Tags archives: open-source

 

0

Linux Day 2014 si svolgerà sabato 25 ottobre

Il prossimo 25 ottobre in oltre 100 località italiane si svolgerà il Linux Day 2014 il più importante evento italiano dedicato alla promozione e divulgazione di Linux e software libero,

Linux Day 2014
Linux Day è una manifestazione, senza scopo di lucro organizzata principalmente dai vari Lug italiani, che punta a promuovere il sistema operativo GNU/Linux e il software libero. La quattordicesima edizione del Linux Day si svolgerà sabato 25 ottobre 2014, giornata nella quale in oltre 100 località italiane ci saranno incontri per promuovere e approfondire tematiche riguardanti Linux e l’utilizzo del software libero sia in ambito domestico che professionale. Il tema principale del prossimo Linux Day 2014 riguarderà la Libertà Digitale dai vari formati multimediali “liberi” alle più rilevanti realtà nazionali parallele a quella del software libero, come ad esempioWikimedia, OpenStreetMap, Creative Commons, CoderDojo e gli esponenti del Movimento Maker ecc.

Continua a leggere…

 

0

Rilasciata la versione alpha di OzonOS "Hydrogen"

Oggi, dopo svariati mesi di attesa, è stata finalmente rilasciata la prima Alpha di OzonOS, il sistema operativo sviluppato da Numix e Nitrux.

Dal post ufficiale sulla pagina del progetto si legge:
Dopo mesi dall’annuncio della nascita di OzonOS, siamo lieti di rilasciare la nostra prima Alfa, chiamata con l’elemento chimico più semplice e comune: “Hydrogen” (Idrogeno).
È stato un percorso accidentato, ma divertente disegnare, sviluppare, costruire e testare i file ISO e alla fine possiamo affermare che ne è valsa la pena. Siamo assolutamente convinti che questo sarà l’inizio di qualcosa di grandioso. [...]

La prima Alpha, essendo una versione dedicata solamente agli sviluppatori, include solamente le varie estensioni open-source per GNOME-Shell realizzate dal team, come la dock, il pannello e il tema personalizzato. Il tutto gira su Fedora 20, sebbene la release finale sarà basata su Fedora 21.
I driver proprietari preinstallati e il supporto alla piattaforma Steam arriveranno con la Beta, come già preannunciato nella roadmap.
Il team, infine, invita gli utenti a testare, scovare e segnalare eventuali problemi o feature sulla pagina GitHub dedicata: http://github.com/ozonos
L’Alpha di OzonOS “Hydrogen” (64bit) è scaricabile gratuitamente da qui: https://drive.google.com/file/d/0B1hdFXnL3v48UUpZdzE2aGFuOTA/edit?usp=sharing

o in alternativa al seguente link http://nitrux.in/downloads/files/Ozon.iso

Per chi avesse problemi è disponibile il torrent https://drive.google.com/file/d/0B1hdFXnL3v48a1JlOFpQVmY4bnc/edit?usp=sharing

 

0

Cosa manca a Linux? (oggi parliamo di...)

Chiediamo ai nostri lettori cosa manca al sistema operativo libero per poter competere con Windows e Mac.

Cosa manca a Linux?
In questi anni abbiamo visto approdare notevoli migliorie all’intero ecosistema di Linux. Ad esempio abbiamo visto un notevole miglioramento nel supporto hardware con driver proprietari AMD e Nvidia sempre più stabili e performanti, gli ambienti desktop e le applicazioni dedicate risultano sempre più completi e funzionali. Attualmente è difficile trovare una stampante, scheda grafica o audio o altro componente non supportato dal Kernel Linux. Da notare inoltre l’arrivo in Linux del client Steam che ha portato molti nuovi game nativi per il sistema operativo libero, in arrivo inoltre nuove console Steam Machines basate su Steam OS distribuzione basata su Debian.

Continua a leggere…

 

0

Github randomness 2

Nei momenti in cui ci si chiede se ci sia per forza bisogno di un sequel, eccone arrivare uno tra capo e collo. [commento su qualunque notizia cinematografica di questo periodo che vale anche per questo articolo]
Questa volta abbiamo trovato repository che  potrebbero  perfino sembrare utili!

  • Papers We Love: per gli informatici o i presunti tali, una collezione di articoli accademici su diverse branche della computer science;
  • HTTPie: tool a riga di comando in Python che semplifica le richieste HTTP rispetto a curl;
  • Coreutils Viewer: monitor dei programmi coreutils (ad esempio mv, cp) in esecuzione su sistema Linux;
  • daff: un diff per dati tabulari;
  • v86: Emulazione in javascript di CPU x86 e relativo hardware (si può provare qui da Windows 1.01 a Linux);
  • GeoGit: un sistema di versionamento applicato ai dati geografici;
  • OpenData500: Uno studio sulle compagnie americane che generano valore tramite i dati aperti;
  • ParisHilton.js: uno script che rimuove tutti i contenuti dall’head della pagina web;
  • M5Stop: nascondi dalla bacheca di Facebook i contenuti riconducibili a grillini, sostituendoli con citazioni di altro livello;
  • GitBanner o Gitfiti: crea un repository fittizio su GitHub per far apparire messaggi particolari sul grafico dei commit;
  • Hipster Domain Finder: cerca domini brevi ancora liberi;
  • comcastify: uno script per caricare le immagini delle proprie pagine web come ai vecchi tempi del 56k (dal team di The Onion, articolo su The Verge).

PS: Vi ricordate di quando Marco’s Box si era messo a scorreggiare?

 

0

Installare Rexloader in Ubuntu e derivate

Ecco come installare Rexloader, download manager open per Linux e Windows dotato di numerose funzionalità

Rexloader in Ubuntu
Nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux troviamo anche diversi download manager (come uGet, Aria2 ecc), software in grado di gestire i nostri file che scarichiamo dalla rete. In alternativa possiamo utilizzare Rexloader, download manager open source, scritto in C++ con un’interfaccia grafica Qt, dotato di numerose ed utili funzionalità.
Rexloader ci consente di scaricare i nostri file più velocemente grazie al multithreaded dotato di registrazione e calcolo hash MD5, SHA1 incluso anche il supporto per scaricare file attraverso il protocollo ftp oppure file torrent.

Continua a leggere…

 

0

Seguire la diretta di Cyberia: una giornata per le libertà digitali

Ecco come seguire la diretta in streaming di Cyberia: giornata per le libertà digitali di Torino che vede come ospite Richard Stallman.

Cyberia
Nella giornata odierna (domenica 14 settembre 2014) si sta svolgendo a Torino l’evento denominato Cyberia: una giornata per le libertà digitali; importante incontro nel quale si festeggia la scelta dell’amministrazione comunale di puntare sul sistema operativo libero, migrazione che consentirà di risparmiare più di 6 milioni di Euro di soldi pubblici.
Tra i tanti ospiti dell’evento troviamo anche Richard Stallman, fondatore del progetto GNU, che parlerà alle ore 18.00,  presente anche Italo Vignoli (Co-Fondatore The Document Foundation), Juan Carlos De Martin (Co-fondatore Centro Nexa su Internet e Società) e Roberto Guido (Direttore Italian Linux Society) e molti altri ancora.

Continua a leggere…

 

0

Potenza 2.0 le nuove icone made in italy approdano su GitHub

Alessandro Bompadre ha rilasciato la nuova versione 2.0 delle icone Potenza, le novità e come installarle nella nostra distribuzione.

Potenza Icons in Ubuntu
Tra le tante caratteristiche include nei principali desktop environment per Linux troviamo la possibilità di utilizzare temi, icone, cursori ecc di terze parti. In questi anni abbiamo presentato numerosi temi set d’icone ecc di terze in grado di migliorare il look del nostro desktop, tra questi progetti troviamo anche il set d’icone Potenza sviluppato dal designer italiano Alessandro Bompadre.
Potenza è set d’icone open source basato su Faenza con un look però più moderno e miniale in grado di supportare al meglio i principali ambienti desktop Linux come ad esempio Unity, Gnome Shell, KDE, LXDE, XFCE, Mate, Cinnamon, Pantheon ecc.

Continua a leggere…

 

0

Lo sviluppo di Marble il globo virtuale di KDE, valida alternativa a Google Earth

In questo articolo andremo ad analizzare Marble, progetto sviluppato da KDE in grado di fornire una valida alternativa libera a Google Earth.

Marble in KDE
Tra le tante applicazioni sviluppate dal team KDE troviamo anche Marble, un visualizzazione di carte geografiche open source multi-piattaforma realizzato per fornire una valida alternativa libera a Google Earth. Come per gran parte delle applicazioni sviluppate dai developer KDE, anche Marble è un progetto creato per essere molto flessibile con la possibilità di poter interagire con altre applicazioni del desktop environment “K” (esempio interagendo con digiKam per la geolocalizzazione delle immagini) con la possibilità di includere e creare nuove mappe tramite un gestore dedicato (da menu File -> Scarica mappe o Crea una nuova mappa).

Continua a leggere…

 

0

HP dovrà rimborsare gli utenti che non vogliono utilizzare Windows nei propri pc

HP dovrà rimborsare gli utenti che non vogliono utilizzare Windows e software inclusi nei loro personal computer.

HP Hewlett-Packard
La maggior parte dei personal computer presenti nei vari negozi, centri commerciali, store online ecc dispone di Microsoft Windows preinstallato. Acquistano un pc andremo a pagare anche una licenza per l’utilizzo di Windows ed eventuali software inclusi nel sistema operativo come ad esempio Microsoft Office. Se un’utente o azienda vuole utilizzare solamente Linux e software liberi può richiedere il rimborso del costo del software che non viene utilizzato, l’importante è non accettare la licenza (normalmente richiesta al primo avvio) altrimenti non avremo diritto al rimborso (per maggiori informazioni consiglio di consultare il nostro articolo dedicato). Tutte le aziende devono rimborsare gli utenti, lo sa bene HP / Hewlett-Packard che ha recentemente perso una causa riguardante proprio i rimborsi richiesti da un utente fiorentino .

Continua a leggere…

 

0

Sei uno sviluppatore Open Source? Ricevi gratuitamente fondi da Numix!

Il team Numix ha appena aperto un programma di donazioni dedicato agli sviluppatori e alle aziende che pubblicano software sotto licenza open. Ogni mese, saranno infatti selezionate alcune delle proposte, che potranno ricevere in modo totalmente gratuito una donazione fino a $100
Dal comunicato ufficiale si legge:

“È tempo di iniziare donare all’Open Source. 

 Da quando il progetto (Numix) è stato fondato, ha generato ben pochi guadagni, ma nei mesi recenti siamo giunti ad una fase di stabilità economica. [...] Siamo quindi in posizione di donare una parte del nostro ricavato ogni mese: se hai un progetto Open Source compila il modulo sotto. La candidatura è valida anche se hai realizzato un software libero in passato, o hai dei progetti per crearne uno in futuro con i nostri fondi. ”

Se anche tu sei uno sviluppatore che ha pubblicato app/librerie licenziate come software libero e vuoi partecipare al programma, il modulo per presentare la candidatura per Ottobre 2014 è disponibile qui: https://docs.google.com/forms/d/11t_R5QgkcE2JR_79BZy-mDNj3b4bL7WBgOV4EzOGIKc/viewform