Tags archives: varie

 

0

LibreOffice e Microsoft Office, qual è il migliore? (oggi parliamo di...)

LibreOffice è diventata ormai la migliore suite per l’ufficio open source, c’è da chiedersi se è da considerarsi ormai alla pari di Microsoft Office o no?

LibreOffice in Ubuntu
Esattamente quattro anni fa nasceva LibreOffice, l’ormai famoso suite per l’ufficio open source nata dal codice sorgente di OpenOffice. Presente di default e nei repository delle principali distribuzioni Linux, LibreOffice è attualmente la suite per l’ufficio open tra le più apprezzate ed utilizzate al mondo. In questi quattro anni gli sviluppatori della The Document Foundation hanno reso LibreOffice sempre più stabile e completa di nuove funzionalità oltre a migliorare notevolmente il supporto per importare, elaborare ed esportare anche formati proprietari di Microsoft Office. Stando alla tabella di comparazione rilasciata dalla The Document Foundation le differenze tra LibreOffice e Microsoft Office non sono molte, se guardiamo bene la suite per l’ufficio open dispone di maggiori caratteristiche (esempio è disponibile per Linux, Windows e Mac ed in futuro anche per Android) oltre ad essere completamente gratuita.

Continua a leggere…

 

0

Linux in pillole: decodificare gli indirizzi IPv4

Chiedo scusa ai lettori. Questo sarebbe dovuto essere il primo articolo, quello introduttivo, sugli indirizzi IP, invece ho pubblicato quello sulla classe A. Poco male eccolo: Un indirizzo IPv4 a 32 bit è suddiviso in quattro sezioni di 8 bit chiamati ottetti. Esempio: Indirizzo IP → 172. 16. 31. 46 Formato Bit → 10101100.00010000.00011111.00101110 Gli […]

Linux in pillole: decodificare gli indirizzi IPv4 is a post from: Tuxmind:

 

0

Netflix: dice no all'Italia visto che internet fa schifo

I progetti della broadband vanno a rilento perchè è da DECENNI che nelle telecomunicazioni siamo in mano a degli INCOMPETENTI di primissimo livello.
Netflix in Ubuntu
Abbiamo investito VAGONATE di soldi nella rete in rame più grande del mondo (con manutenzione ipoteticamente e secondo calcoli complessi praticamente NULLA) e oggi come oggi in soldoni vale 0 (fai prima a venderla al lattoniere per rifarti le grondaie), proprio perché in quanto a capillarità di cabinet siamo indietro di 10 anni rispetto agli altri. (OLO in ULL a 3.7km dalla centrale, con attenuazione a 56db perchè dopo 15 anni questi sono i risultati, abbassata a 53db in Gdmt per tenerla stabile, banda passabile solo grazie al target SNR
modificato da telnet.. la solita “lotta” italiana con la banda).
Aria fritta, tante belle parole sulla nomenclatura della banda (iper-ultra-mega-fanta) ma finora non si è mai vista UNA vera roadmap con un piano nazionale FTTx come han fatto in tutti gli altri paesi normali (prima FTTC per tenere bassi i costi e poi investimenti a larga scala post-2018 in FTTH), tabelle/db con una mappatura di cabinet/centrali con previsione scavi, status, ecc.

Continua a leggere…

 

0

Linux 3.17 il file system più veloce è? (Benchmarks)

Il team Phoronix ha messo a confronto le performance del file system EXT4, Btrfs, XFS e F2FS con la futura versione 3.17 del Kernel Linux, quale sarà il più veloce?

Linux
Manca ormai poco al rilascio della nuova versione 3.17 del Kernel Linux, aggiornamento che oltre ad include il supporto per nuove periferiche include anche diverse migliorie e ottimizzazioni riguardanti anche i file manager come EXT4, BTRFS ecc. Da notare che Linux 3.17 molto probabilmente sarà di default in openSUSE 13.2, distribuzione che avrà di default BTRFS, file system che include molte utili funzionalità e ottimizzazioni riguardanti soprattutto l’utilizzo in server, soluzioni cloud ecc. Il team Phoronix ha voluto mettere a confronto quattro file system (EXT4, Btrfs, XFS e F2FS) nella versione in fase di sviluppo di Ubuntu 14.10 Utopic con installata la versione stabile 3.16 del Kernel (che troveremo di default) e la RC6 del nuovo Linux 3.17.

Continua a leggere…

 

0

eGov 2014: premiati LibreUmbria e XPocalypse

eGov 2014 ha premiato LibreUmbria nella sezione Cultura e Competizione Digitali e il progetto XPocalypse ha vinto la sezione Menzione Speciale.

eGov 2014
eGov è un rassegna che premia ogni anno i migliori progetti d’innovazione sviluppati dalle pubbliche amministrazioni molti dei quali arrivano proprio da soluzioni open source. Tra i vincitori di eGov 2014 troviamo LibreUmbria@Scuola, noto progetto che punta a promuovere l’utilizzo della suite per l’ufficio LibreOffice e altri software liberi negli enti pubblici. LibreUmbria@Scuola ha vinto il premio della sezione “Cultura e Competenze Digitali”, progetto che punta a fornire una formazione sul software libero ad insegnanti e genitori in maniera tale da facilitare l’utilizzo da parte degli alunni.

Continua a leggere…

 

0

Linux nei Server conviene davvero? (oggi parliamo di...)

Chiediamo ai nostri lettori il loro parere riguardante Linux nei Server, il sistema operativo libero in ambito aziendale conviene sempre???

Linux nei Server
Se nel mercato dei personal computer il sistema operativo libero senta a decollare, non è cosi nei server dove Linux / Unix sono i più utilizzati al mondo. Stando a quanto indicato dal portale W3Techs il 66.9% dei server al mondo si basa su Unix (comprende Linux, BSD, Darwin ecc) mentre solo il 33.1% “gira” con Microsoft Windows. La distribuzione Linux più utilizzata nei web server è Debian (31.9%) seguita da Ubuntu (22.8%) e CentOS (20.5%), al quarto posto troviamo Red Hat (4.9%) seguita da Gentoo (2.1%) e Fedora (1.7%). La scelta di Linux ricade principalmente sia nei costi, visto che l’azienda non dovrà pagare licenze ecc per utilizzare il sistema operativo e l’affidabilità, difatti il sistema operativo libero consente una soluzione molto più stabile e sicura di Windows.

Continua a leggere…

 

0

Linux in pillole: decodificare gli indirizzi IPv4. La classe A

Gli indirizzi di classe A utilizzano il primo ottetto di un indirizzo IP come ID di rete e gli altri tre ottetti come l’ID host. Il primo bit del primo ottetto è sempre impostato a zero. Così si possono utilizzare solo 7 bit per i numeri di rete univoci. Come risultato, ci sono un massimo […]

Linux in pillole: decodificare gli indirizzi IPv4. La classe A is a post from: Tuxmind:

 

0

Il parere di Linus Torvalds su Systemd

In una recente intervista a iTWire, il fondatore del Kernel Linux ha rilasciato il suo parere sul nuovo gestore degli avvii Systemd.

Linus Torvalds
Dopo tante discussioni varie i developer Debian hanno deciso di puntare su Systemd come gestore d’avvio di default nelle future versioni del sistema operativo universale. Dopo Arch Linux, Fedora, openSUSE, Sabayon anche Debian e Ubuntu passeranno presto a Systemd, gestore degli avvii che sarà quindi di default nelle principali distribuzioni.
Il nuovo gestore d’avvii Systemd porta con se diverse migliorie (oltre ad essere  compatibile con initscript SysV e LSB) avviando più servizi in parallelo, oltre ad utilizzare il socket e D-Bus per l’avvio dei demoni e supportare lo snapshotting e il restore dello stato del sistema e molte altre funzionalità. Dopo le diverse critiche nei confronti degli sviluppatori di Systemd (per maggiori informazioni consiglio di consultare il nostro articolo dedicato),  Linus Torvalds ha rilasciato uno “strano” parere riguardante il nuovo gestore degli avvii open source.

Continua a leggere…

 

0

phpVirtualBox accedere e operare in VirtualBox da remoto via browser web

In questa guida vedremo come installare phpVirtualBox per accedere e operare da remoto a VirtualBox direttamente dal nostro browser web.

phpVirtualBox in Ubuntu
VirtualBox è un software multi-piattaforma che ci consente di avviare una macchine virtuali Linux, Windows e Mac per poter ad esempio testare nuovi sistemi operativi, software ecc. Grazie a VirtualBox possiamo ad esempio installare una macchina virtuale con Windows all’interno di Linux, in maniera tale da operare ad esempio in Microsoft Office o in altri software non disponibili per il sistema operativo libero. E’ possibile accedere e utilizzare VirtualBox anche da remoto, senza quindi dover utilizzare client o altri software ma semplicemente il nostro browser preferito, tutto questo grazie a phpVirtualBox.

Continua a leggere…

 

0

Void Linux - L'installer

Andiamo ad analizzare l’installer di Void Linux, distribuzione Rolling Release molto simile ad Arch Linux.

Void Linux
In questi giorni rilasceremo alcune guide dedicate a Void Linux, distribuzione Rolling Release che ci consente di creare il nostro sistema operativo libero partendo dal Kernel integrando il gestore dei pacchetti XBPS, il gestore d’avvio Runit (thanks CaosX) e DKMS per semplificare la gestione dei moduli del Kernel Linux di terze parti. L’idea del progetto Void Linux è quella di poter creare una distribuzione ottimizzata per il nostro pc, stabile e sempre aggiornata. Void Linux è una distribuzione da consigliare soprattutto ad user esperti (o all’utente che vuole imparare ad utilizzare al meglio Linux) dato che molto spesso dovremo operare da riga di comando a partire dall’installazione, alle varie configurazioni ecc.

Continua a leggere…