10 "Utopic Unicorn": Browser Web Chromium, Email Mozilla Thunderbird:, Firefox Web Browser: e Adobe Flasher Plugin Installer:.

Sappiamo tutti quanto sia importante mantenere aggiornato il proprio sistema operativo, ma è parimenti esperienza comune che spesso siano proprio gli aggiornamenti a introdurre nuovi bug. 

Xubuntu segue delle linee guida ben precise per gestire questa situazione.

La chiave di volta dell’intero discorso è che, una volta rilasciata la release, gli aggiornamenti non si fanno affatto, a meno che non riguardino vulnerabilità di sicurezza o bug particolarmente significativi.
Addirittura, nell’ottica di stabilizzare la release, già durante le ultime fasi di sviluppo l’ingresso di nuovi pacchetti dei vari software è sottoposto ad un controllo particolarmente rigido (una fase nota agli sviluppatori come “Feature Freeze”, appunto).

Gli aggiornamenti proposti a continuazione fanno parte del bollettino di sicurezza settimanale rilasciato da Canonical e riguardano in particolare i primi aggiornamenti importanti sulla sicurezza riguardanti la neonata Xubuntu 14.04 “Trusty Tahr”.

In particolare gli aggiornamenti riguardano:


Browser Web Chromium:

Chromium è un navigatore open source che mira a costruire una modalità per utilizzare il web più sicura, più veloce e più stabile per tutti gli utenti di Internet.
Chromium serve come base per Google Chrome, che non è altro che Chromium rimarchiato (nome e logo) con veramente poche aggiunte, come ad esempio il tracciatore d’uso e il sistema di aggiornamento automatico.

Questo pacchetto contiene il browser Chromium.

Cambiamenti delle versioni di chromium-browser:
Versione installata: 36.0.1985.125-0ubuntu1.14.04.0~pkg1029
Versione disponibile: 37.0.2062.94-0ubuntu0.14.04.1~pkg1042

Versione 37.0.2062.94-0ubuntu0.14.04.1~pkg1042:

  * Release to stage

Versione 37.0.2062.94-0ubuntu1:

  * Upstream release 37.0.2062.94.
    – CVE-2014-3165: Use-after-free in Blink websockets.
    – CVE-2014-3176, CVE-2014-3177: A combination of bugs in V8, IPC, sync, and
      extensions that can lead to remote code execution outside of the sandbox.
    – CVE-2014-3168: Use-after-free in SVG.
    – CVE-2014-3169: Use-after-free in DOM.
    – CVE-2014-3170: Extension permission dialog spoofing.
    – CVE-2014-3171: Use-after-free in bindings.
    – CVE-2014-3172: Issue related to extension debugging.
    – CVE-2014-3173: Uninitialized memory read in WebGL.
    – CVE-2014-3174: Uninitialized memory read in Web Audio.
    – CVE-2014-3175: Various fixes from internal audits, fuzzing and other
      initiatives.
    – CVE-2014-3176, CVE-2014-3177: Interaction of extensions, IPC, the sync
      API, and Google V8 to execute arbitrary code.
  * Fix a shell bug in the binary-wrapper that prevented USER flags
    from working properly.
  * debian/control: Suggests chromiumflashplugin .
  * debian/apport: Significant cleanup.
  * debian/rules: Disable SSE instructions on x86 to avoid SIGILL on some CPUs.
    (LP: #1353185)
  * debian/checkout-orig-source.mk: Don’t include src/ prefix in orig tarball.
  * debian/patches/*: refresh line numbers.
  * debian/patches/search-credit.patch,
    debian/patches/additional-search-engines.patch: Track source files moved.
  * debian/patches/ffmpeg-gyp-config.patch,
    debian/patches/fix-gyp-space-in-object-filename-exception.patch,
    debian/patches/gyp-icu-m32-test:
    Disabled. No longer needs fixing.
  * debian/control: build-dep on openssl.
  * debian/patches/disable-sse2: Don’t require SSE/SSE2 CPU features on x86.
    (LP: #1353185)
  * debian/rules: Use built-in PDF support. (LP: #513745, #1009902)

Versione 36.0.1985.143-0ubuntu1:

  * Upstream release 36.0.1985.143:
    – CVE-2014-3165: Use-after-free in web sockets.
    – CVE-2014-3166: Information disclosure in SPDY.
    – CVE-2014-3167: Various fixes from internal audits, fuzzing and other
      initiatives.  
  * debian/rules: Avoid some unnecessary warning of invalid mv.
  * debian/rules: Don’t use tcmalloc on i386.
  * debian/control: Don’t have (unused) shlibs-depends on -dbg packages
    and non-binary packages.
  * debian/chromium-browser-codecs-ffmpeg-extra.dirs,

Email Mozilla Thunderbird:

Cambiamenti delle versioni di thunderbird:
Versione installata: 1:31.0+build1-0ubuntu0.14.04.1
Versione disponibile: 1:31.1.1+build1-0ubuntu0.14.04.1

Versione 1:31.1.1+build1-0ubuntu0.14.04.1:

  * New upstream stable release (THUNDERBIRD_31_1_1_BUILD1)
    – see USN-2330-1

Firefox Web Browser:

Firefox fornisce una navigazione web semplice e sicura. Un’interfaccia utente familiare, potenti funzioni di sicurezza come la protezione da furti di identità online e ricerca integrata che ti permette di ottenere il massimo dal web.

Adobe Flasher Plugin Installer:

Cambiamenti delle versioni di flashplugin-installer:
Versione installata: 11.2.202.400ubuntu0.14.04.1
Versione disponibile: 11.2.202.406ubuntu0.14.04.1

Versione 11.2.202.406ubuntu0.14.04.1:

  * New upstream release 11.2.202.406
    – debian/flashplugin-installer.{config,postinst},
      debian/post-download-hook: Updated version and sha256sum

 

0

Le novità di VLC 3.0 e come testarlo in Ubuntu e derivate

In questo articolo andremo ad analizzare le principali novità incluse in VLC 3.0 e vedremo come testarlo in Ubuntu e derivate.

VLC 3.0 Git in Ubuntu
VLC è attualmente uno dei player multimediali tra i più conosciuti ed utilizzati al mondo. Il successo di VideoLAN VLC è dovuto principalmente al supporto per i più diffusi formati di file audio e video oltre a disporre di numerose funzionalità. Gli sviluppatori VideoLAN hanno già iniziato a lavorare nella futura versione 3.0 di VLC, aggiornamento che renderà ancora più completo e funzionale il famoso player multimediale open source. VLC 3.0 includerà il supporto per catturare il desktop di sistemi con server grafico Wayland, la nuova versione inoltre introdurrà il supporto per molti nuovi formati compreso HDS (Http Dynamic Streaming) di Adobe (f4m, f4v, ecc.) e HD-DVD .evo (H.264, VC-1, MPEG-2, PCM, AC-3, E-AC3, MLP, DTS), Daala video e sottotitoli ARIB B24.

Continua a leggere…

 

0

Spotify Export tool per esportare la lista di brani della playlist preferita

Grazie a Spotify Export potremo esportare la lista dei brani della nostra Playlist preferita con estrema facilità, ecco come fare…

spotify-export in Ubuntu
Spotify è uno dei più conosciuti ed utilizzati servizi web dedicati alla musica in streaming. Direttamente dal nostro browser o attraverso il client dedicato, possiamo accedere e riprodurre brani musicali presenti in un vasto database il tutto gestito da Ubuntu Server. Con Spotify potremo riprodurre i nostri brani preferiti anche offline, oltre a creare playlist preferite le quali però non possono essere esportate per la riproduzione in altri player audio.
Possiamo esportare l’elenco dei brani presenti in una nostra playlist grazie al nuovo tool Spotify Export che possiamo installare facilmente in Debian, Ubuntu e derivate.

Continua a leggere…

 

0

Kdenlive 0.9.10 Rilasciato, migliora il supporto per display HiDPI

Continua lo sviluppo dell’editor di video Kdenlive, con al nuova versione 0.9.10 troviamo risolti alcuni bug e migliore per il supporto per display HiDPI.

Kdenlive
Dopo quasi un anno di stop, gli sviluppatori del progetto Kdenlive hanno finalmente ripreso a lavorare nello sviluppo e mantenimento del famoso (se non il migliore) editor di video non lineare open source per Linux. Oltre al supporto per i più diffusi formati, Kdenlive dispone di svariati strumenti per elaborare i nostri video, possiamo anche includere effetti, filtri, tagliare o unire clip e molto altro ancora.
Gli sviluppatori Kdenlive hanno annunciato il rilascio della nuova versione 0.9.10, aggiornamento che porta con se solo alcune migliorie e soprattutto diverse correzioni di bug che vanno a rendere il software più stabile e affidabile.

Continua a leggere…

 

0

Netflix arriva il supporto nativo per Ubuntu

Grazie al nuovo NSS 3.17 è possibile riprodurre i contenuti multimediali del portale Netflix in Ubuntu e derivate senza alcun plugin di terze parti.

Netflix in Ubuntu
Netflix è un servizo web dedicato alla riproduzione di contenuti multimediali in streaming, attualmente disponibile solo in alcuni paesi come USA, Canada, Sud America, UK, Irlanda, Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia (anche se in futuro potrebbe approdare anche in Italia). Attraverso Netflix potremo guardare film e serie tv in streaming direttamente dal nostro pc pagando un’abbonamento mensile, purtroppo però fino a poco tempo fa per la riproduzione era richiesto il plugin Silverlight di Microsoft non disponibile per Linux. Finalmente da oggi è possibile riprodurre i contenuti multimediali di Netflix in Ubuntu e derivate senza alcun plugin di terze parti o altro, tutto questo grazie alla migrazione del portale in HTML5

Continua a leggere…

 

0

Cinelerra 4.6 Disponibile per il Download

E’ disponibile la nuova versione 4.6 di Cinelerra software dedicato al montaggio video non-lineare, ecco come installarlo.

Cinelerra in Ubuntu
Cinelerra è uno dei più longevi software open per il montaggio di video non lineare per Linux, Nato nel 2002, Cinelerra ci consente di unire ed elaborare più video da sorgenti diverse, dispone di strumenti per operare in ogni singolo fotogramma oltre a numerose funzionalità compresa la gestione dell’audio, inserimenti di effetti sia video che audio ecc. Il software supporta i più diffusi formati di audio e video, con la possibilità di processare l’audio usando 64 bit di precisione e operare con lo spazio di colori sia RGBA e YUVA e molto altro ancora.
Da pochi giorni è disponibile la nuova versione 4.6 di Cinelerra, aggiornamento che include importanti novità oltre a correggere diversi bug riscontrati da developer e user nei mesi scorsi.

Continua a leggere…

 

0

SMPlayer 14.9.0 disponibile per il download

E’ disponibile la nuova versione 14.9.0 di SMPlayer che risolve alcuni problemi con YouTube e include nuove funzionalità.

SMPlayer in Ubuntu
Assieme ad VLC, SMPlayer è attualmente uno dei più conosciuti ed utilizzati player multimediali open source disponibili nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux e Microsoft Windows. SMPlayer è un player che punta a fornire una completa interfaccia grafica Qt di Mplayer, includendo il supporto per i più diffusi formati di file audio e video oltre ad includere moltissime features. Tra le principali funzionalità di SMPlayer troviamo anche il supporto per l’accelerazione hardware, la riproduzione di Blu-Ray, la possibilità di ripristinare un video dal punto nel quale è stato interrotto riproducendolo con le medesime impostazioni, e molto altro ancora, un player di YouTube con il quale effettuare anche ricerche nel portale di condivisione video più famoso al mondo ecc. Gli sviluppatori di SMPlayer hanno recentemente presentato la nuova versione 14.9.0, aggiornamento che porta con se alcune correzioni e l’introduzione di nuove ed utili funzionalità.

Continua a leggere…

 

0

Postprocessing di video audio e immagini con EKD

Di ritorno dalle ferie mi sono dovuto nuovamente scontrare con l’incompatibilità Openshot-formato video MTS della mia RX100: niente da fare…i video renderizzati partivano accelerati e poi diventavano neri. Dopo aver provato invano ad installare svariati codec, ed aver avuto insani pensieri pro-mac, per il video del Rally del Casentino avevo risolto con l’ottimo Kdenlive dovendo […]