Tags archives: open-source

 

 

0

OpenStreetView: l'alternativa open source a Street View basata su OpenStreetMap

Uno dei servizi più comodi di Google è senza ombra di dubbio Street View, un servizio che ci consente di visualizzare immagini dei luoghi che vogliamo visitare per diletto o per necessità. 

Non tutti però amano utilizzare le mappe di Google e preferiscono utilizzare le mappe comunitarie di OpenStreetMap che sono spesso più precise e dettagliate di quelle di Big G. In molti si sono dunque posti il problema di realizzare una soluzione simile a quella di Google ma basata su mappe e foto libere caricate dagli utenti. Fra i servizi di questo tipo il pioniere è stato Mapillary. Alcuni però non hanno gradito il modello di business di Mapillary e hanno deciso di realizzare una alternativa più open. 
L'interfaccia web di OpenStreetView

Il servizio in questione si chiama OpenStreetView. Il funzionamento di OpenStreetView è semplicissimo e richiede soltanto due cose: uno smartphone equipaggiato con Android o iOS e un account su OpenStreetMap.

L'interfaccia principale dell'applicazione per Android di OpenStreetView

Una volta scaricata l'applicazione sul nostro smartphone ed aver effettuato il login su OpenStreetMap non dovremo far altro che andare in giro per la città e fotografare le strade che vogliamo aggiungere al sito. Possiamo scegliere se caricare le immagini seduta stante o se aspettare di essere sotto copertura WiFi (in modo da risparmiare sul piano dati).

L'interfaccia fotografica dell'applicazione per Android di OpenStreetView

Data la natura del progetto le foto caricate non ci consentiranno di avare una visione completa delle strade come accade su Street View ma sono offrono comunque una visione generale che potrà tornarci utile per orientarci negli spostamenti.

Via web possiamo controllare i nostri contributi

Il servizio avrà successo? Questo è presto per dirlo. Il progetto è giovane ed attualmente la copertura è davvero scarsa perché mancano la base comunitaria.
Da sostenitore del software libero non posso che fare il tifo per OpenStreetView e spero di riuscire a contribuire nei prossimi mesi, magari durante le passeggiate per cercare i Pokemon.

 

 

0

PowerShell è ora open source ed è disponibile per Linux e macOS


Microsoft continua la sua (strana) voglia di rilasciare sempre più software sotto licenza open source per Linux.
Quest'oggi ha infatti annunciato il rilascio sotto licenza open source (MIT License) di PowerShell che ora è disponibile anche per Linux e macOS.

Per maggiori dettagli vi rimando all'annuncio ufficiale dove troverete inoltre un video che illustra il tutto.

Per gli utenti interessati ad installare PowerShell sulla propria distro Linux il team di Microsoft ha provveduto a rilasciare, sulla pagina GitHub del progetto, gli installer per Ubuntu 16.04, Ubuntu 14.04 e CentOS 7 oltre che gli installer per Windows e macOS (o OS X se siete nostalgici).

PlatformDownloadsHow to Install
Windows 10 / Server 2016.msiInstructions
Windows 8.1 / Server 2012 R2.msiInstructions
Ubuntu 16.04.debInstructions
Ubuntu 14.04.debInstructions
CentOS 7.rpmInstructions
OS X 10.11.pkgInstructions

 

0

Marco's Box I/O 3x18-19

Solar Impulse ha completato per primo il giro del mondo utilizzando solo energia solare [Gizmodo]

  • Microsoft ha rilasciato su Github il codice del progetto Malmo, una mod di Minecraft che permette l'esecuzione di intelligenze artificiali all'interno del videogame [PI]
  • DeepMind ha aiutato Google ad ottimizzare l'efficenza energetica dei suoi datacenter arrivando ad un consumo di energia inferiore del 15% [Gizmodo]
  • Un gruppo di fisici olandesi ha studiato un metodo di archiviazione su scala atomica: i dati sono conservati tramite la disposizione degli spazi vuoti tra atomi di cloro posti su una superficie di rame [ViceNews]
  • Microsoft ha portato su Linux ed OSX ChakraCore, il motore javascript di Edge e delle app Universal Windows Platform [Microsoft]
  • La fotografa Carol Highsmith aveva donato alla Libreria del Congresso americano il suo patrimonio fotografico, ponendo il suo lavoro in pubblico dominio, recentemente ha fatto causa a Getty perché rivendeva le sue foto appropriandosi della paternità [Hyperallergic]

 

0

Dropbox rende Lepton open source


Dropbox ha da qualche giorno annunciato di aver reso open source (con licenza Apache) Lepton, il suo tool per la compressione delle immagini JPEG senza perdita di qualità. 

Lepton consente di raggiungere un riduzione delle dimensioni dei file del 22% per le immagini JPEG esistenti. Lepton è in grado di conservare il file originale con una precisione bit per bit.
Lepton è già in uso presso Dropbox su oltre 16 miliardi di immagini riuscendo a far risparmiare alla società diversi petabyte di spazio.

Trovate maggiori dettagli su Lepton nel post con l'annuncio ufficiale del rilascio mentre codice sorgente è disponibile su GitHub all'indirizzo https://github.com/dropbox/lepton

 

0

Giunta Raggi:arriva Flavia Marzano, sostenitrice dell'open source e degli open data



Virginia Raggi ha annunciato la giunta che guiderà Roma durante il suo mandato. Fra le nomine una in particolare interesserà gli utenti romani che sostengono il software open source.

La neo sindaca ha ha annunciato la nascita dell'assessorato alla Roma semplice che sarà guidato da Flavia Marzano, Docente in Tecnologie per la pubblica amministrazione presso le università di Bologna, Torino, Roma Sapienza e Link Campus University, dove ha ideato e dirige il Master Smart Public Administration.
Flavia Marzano opera da più di 25 anni per l'innovazione nella Pubblica Amministrazione. Negli ultimi dieci anni la sua attività è stata svolta principalmente nell'ambito degli Open Government, Smart City, Agenda Digitale, Trasparenza, Partecipazione, Open Source, Open data, Cittadinanza attiva, Divario digitale e di genere.
Oltre a questo è attualmente Presidente degli Stati Generali dell'Informazione e membro delle due commissioni nazionali per il software open source. 

 

0

Sviluppo di Debian: stable, testing, unstable ed experimental

 

0

Come installare Chrome OS su USB per avviarlo da qualsiasi PC