Tags archives: informatica

 

0

Red Hat Gluster Storage 3.2 è ancora più interessante per sviluppatori e amministratori che gestiscono workload moderni


Red Hat Gluster Storage 3.2 è ancora più interessante per sviluppatori e amministratori che gestiscono workload moderni

La release comprende funzionalità progettate per migliorare scalabilità di operation metadata-intensive, minori costi di infrastruttura e maggiore integrazione con la piattaforma Red Hat OpenShift Container

Milano, 24 marzo 2017 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, ha annunciato la disponibilità generale di Red Hat Gluster Storage 3.2. La più recente versione della soluzione storage software-defined di Red Hat include diversi avanzamenti e nuove funzionalità mirate a potenziare le prestazioni di file di piccole dimensioni, fornire integrità dei dati a un costo contenuto e migliorare l’integrazione con Red Hat OpenShift Container Platform.

Red Hat Gluster Storage 3.2 indirizza il problema legato alla scalabilità di operazioni metadata-intensive _ soprattutto con file di dimensioni inferiori a pochi megabyte – se si utilizza network attached storage (NAS). Questi miglioramenti potenziano lo storage di registrazioni Red Hat OpenShift Container Platform. Queste ultime – cuore della piattaforma container – sono fondamentali per le applicazioni residenti e necessitano di storage duraturo estremamente elastico. Inoltre, più rapide attività metadata-intensive possono migliorare l’operatività fino a 8 volte secondo dati Red Hat, incrementando la responsività del sistema storage in termini di scalabilità e l’esperienza utente nel suo complesso.

Red Hat Gluster Storage 3.2 introduce nuove funzionalità:

Maggiore integrazione con la piattaforma Red Hat OpenShift Container,
aggiungendo il supporto nativo per avanzati servizi storage quali geo-replica e cifratura in-flight per applicazioni implementate nei container. Questi miglioramenti, integrati nella nuova immagine docker container disponibile con l’ultima release del prodotto, consente di triplicare i volumi persistenti (PV) per cluster secondo test di quality engineering svolti da Red Hat.

Minore footprint hardware tramite arbiter volume che possono ridurre i costi infrastrutturali, pur mantenendo lo stesso livello di integrità dei dati. Questi volumi sono in grado di risolvere conflitti in caso di disallineamento di dati tra due nodi senza richiederne una terza copia. I clienti che utilizzano i NAS per attività tradizionali come backup/ripristino possono ottenere l’integrità di dati offerta da una replica a tre vie senza incorrere nei costi hardware, di spazio datacenter ed energia associati. Questa proposta può essere particolarmente vantaggiosa per i clienti che dispongono di configurazioni iperconvergenti in ambienti ROBO.

Auto-riparazione più rapida di volumi erasure coded riduce l’impatto sulle prestazioni in fase di ripristino. Inoltre, questi miglioramenti possono beneficiare i clienti che hanno implementato Red Hat Gluster Storage con Red Hat Virtualization per archiviare immagini di macchine virtuali.

Avanzate capacità di monitoraggio abilitate tramite notifiche native e asincrone potenziano la gestione quotidiana dello storage. Inoltre, Red Hat Gluster Storage offre estensibilità tramite il framework di monitoraggio open source Nagios per ottimizzare la gestione dello storage.

“Le imprese moderne pensano allo storage software-defined per abilitare le loro iniziative di business tramite la trasformazione digitale”, commenta Ranga Rangachari, vice president e general manager Storage in Red Hat. “E’ un abilitatore chiave nel viaggio verso il cloud aperto ibrido. Red Hat Gluster Storage 3.2 segna una pietra miliare nella vita del prodotto e riunisce svariate innovazioni interessanti per il CTO moderno”.

“Questa nuova release di Red Hat Gluster Storage arriva in un momento in cui il settore dello storage software-defined è a un punto di flessione in termini di di come lo storage viene consumato dalle aziende data-driven”, aggiunge Laura DuBois, group vice president Enterprise Storage, Server and Infrastructure Software in IDC. “La flessibilità di poter implementare su macchine virtuali, container e public cloud offre a Red Hat Gluster Storage qualcosa in più rispetto alle tradizionali appliance storage monolitiche”.

 

0

Rilasciato GNOME 3.24 "Portland": Ecco le principali novità

GNOME Foundation ha annunciato il rilascio di GNOME 3.24 nome in codice Portland. Questa nuova versione porta con se l'aggiornamento di alcune delle applicazioni principali di GNOME, nuove caratteristiche e miglioramenti e il consueto lavoro di correzione di bug.

Ma vediamo quali sono le caratteristiche principali di GNOME 3.24:

La nuova funzionalità Night Light

Night Light: Una nuova funzionalità di GNOME che cambia il colore dello schermo a seconda dell'ora del giorno rendendo il tutto più caldo la sera in modo da aiutare gli utenti a prevenire l'insonnia e l'affaticamento degli occhi. Questa funzionalità non è altro che il famoso filtro luce blu che tanto va di moda ultimamente sugli smartphone. Funziona sia su X11 che su Wayland.

La nuova schermata delle impostazioni delle stampanti

Impostazioni rivisitate: le schermate delle impostazioni di Online Accounts, Stampanti e Utenti sono state riviste rendendole più usabili da parte degli utenti. Come potete vedere dallo screenshot di sopra relativo alla gestione Stampanti ora è possibile conoscere, in un unico colpo d'occhio, tutte le informazioni sulle stampanti di sistema.

L'applicazione Recipes con le ricette della comunità

Applicazione Recipes: questa è la nuova applicazione di GNOME che racchiude una raccolta di ricette realizzate dalla comunità di GNOME a cui potete contribuire.


La nuova area notifiche migliorata

Area notifiche migliorata: l'area notifiche ha ricevuto diversi miglioramenti. L'elenco delle notifiche ha ora un layout più semplice e chiaro il che rende più facile leggere le notifiche precedenti. Sono stati inoltre corretti diversi bug al fine di fornire una esperienza utente più agevole.
Le informazioni meteo sono state inoltre integrate nell'area delle notifiche con una semplice sintesi delle previsioni del giorno per la posizione corrente o per una impostata manualmente.

Web, il web browser di GNOME ha subito numerosi miglioramenti di design

Web migliorato:
Web, l'applicazione web browser di GNOME ha ricevuto numerosi miglioramenti per GNOME 3.24. Un certo numero di miglioramenti significativi di design rendono l'applicazione più facile da usare. Fra questi troviamo una nuova barra degli indirizzi e un nuovo popover che mostra un elenco delle schede aperte rendendo più facile da navigare quando si dispone di un gran numero di pagine aperte.
Rivista inoltre l'interfaccia per i preferiti per accedere rapidamente ai segnalibri e una nuova interfaccia per organizzarli facilmente.
Infine troviamo una serie di miglioramenti per la privacy che spaziano da un avviso che viene mostrato quando inseriamo password in campi di testo non sicuri, l'aggiunta di EasyPrivacy, una nuova finestra di dialogo per i dati personali che consente la visualizzazione e la loro cancellazione (IndexedDB, WebSQL. etc).
Photos, il visualizzatore di immagini ora offre una panoramica migliore delle immagini in archivio

Migliore visualizzazione delle foto: Photos, il visualizzatore di immagini di GNOME, fornisce ora una migliore panoramica delle immagini con miniature più grandi e ridimensionate per riempire tutto lo spazio disponibile. 
Altri miglioramenti includono: 
  • Nuovi tool per l'editing dell'esposizione e dei neri
  • Photos mostra ora una notifica se uno degli accounts online necessità attenzione
  • Le informazioni GPS sulla geo localizzazione delle foto viene ora mostrata per le foto che hanno tale metadato.

Il client IRC Polari

Client IRC migliorato: Polari, il client IRC di GNOME, include ora una serie di miglioramenti. Facendo click su di un nome utente viene ora mostrato un popover che consente di avviare una conversazione privata o richiedere una notifica quando un utente non in linea torna in linea.
Altri miglioramenti includono la possibilità di far funzionare l'applicazione in background senza tenere una finestra aperta, il controllo ortografico e una lista di stanze disponibili nella finestra di accesso alle stanze.


Games, il personal gaming center: un luogo unico per sfogliare e riprodurre la libreria dei videogiochi. Consente di riprodurre una varietà di giochi retrò fra cui:
  • Giochi homebrew per Neo-Geo Pocket e NES, alcuni dei quali possono essere ottenuti da pdroms.de.
  • SNES, Game Boy e Game Boy Color, utilizzando un accessorio come Retrode.
  • Giochi PlayStation, che possono essere copiati dai CD originali.
Games ha avuto un sacco di miglioramenti dell'interfaccia per GNOME 3.24 come il miglioramento di feedback durante il caricamento di giochi, una migliore gestione delle finestre e messaggi di errore più utili. Ha inoltre acquisito la capacità di giocare a giochi Libretro.

Le icone Adwaita

Icone più grandi e più luminose: per la serie anche l'occhio vuole la sua parte alcune delle icone di sistema sono state ridisegnate e sono ad alta risoluzione. Questo significa che le icone sono più dettagliate su schermi ad alta densità.
Lo stile visivo di molte icone sono state migliorate con un nuovo look più pulito, senza ombreggiature e con una luminosità complessiva aumentata. Il risultato è un aspetto più accattivante. 
Ah, e l'icona di Files è ora blu e viene fornita con Files e non con il tema di icone Adwaita

Ciao, sono la nuova icone di Files e ho preso il viagra


Migliorato il supporto alle tavolette Wacom

Miglioramenti con le tavolette Wacom: il supporto alle tavolette grafiche Wacom ha subito importanti miglioramenti. Le tavolette sono ora compatibili con Wayland e la configurazione delle penne stylus è stata migliorata. Gli stylus possono ora essere configurati in modo indipendente consentendovi di muovervi fra diversi tavolette grafiche mantenendo le stesse configurazioni. Gli stylus possono inoltre essere configurati usando preset per devices differenti.
Infine è finalmente possibile definire le azioni per le azioni sulle tavolette. 

E non finisce qui
  • GNOME 3.24 è dotato del supporto per i computer dotati di doppia scheda grafica. Se si dispone di più di una scheda video è ora possibile selezionare quale CPU utilizzare quando si lancia un'applicazione.
  • L'applicazione calendario ha una nuova visualizzazione settimanale che permette inoltre il drag and drop per spostare gli eventi.
  • Software ha avuto ritocchi e miglioramenti visivi fra cui nuove icone per indicare quando sono state installate le applicazioni, una presentazione migliorata per le valutazioni degli utenti e la visualizzazione della quantità di spazio su disco occupata dalle applicazioni installate.
  • Files, rende ora più semplice e sicuro lavorare con file e cartelle con restrizioni. Se si tenta di fare qualcosa che richiede autorizzazioni aggiuntive vi verrà chiesto di inserire la password. Questo fornisce un modo più sicuro per lavorare con file e cartelle con restrizioni anziché eseguire l'applicazione con sudo.
  • Supporto Flatpak in Software migliorato. L'aggiornamento delle applicazioni Flatpak è molto più agevole. Il supporto per nuove funzionalità di Flatpak, come ad esempio il download automatico di runtime, è stato incluso.
  • L'uso della tipografia in GNOME è stato migliorato con uso massimo dell'Unicode. Molti di questi cambiamenti sono sottili ma consentono di avere un aspetto migliore nel suo complesso.
  • La calcolatrice ha subito una serie di miglioramenti fra cui un aspetto migliore, una nuova finestra con le scorciatoie da tastiera, nuove variabili e funzioni popovers, una migliore evidenziazione degli errori e una migliore gestione dei numeri complessi.

 

0

Netflix annuncia il supporto a Firefox su Linux!

Good news, everyone!
Netflix, tramite un post sul suo blog ufficiale, ha finalmente annunciato il supporto alla riproduzione dei propri contenuti protetti da DRM anche su Firefox e sistemi operativi GNU/Linux.

Questo significa che da ora in avanti non sarà più necessario ricorrere ad addon per Firefox per cambiare l'user agent o utilizzare Google Chrome per poter vedere i contenuti di Netflix in quanto Firefox li riprodurrà nativamente e senza problemi.

L'aggiornamento dei sistemi è già disponibile quindi potete utilizzare fin da subito Firefox su Linux per riprodurre i contenuti di Netflix.

Firefox su Linux che riproduce finalmente i contenuti di Netflix senza problemi

Che dire, grazie a Netflix per aver finalmente permesso tutto questo.

Per maggiori dettagli su come questo è stato possibile vi lascio il link al blog di Netflix

 

0

IBM e Red Hat collaborano per accelerare l’adozione del cloud ibrido con OpenStack


IBM e Red Hat collaborano per accelerare l’adozione del cloud ibrido con OpenStack


Le aziende clienti potranno estendere velocemente e in modo semplice i loro workload on-premise

a Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud


Milano, 21 marzo 2017 IBM (NYSE: IBM) e Red Hat, Inc. (NYSE: RHT) hanno annunciato una collaborazione strategica intesa ad aiutare le aziende ad ottenere i benefici economici e di velocità della piattaforma OpenStack, estendendo in modo più semplice i propri workload Red Hat, virtuali e cloud, al Private Cloud di IBM.


Come parte di questa nuova collaborazione, IBM è diventata Red Hat Certified Cloud and Service Provider, offrendo così ai clienti una fiducia ancora maggiore di poter usare Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud, nel momento in cui l’offerta sarà generalmente disponibile alla fine di marzo 2017.


Inoltre, sempre nell’ambito dell’accordo, Red Hat Cloud Access sarà disponibile per IBM Cloud entro la fine di Q2 2017, permettendo ai clienti Red Hat di trasferire eventuali sottoscrizioni Red Hat Enterprise Linux non utilizzate dal proprio data center a un ambiente cloud pubblico e virtuale presso i Cloud Data Center di IBM in tutto il mondo. In questo modo, le aziende possono proteggere ed estendere gli investimenti effettuati sul software Red Hat, accedendo all’efficienza e alla portata globale di IBM Cloud.


“La nostra collaborazione con IBM punta ad aiutare le realtà enterprise ad adottare il cloud ibrido in modo semplice e veloce”, spiega Radhesh Balakrishnan, General Manager of OpenStack di Red Hat. “Ora, i clienti che non dispongono di competenze interne sufficienti a gestire un’infrastruttura OpenStack possono accedere con fiducia a Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud.”


Cloudsoft, azienda leader nella gestione di applicazioni per l’hybrid cloud, sta già utilizzando questo servizio in beta ed ha implementato i suoi workload Red Hat Enterprise Linux su IBM Private Cloud.


“Implementare la nostra Cloudsoft Application Management Platform (AMP) su IBM Bluemix Private Cloud con Red Hat è stato praticamente immediato per noi”, racconta Duncan Johnston-Watt. CEO di Cloudsoft Corporation. “Stiamo già ottenendo i vantaggi di costo ed efficienza tipici del cloud pubblico con le caratteristiche aggiuntive di sicurezza, controllo e prestazioni di un avanzato ambiente di cloud privato.”


Tra gli altri importanti vantaggi che le aziende clienti possono attendersi da questa offerta comune:

  • IBM e Red Hat forniranno l’infrastruttura cloud ibrida che aiuterà i clienti ad operare le loro applicazioni cloud in modo più efficiente tramite API di OpenStack.

  • I clienti avranno la possibilità di erogare più velocemente l’infrastruttura cloud e, tramite Red Hat Cloud Access, migrare workload e sottoscrizioni Red Hat esistenti su IBM Cloud, oppure utilizzare il software e l’infrastruttura in modalità pay-as-you-go.

  • La aziende possono avere una portata più estesa, abbinata alla capacità di partire localmente e poi scalare globalmente, con le funzionalità cloud, e di rispettare in modo più semplice normative legate alla collocazione dei dati e di altra tipologia.


IBM e Red Hat prevedono di commercializzare in modo congiunto questa nuova offerta per installazioni private cloud, comprese migrazione di workload, disaster recovery, estensione di capacità e consolidamento del data center.



“Una strategia cloud-first è diventata la normalità per una gran parte di nostri clienti enterprise che sfruttano IBM Cloud come elemento fondamentale per la loro digital transformation”, aggiunge Zane Adams, vice president di IBM Cloud. “La collaborazione strategica tra IBM e Red Hat intende aiutare i clienti ad adottare più semplicemente software cloud OpenStack e prodotti open source, proteggendo gli investimenti già effettuati e creando nuove opportunità di business.”

 

0

Ubuntu è maturo per un uso professionale?


Sono passati diversi anni da quando ci si chiedeva se Ubuntu potesse essere un OS valido in ambito lavorativo (e diversi anni dal mio ultimo post quasi :P).

Io sono un programmatore, quindi il mio punto di vista è limitato all’utilizzo che faccio delle mie macchine, queste riflessioni dunque non sono necessariamente valide per i gamers, per chi lavora nell’ambito della grafica e del montaggio video.
Se sei un programmatore, Ubuntu è una bella scelta per tutti i vantaggi che porta con sé, da tutte le utility nel terminale ad un ambiente plasmabile al proprio workflow, passando per una serie di software belli e completi come LibreOffice, GIMP, Inkscape giusto per citarne tre disponibili anche su altri OS.

Uno dei problemi principali possono essere le prestazioni. Anni fa, ricordo, Linux era la scelta migliore anche per il supporto ad hardware non recentissimo, oggi le cose sembrano cambiate e se è vero che non si può pretendere che hardware datato possa essere supportato per lustri è anche vero che ultimamente tanti programmi (in tutti gli OS) stanno facendo una corsa all’uso della RAM e della CPU a scapito dell’ottimizzazione alquanto inspiegabile.

Ritengo che 4GB di RAM e un dual core sono insufficienti quasi per qualsiasi tipo di utilizzo professionale multitasking a prescindere dal DE (non sto considerando i wm) proprio perchè come dicevo in precedenza sono i programmi ad essere ottimizzati per sfruttare la potenza della macchina, o almeno, provate a fare la build di un’app HelloWord e poi ne riparliamo su una macchina di quel tipo e poi ne riparliamo...!

Sono lontani i tempi del buon vecchio Gnome 2, di Synaptic al posto del Software Center (anche se concettualmente distanti).

La questione driver è migliorata rispetto ad anni fa,come sono sicuramente migliorate le User Experience proposte dai maggiori DE, ma lato autonomia ancora oggi c’è diverso lavoro di ottimizzazione da fare e non solo su Ubuntu, e speriamo sempre che qualche aggiornamento del kernel risolva o in parte porti ad una sostanziale parità di autonomia rispetto ad altri sistemi operativi..

Personalmente credo che Ubuntu sia maturo per un uso professionale la dove la programmazione sia l’attività principale, in altri c’è ancora qualcosa da fare a partire dall'ottimizzazione dei driver (e se non si vuole a tutti costi utilizzare quelli open proposti almeno quelli closed dovrebbero essere ottimizzati dai produttori).
Sicuramente avere una macchina fissa assemblata elimina moltissimi degli aspetti “negativi” per un programmatore, aspetti come driver e ottimizzazione energetica vengono a mancare con un minimo di selezione di hardware sicuramente compatibile.

In conclusione: Probabilmente per programmare è oggi la miglior soluzione anche se proposte come quelle di Microsoft con Windows 10 e l’integrazione della shell di Ubuntu dello scorso anno è sicuramente interessante da provare e valutare.

Voi cosa ne pensate? In che ambito professionale utilizzate Ubuntu (o una qualsiasi altra distribuzione)?

Non la pensate come me? Fatemi sapere qual’è la vostra opinione!

 

0

A cosa serve il computer Linux edition

Nel lontano luglio 2010 mi domandavo in questo post a cosa servisse il computer, abbastanza inspiegabilmente almeno per me questo post riceve ancora visite ben 77 nell'ultimo mese


e ben 2629 da quando  è stato scritto quasi 7 anni fa .

Dopo tutti questi anni l'idea di base non è cambiata ma magari si è evoluta, sono passato da alcune versioni di Ubuntu a Linux Mint Debian edition che ho tenuto circa 2 anni poi il passaggio a Linux Mint Cinnamon che uso ormai da circa 4 anni ,il pc dal quale scrivo ha poco più di 8 anni, ho cambiato personalmente i 2 hard disk originali inserendo un ssd da 250 gb e un hard disk da 1 tb più un hd messo all'acquisto da 500 gb sono in procinto di sostituire la ram con 6 gb contro gli iniziali 3 gb. Ho partizionato l'ssd con root e home separate per semplificare le operazioni di installazione sistema operativo e mettere al sicuro i dati sempre avendo comunque una copia di backup.
Quindi nel mio caso il computer è servito ad imparare ad usare il computer e scoprire di più ciò che conoscevo poco, non solo il sistema operativo ma proprio il web che dire che è vasto è un eufemismo
sicuramente siamo nell'epoca del mobile, quindi il pc fisso può suonare un po' vecchiotto come approccio ma resta impagabile per molto ancora , ricordo ancora quando visitai l'allora Android market nel 2011 credo prima di prendere il mio primo telefono con il robottino verde .

L'esperienza Linux? non sono un videogiocatore ma con l'arrivo di Steam che si rivolge anche a Linux ho potuto giocare a Life is strange ad esempio, con una versione seppur beta posso usare Spotify, con la web app uso whatsapp, Telegram ha la sua versione Linux, Google music manager ha la sua versione Linux e ci mancherebbe pure, uso Chrome come browser ma anche Firefox e Tor browser non necessito solitamente di programmi per windows ma per un paio di cose ho installato Wine per far girare i suddetti programmi come la piattaforma di libri scolastici di mio figlio che ovvio gira solo su windows poi ci sarebbe Pokemon Gcc che ho fatto girare con Crossover con il trial per 14 gg , ho provato ad usare wine ma senza successo ma i soldi che chiedono per un anno, mi sembra 58 € non sarebbero un brutto investimento ecco il link se vi interessa.

Per quanto riguarda il cloud uso Dropbox e Drive e ho tenuto per ultimo il "non uso antivirus" cosa che non mi mette totalmente al riparo da problemi ma me ne toglie molti, compreso la scelta dell'antivirus e scansioni interminabili.
Riesco ad eseguire scansioni di documenti nel mio caso con Simple scan che è installata di default in Mint, posso usare la suite Libre office per scrivere documenti di tutti i tipi, posso usare Gimp per manipolare immagini e non solo. Ad esclusione della mia scheda video Nvidia di cui uso il driver proprietario tutte le altre periferiche sono riconosciute dal Kernel di Linux e volendo anche per la scheda video esisterebbe un driver opensource detto "Nouveau".

In definitiva nella mia esperienza il computer mi ha aiutato nelle mie conoscenze su Linux che mi ha portato altre conoscenze indotte dalle prime poi ogni singola propria  passione può essere esplorata e allargata globalmente e di sicuro se ne scoprono di nuove sempre grazie alla concatenazione che nasce dalla navigazione web. Non credo che sia come studiare sui libri ma credo che sia anch'essa una forma di studio sempre avendo l'umiltà di imparare da altri fossero anche ragazzini di 15 anni.

Ah dimenticavo il computer è servito anche a creare e aggiornare questo blog più o meno assiduamente a scoprire nuovi "amici" o persone che seguo e apprezzo.
Questi sono appunti sparsi scritti di getto e mi rendo conto che la forma forse è un po' confusionaria e raffazzonata in questo caso ho scritto come parlo , tutto di getto come una cascata di parole prima o poi mi piacerebbe fare un video magari su una cosa alla volta, chissà.

 

0

Rilasciato MATE 1.18: Completata la migrazione alle GTK3+ e tanti miglioramenti generali


Dopo sei mesi di sviluppo il team di MATE ha annunciato il rilascio di MATE Desktop 1.18. Questa nuova release completa la migrazione alle GTK3+ e adotta nuove tecnologie per rimpiazzare alcune componenti deprecate.
Le principali novità di MATE Desktop 1.18 sono:

  • L'intera suite di applicazioni e componenti di MATE Desktop è ora basata solo sulle GTK3+
  • Completata la migrazione a GtApplication da libunique
  • Aggiunto il supporto libinput per mouse e touchpad
  • Supporto per l'accessibilità migliorato in particolare per gli utenti ipovedenti
  • Caja guadagna nuove funzionalità:
    • Aggiunge la coda di copia e la possibilità di mettere in pausa la copia
    • Aggiunta una finestra di conferma quando si spostano i file nel Cestino
    • Notifica quando le unità espulse possono essere scollegate in maniera sicura
  • Il blocco schermo caricherà ora lo sfondo dell'utente e non quello di sistema
  • Miglioramenti in MATE Panel con
  • Miglioramenti in Engrampa  
  • Le notifiche delle applicazioni supportano ora le azioni come ad esempio i controlli di riproduzione di un player multimediale
  • Rielaborato il visualizzatore di font
  • Sostitute le funzioni deprecate di upower per la sospensione e l'ibernazione con quelle equivalenti di ConsoleKit2
  • MATE Terminal aggiunge la possibilità di chiudere le schede con il tasto centrale del mouse
  • Atril è ora molto più rapido nel caricamento delle pagine ed è stato aggiunto il supporto per unarchiver che viene utilizzato da alcuni fumetti
  • I plugin di sistema e tutti i plugin C e Python in Eye of MATE e Pluma sono stati portati a libpeas
  • E ovviamente troviamo i consueti aggiornamenti delle traduzioni e correzioni di bug
Per i più tecnici di voi di seguito trovate il changelog completo
mate-common 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
mate-desktop 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Drop mpaste tool (won’t work without the website anyway)
  • Background: fix crossfade issues with recent GTK+ versions
  • Background: fix more graphics issues to allow Caja to use background for directory windows
  • Background: fix memleaks and other misc issues
  • Color select: fix some GTK+ deprecations
  • Schemas: some fixes and cleanups
  • mate-about: update copyright year
  • mate-about: fix URL centering
  • Translations update
mate-user-guide 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Translations update
libmatekbd 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Translations update
libmatemixer 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Translations update
libmateweather 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Drop Python bindings and —enable-python build option (won’t work with GTK+3)
  • Locations: add Dunedin, New Zealand
  • Locations: add Yogyakarta, Indonesia
  • Locations: move Indonesia under Asia region
  • Locations: correct coordinates for Pune, India
  • Translations update
mate-icon-theme 1.18.0
  • Translations update
caja 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmate-desktop >= 1.17.3
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Port from libunique to GtkApplication
  • Implement copy queue and pausing
  • Add option for asking confirmation before moving files to trash
  • Add support for back/forward mouse buttons for directory navigation
  • Add notification when ejected drives are safe to unplug (and require libnotify at build time)
  • Add —force-desktop command line option to make Caja always manage the desktop
  • Add ability to get feedback from Orca when additional icons are selected/deselected
  • Drop metadata converting tool
  • Fix crossfade issues with recent GTK+ versions
  • Fix more graphics issues to allow Caja to use background for directory windows
  • Fix some more GTK+ deprecations and runtime warnings
  • Schema: some fixes and cleanups
  • Translations update
mate-polkit 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Fix some GTK+ deprecations
  • Translations update
marco 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Theme viewer: fix build for GTK+3 and fix some GTK+ deprecations
  • Add ability to disable showing preselected window border on alt-tab
  • Add ability to ignore applications when show-desktop is triggered
  • Schema: make compositing on by default
  • Workspaces: switch wrapping behavior for ‘classic’ and ‘toroidal’ modes (it was reversed somehow)
  • Translations update
mate-settings-daemon 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require XInput unconditionally
  • Build: require libmatemixer >= 1.10, libxklavier >= 5.2, dconf >= 0.13
  • Build: require libmatekbd and libmate-desktop >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Add libinput support for mouse and touchpad
  • Touchpad: add separate settings for handedness (left/right-handed) and motion acceleration/threshold
  • Background: restore option to let Caja draw background with GTK+ 3.22
  • Some fixes and cleanups
  • Translations update
mate-session-manager 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Replace deprecated upower suspend/hibernate functions with ConsoleKit2 equivalents (and drop —enable-upower build option)
  • Translations update
mate-menus 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Translations update
mate-panel 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmate-menu >= 1.10 and dconf >= 0.13.4
  • Build: require libmateweather and libmate-desktop >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Launchers: add desktop actions support for additional launch options
  • Menu applets: add support for Menulibre menu editor, and prefer it to Mozo if both are installed
  • Notification area: add StatusNotifier support
  • Fix lots of GTK+ deprecations and runtime warnings
  • Don’t spam accessible name changes when it is translated
  • Some code cleanups
  • Translations update
mate-backgrounds 1.18.0
  • Translations update
mate-notification-daemon 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Implement action icons support (e.g. playback control icons used by media players)
  • Themes: fix some pie countdown issues
  • Translations update
mate-control-center 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmatekbd, libmate-desktop, marco, m-s-d >= 1.17
  • Build: require XCursor and XInput unconditionally
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Port from libunique to GtkApplication
  • Rework font-viewer: add font browsing mode, support for TTC fonts, and make it appear in the menus
  • Add libinput support for mouse and touchpad
  • Mouse: add separate touchpad motion settings on touchpad tab
  • Mouse: change tab label from General to Mouse
  • Mouse: change natural scroll mnemonic from ‘a’ to ‘n’
  • Fix lots of GTK+ deprecations
  • Some more fixes and cleanups
  • Translations update
mate-screensaver 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmate-menu >= 1.10
  • Build: require libmatekbd and libmate-desktop >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Lock screen: load user’s background instead of system one
  • Preferences: fix some GTK+ deprecations
  • Translations update
mate-media 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmatemixer >= 1.10 and libmate-desktop >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Port from libunique to GApplication and GtkApplication
  • Some cleanups
  • Translations update
mate-power-manager 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require xproto >= 7.0.15
  • Build: require mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Replace deprecated upower suspend/hibernate functions with ConsoleKit2 equivalents
  • Use manpages as is instead of generating them from sgml (and don’t require docbook2man for build anymore)
  • Some more fixes and cleanups
  • Translations update
mate-system-monitor 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Add pkexec support for using kill and renice on other users’ processes and try using it before trying gksu
  • Fix some GTK+ deprecations
  • Translations update
atril 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require caja >= 1.17.1
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • [comics] add support for unarchiver (unar and lsar)
  • [libview] increase page cache size to reduce number of page reloads
  • Remove metadata migration code
  • Force X11 backend
  • Fix lots of GTK+ deprecations
  • Fix some a11y issues
  • Some more fixes and cleanups
  • Translations update
caja-dropbox 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libcaja-extension 1.17.1 and GLib 2.36
caja-extensions 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require caja >= 1.17.1 and libmate-desktop >= 1.17.0
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Add xattr-tags extension to show xattr tags in a new column
  • Translations update
engrampa 1.18.0
  • check the rar/unrar version to work the new date style with all versions
  • Fix: rar file listing now shows correct date with recent binary
  • Fix: open the 7z first split volume after compress
  • Fix typo in NEWS: engrampa instead engramp
  • Fix: compress rar split into volumes
  • Fix: compress 7z split into volumes
  • build: remove option that disables deprecated stuff
  • zip: added ear and war to the supported types list
  • Update engrampa NEWS to use consistent, project wide, markdown-like formatting.
  • Translations update
eom 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmate-desktop >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Drop Python bindings and —enable-python build option
  • Port plugin system and plugins to libpeas
  • Some code and docs cleanups
  • Translations update
mate-applets 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require libmateweather and mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Weather: fix temperature label placement
  • Weather: show proper help section for each tab of prefs dialog
  • Fix some GTK+ deprecations and runtime warnings
  • Some code cleanups
  • Translations update
mate-calc 1.18.0
  • Add AppData.
mate-icon-theme-faenza 1.18.0
  • Bump version
mate-indicator-applet 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: show new style indicator support status in summary
  • Build: require mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Translations update
mate-netbook 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Translations update
mate-sensors-applet 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Fix some GTK+ deprecations
  • Some more fixes and cleanups
  • Translations update
mate-terminal 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Add ability to close tabs with middle mouse button
  • Translations update
mate-user-share 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require caja >= 1.17.1
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
mate-utils 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Build: require mate-panel >= 1.17
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Fix occasional distcheck breakage
  • Some code cleanups
  • Translations update
mozo 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Translations update
pluma 1.18.0
  • NEWS: use consistent, project wide, markdown-like formatting to make generating release announcements easier
  • Move to GTK+3 (require GTK+ >= 3.14), drop GTK+2 code and —with-gtk build option
  • Build: actually build GObject introspection data
  • Build: remove —enable-deprecations option - it actually disabled all deprecated stuff
  • Add ability to search/replace text using regular expressions
  • Drop Python bindings and —enable-python build option
  • Port plugin system and both C and Python plugins to libpeas
  • Snippets plugin: stop exposing functions on Pluma message bus (doesn’t work with GObject introspection)
  • Snippets plugin: fix snippet parts staying after Ctrl-Z
  • Fix unexpected closing of the first tab with middle-click under the line numbers column
  • Fix some runtime warnings in plugins
  • Some more fixes and cleanups in code and docs
  • Translations update
python-caja 1.18.0
  • Translations update
  • support GTK+3 only: require Caja 1.17.1 and pygobject-3.0
  • drop ancient check for Python 2.5, not needed these days

 

0

Enter ospita per la prima volta in Italia l’evento OpenStack Ops Mid-Cycle Meetup

Enter ospita per la prima volta in Italia l’evento OpenStack Ops Mid-Cycle Meetup


Si terrà a Milano il 15-16 marzo, negli spazi di coworking Login di Enter, l’appuntamento internazionale OpenStack Ops Midcycle Meetup, un’occasione per gli operatori di condividere best practices e storie di successo (Coworking Login, Milano, 15 – 16 marzo)


Milano, 9marzo 2017 – Per la prima volta in Italia, il 15-16 marzo si terrà a Milano l’evento OpenStack Ops Mid-Cycle Meetup, il forum dedicato agli operatori che usano la nota piattaforma di cloud computing open source OpenStack.

L’appuntamento sarà ospitato da ENTER nei suoi spazi di coworking Login, e vedrà un’agenda ricca di tavole rotonde, gruppi di lavoro e sessioni di discussione, oltre che la partecipazione del Community Manager di OpenStack, Tom Fifield.
Si tratta di un appuntamento rivolto a chi già conosce e opera nel mondo OpenStack: un’occasione per confrontarsi su scala globale sulle nuove sfide, gli sviluppi e le opportunità che derivano dall’utilizzo di OpenStack e del cloud e condividere le best practises con la community.

Mariano Cunietti, CTO di Enter, tra gli organizzatori dell’evento anticipa quelli che saranno i temi caldi. “Tra gli argomenti di maggiore interesse, che emergono dall’agenda di questa due giorni milanese, vi sono tematiche legate alle API in container (Kubernetes, Kolla), aggiornamenti di OpenStack, dibattiti su MQ, Ceph (e CephFS), DBaaS, e gli aspetti legati alla sicurezza. Non da ultimo, mi aspetto un grande interesse anche intorno alla GDPR (General Data Protection Regulation), la nuova legge varata dall’Unione Europea sulla protezione dei dati che diverrà effettiva il 25 maggio 2018. Siamo tutti chiamati a un più alto livello di consapevolezza dei rischi e delle contromisure da adottare. Proprio in quest’ottica, con Enter Cloud Suite abbiamo recentemente sottoscritto il Codice di Condotta CISPE per la protezione dei dati, un nuovo marchio di conformità che stabilirà gli standard e le pratiche per proteggere i dati dei clienti e rispettare le leggi europee sulla protezione dei dati.”


Questo è il nostro secondo Ops Mid-Cycle Meetup che viene organizzato in Europa, il primo si è tenuto a Manchester lo scorso anno” spiega Tom Fifield, Community Manager OpenStack e organizzatore dell’Ops Mid-Cycle Meetup. “Questi eventi hanno una finalità importante che è quella di offrire ai professionisti del cloud un posto dove condividere nuove idee, progetti, best practises e dare un feedback alla comunità degli sviluppatori. La Comunità è grata a Enter per la l’ospitalità e per il supporto dei numerosi sponsor che decreteranno il successo di questo mid-cycle meetup.”


Tra gli sponsor dell’edizione milanese, Enter Cloud Suite, Bloomberg, Intel, CloudBase, SWITCH e Nuage Networks.

15-16 marzo (9.00-18.00)

Coworking Login c/o Enter srl
Via Privata Stefanardo da Vimercate, 28
20128 Milano
Per maggiori informazioni:

 

0

Plasma 5.10: Folder View sarà la modalità desktop predefinita


Amanti dei desktop pieni di icone gioite! Il team di KDE ha annunciato che Plasma 5.10 avrà la vista cartelle pre attivata come impostazione predefinita. Questo significa che le principali distro che fanno uso di KDE vanilla avranno anche loro la modalità cartelle come default per la gestione del desktop (alcune distribuzioni che apportano personalizzazioni a KDE avevano questa opzione già preimpostata).
Sarà comunque ancora possibile avere un desktop vuoto attivando la relativa opzione nelle impostazioni del desktop.
Dato che la modalità a cartelle sarà quella predefinita il team di sviluppo ha deciso di investire risorse per migliorare il tutto. Le prestazioni sono sate notevolmente migliorate ed è stato accolto il feedback degli utenti per quanto riguarda le questione di interazione con il sistema. Questo ha portato a numerosi miglioramenti che migliorano l'esperienza d'uso con la visualizzazione a cartelle come ad esempio l'ottimizzazione delle spaziatura fra icone e la griglia.

 

0

Rilasciato Skype 5.0 per Linux Beta: supporto alle video chiamate, chiamate verso fissi e mobili e integrazione con Unity


Il team di Skype ha annunciato il rilascio di Skype 5.0 per Linux Beta, la prima versione Beta della suo nuovo clinet di messaggistica e audio/video chiamate per sistemi operativi Linux.
Oltre ai miglioramenti delle prestazioni e correzioni di bug troviamo:
  • Aggiornamenti per le chiamate: chiamate facili verso telefoni fissi e cellulari con il credito Skype, chiamate video one-to-one fra gli utenti Linux e utenti Skype con le ultime versioni di Skype per Android, iOS, Windows e Mac.
  • Miglioramenti degli strumenti di collaborazione: gli utenti Linux possono ora visualizzare gli schermi condivisi da altri client desktop di Skype (Skype per Windows 7.33 e superiori e Skype per Mac 7.46 e superiori)
  • Miglioramenti sull'usabilità: il launcher di Unity ora mostra il numero di conversazioni non lette, i contatti online  nella lista dei contatti adesso includono gli stati Away e Do Not Disturb.

È possibile scaricare Skype per Linux versione Beta 5.0 visitando www.skype.com/download.