Tags archives: informatica

 

0

[APPROFONDIMENTO] Apple verrà veramente bandita dal mercato Italiano?

In queste ultime ore sta avendo un importante rilievo mediatico la notizia che Apple potrebbe essere bannata dal commercio Italiano a causa di una nuova proposta di legge passata in sordina alla Camera e ormai prossima al Senato per essere definitivamente confermata o bocciata. La proposta di legge porta la firma di Stefano Quintarelli e […]

 

0

Debian 9 Stretch


Leggendo la news di Marco Giannini sull’arrivo della nuova versione stable di Debian, mi sono accorto che il mio portatile stava passando da testing a stable. Quale occasione più ghiotta per parlare di quella che probabilmente è la più vecchia distribuzione di Linux ancora in vita?

Debian è, forse, la distribuzione più “forkata” in assoluto, 131 fork secondo distrowatch, quasi la metà delle distribuzioni che ci sono in giro. È “mamma” di tante distribuzioni di successo tra le quali Ubuntu e  Knoppix, “nonna” ovviamente, di tutte le “figlie” di Ubuntu come Mint ed Elementary OS, ad esempio.

Debian nasce il 16 agosto 1993, il nome è una composizione dei nomi Debora e Ian. Debora era in quel periodo fidanzata, moglie e poi ex-moglie del compianto Ian Murdock fondatore della nostra amata distribuzione. Ha influenzato profondamente il pensiero del mondo del software libero, Ian scrisse il “Debian Manifesto”, ma in questo percorso, incontriamo anche persone del calibro di Bruce Perence, che insieme a Ean Schuessler (che pare abbia proposto l’idea) scrisse il “Debian Social Contract”, complemento del Manifesto. Questo contratto Contiene le “Debian free software guidelines” che, sorpresa… sorpresa… forniranno la base per la creazione della “Open Source Definition”.
Non voglio appesantire l’articolo con i contenuti di questi documenti che potete facilmente trovare su internet, ma possiamo dire che Debian è stata ed è protagonista nel dibattito pubblico, filosofico e tecnico sul software libero.

La precisione con la quale Debian fornisce documenti sulla filosofia e le modalità di costruzione del sistema operativo fanno invidia ad Amazon, accanto ai documenti già citati, abbiamo anche la “Debian Constitution” e il “Debian Code of Conduct”. Nel ‘97 Bruce Perens fondò l’associazione “Software in The Public Interest” per ricevere donazioni e finanziare il progetto. Oggi quest’associazione oltre a finanziare Debian sostiene tra gli altri, Arch Linux, Drupal, ffmpeg, Fluxbox, freedesktop.org, GNUStep, Jenkins, Libreoffice, OpenWRT, PostgreSQL.

Ma veniamo al lato tecnico, Debian è una distribuzione a scopi generali, ha un solo kernel di default, che viene utilizzato su Desktop e Server, successivamente è possibile installare altri kernel che sono disponibili nel repository, o anche, ricompilarlo, se lo si ritiene opportuno. Una nota di colore: è possibile usare anche kernel FreeBSD ed esiste anche una versione sperimentale di Hurd.
Per quanto riguarda la manutenzione, le gui sono ridotte all’osso ed il grosso si fa da linea di comando, è chiaramente una distribuzione fatta per chi ha un minimo di esperienza o vuole imparare come si gestisce un sistema *nix.
Debian non offre assistenza commerciale, mette a disposizione la documentazione sul proprio sito, esiste anche un ottimo libro open che si chiama “Debian Administrator Handbook”. Ci sono anche un wiki, una mailing list, e un sito di tipo ask.

Debian ha una gestione delle versioni che ci permette di avere, a seconda delle nostre scelte, un S.O. estremamente stabile, moderatamente stabile, piacevolmente instabile.

La versione ufficiale è quella che viene definita “stable”. È più stabile, ma i pacchetti possono essere datati, riceve solo aggiornamenti di sicurezza. Normalmente viene rilasciata ogni due anni, ma la regola è che viene rilasciata solo se è pronta. È la versione consigliata per server e workstation. La “OldStable” viene supportata ancora per un anno dopo il rilascio della nuova stable e dopo viene archiviata.

Testing: è la futura stable, riceve aggiornamenti, quasi come una rolling-release, quando sta per uscire la versione stable va in “freeze” e si trasforma in stable.

Unstable: è la versione di sviluppo, i pacchetti sono aggiornati alla loro ultima versione e possono essere stabili o instabili, a seconda di come la loro casa madre prenda sul serio il rilascio del proprio software. Esistono distribuzioni rolling basate su questo ramo, come ad esempio Sidux.

Dal 2014, sull’onda delle scelte di Ubuntu, è nato il team Debian LTS che prende in mano il supporto della distribuzione dopo 3 anni e lo estende a 5 anni. Attualmente questo team ha il supporto di Wheezy che è esteso fino al 2018, fra un anno prenderà in mano Jessie che verrà supportata fino al 2020.

Per chi se lo fosse chiesto, i nomi delle versioni di Debian vengono dai personaggi del cartone animato Toy Story, che è il primo cartone animato sviluppato completamente in computer grafica. Toy Story, uscì nel ‘95. L’unico nome di versione che non cambia mai, è quello della versione unstable, Sid: il bimbo che nel cartone cerca di distruggere continuamente i giocattoli.

Il supporto hardware di Debian non è buono quanto quello di Ubuntu, perché per ragioni etiche mancano tutti di driver proprietari. Abilitando i repository contrib e non-free è possibile accedere a parte di questi, nel kernel ci sono comunque alcuni blob proprietari, che se tolti probabilmente bloccherebbero il funzionamento del S.O. in tutte le macchine moderne. Questo è un problema che prima o poi il mondo del software libero dovrà porsi.

Il Desktop di default di Debian è GNOME, ma è possibile installare praticamente tutti i desktop e window manager esistenti. Debian lascia l’estetica e la grafica così come è stata pensata dal produttore. Nel caso si desideri qualcosa di più carino si devono modificare manualmente le impostazioni e installare le icone e i font necessari. Naturalmente è possibile installare Debian anche senza nessuna grafica ottenendo un terminale a linea di comando.

Il sistema di gestione dei pacchetti di Debian è dpkg. Insieme a rpm dpkg è uno standard de-facto, l’estensione di questi pacchetti è .deb, esistono vari software che permettono di installarlo, i più famosi sono apt-get, apt, aptitude. Debian, con circa 50.000 pacchetti, ha il repository più vasto del pianeta. Supporta anche tantissime architetture, molte di queste non più commercialmente valide. La natura della sua comunità non legata a doppio filo con il mondo dell’economia le permette di supportare, dove qualcuno ne ravvisi la necessità, anche contesti che ormai sono rari, le architetture supportate sono Arm, Intel i386 e amd64, mips, PowerPC, s390x.

Debian è una delle distribuzioni più “etiche” tra quelle che ci sono in giro, ricordo che all’inizio veniva, da molti, definita estrema. In realtà il suo approccio di fronte al software proprietario è molto pragmatico. Per esempio, fornisce un repository apposito per il software non-free, sarebbe come se Apple o Microsoft fornissero la possibilità di installare software libero automaticamente, direttamente dal programma di installazione. Distribuzioni come, ad esempio, Fedora, non lo fanno. Questa scelta potrebbe essere letta come ipocrita, ma dal punto di vista tecnico, in particolare della sicurezza è importante, perché l’utente che installa software dal repository non-free non si deve porre domande sulla sicurezza del software che sta installando, mentre l’utente Fedora, se incauto, potrebbe compromettere la sicurezza del proprio sistema affidandosi a repository amatoriali.

 

 

0

Red Hat presenta la prima infrastruttura iperconvergente open source production-ready


Red Hat presenta la prima infrastruttura iperconvergente open source production-ready 

Red Hat introduce una piattaforma software-defined che integra storage e capacità di elaborazione per siti remoti e implementazioni edge 

Milano, 23 giugno 2017 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, presenta Red Hat Hyperconverged Infrastructure, la prima soluzione HCI (hyperconverged infrastructure) production-ready open source. Associando innovative tecnologie di storage e virtualizzazione con una piattaforma operativa stabile e solida, Red Hat Hyperconverged Infrastructure è pensata per permettere alle imprese di portare le capacità del datacenter in ambienti con spazio limitato, come gli uffici remoti e le sedi decentralizzate.

Le organizzazioni con attività distribuite, come nei mercati bancario, energia e retail, devono essere in grado di offrire alle filiali e agli uffici remoti gli stessi servizi disponibili nel datacenter. Tuttavia, questi luoghi possono essere caratterizzati da sfide in termini di spazio e capacità di raffreddamento limitati e assenza di personale tecnico onsite. Le aziende che si trovano in questa situazione necessitano di potenti servizi, integrati su un unico server in grado di fare scale out.

Red Hat Hyperconverged Infrastructure è pensata per affrontare queste sfide integrando storage e capacità di elaborazione in un unico server e rendendolo adatto per installazioni remote, branch office o edge. Questa infrastruttura consente alle imprese di implementare e gestire centralmente architetture distribuite, assicurando agli uffici remoti la stessa qualità e prestazioni senza richiedere il supporto di personale tecnico dedicato.

Red Hat Hyperconverged Infrastructure è l’unica offerta production-ready con uno stack open source completo, sviluppata, commercializzata e supportata da un unico vendor. Un approccio open source basato sulla community aiuta a evitare il lock in e permette di trarre vantaggio dall’innovazione che nasce nelle comunità aperte. Poiché l’infrastruttura e i componenti software-defined derivano dallo stesso vendor, l’obiettivo di Red Hat è quello di minimizzare il troubleshooting e i problemi legati al supporto.

“I nostri clienti desideravano una soluzione che soddisfacesse le loro esigenze infrastrutturali a livello aziendale – non solo per l’ufficio centrale – e le soluzioni proprietarie sembravano essere l’unica opzione per le installazioni remote e edge”, commenta Ranga Rangachari, vice president e general manager Storage in Red Hat. “Con Red Hat Hyperconverged Infrastructure i clienti possono effettuare il provisioning delle risorse compute e storage sui siti remoti per far girare istanze locali di applicazioni con la stessa efficacia delle operazioni in-office. Integrare la tecnologia di virtualizzazione e la piattaforma storage software-defined di Red Hat offre alle aziende procurement, implementazione e interoperabilità, permettendo loro in ultima istanza, di risparmiare tempo e denaro”.

“Il mercato dei sistemi integrati continua a crescere e il segmento delle infrastrutture convergenti ne sta prendendo una quota sempre maggiore”, aggiunge Terri McClure, senior analyst Enterprise Strategy Group. “Le installazioni negli uffici remoti e nelle filiali possono essere problematiche da un punto di vista IT e sono adatte alle soluzioni convergenti. Red Hat Hyperconverged Infrastructure rappresenta un inizio promettente in un momento interessante in cui un numero crescente di aziende è alla ricerca di soluzioni iperconvergenti che rispondano alle loro esigenze per i siti remoti e che rappresentino la base di future scelte software-defined”.

Red Hat Hyperconverged Infrastructure si avvale della nota piattaforma di virtualizzazione di Red Hat, così come di storage software-defined, per gestire in modo efficace un’infrastruttura storage e compute integrata su hardware o reti diversi. Per farlo, Red Hat Hyperconverged Infrastructure è stata progettata con una suite di componenti, integrati per fornire un’esperienza unificata dall’installazione alla gestione, tra cui:
  • Red Hat Virtualization – la nota piattaforma di virtualizzazione enterprise KVM (kernel-based Virtual Machine)
  • Red Hat Gluster Storage – storage software-defined altamente scalabile che può convergere sullo stesso hardware degli host Red Hat Virtualization, eliminando la necessità di infrastrutture di elaborazione aggiuntive e semplificando l’implementazione.
  • Red Hat Enterprise Linux – la nota piattaforma enterprise Linux che rappresenta una base solida e affidabile.
  • Ansible by Red Hat – implementazione e gestione basata sul framework di automazione IT open source semplice, potente e agentless che offre installazione e configurazione automatizzate da un punto centrale.
Disponibilità
Red Hat Hyperconverged Infrastructure è già disponibile.

 

0

Rilasciato 3.17.0: migliorata l'importazione dal formato XPWE


Giuseppe Vizziello ha annunciato il rilascio di LeenO 3.17.0, la nuova versione della sua famosa estensione per LibreOffice che trasforma la Calc in un potente software per la realizzazione di computi metrici estimativi e della contabilità lavori.

La versione 3.17.0 di LeenO vede l’introduzione, sia nella tabella di COMPUTO che in quella di CONTABILITA, della colonna relativa agli importi dei Materiali e dei Noli, sempre che le voci in Elenco Prezzi siano corredate dei valori della manodopera. Ovviamente gli importi parziali di Materiali e Noli vengono annotati anche su ogni riga di categoria, oltre che nel riepilogo  in calce al COMPUTO. Per la visualizzazione di questi dati è sufficiente agire sulla voce di menù Viste>Manodopera.

Aggiornato anche il modulo di importazione dal formato XPWE per conservare compatibilità con le ultime versioni di Primus.

Di seguito trovate le note di versione di LeenO 3.17.0:
  • Eliminato il colore di sfondo dalle celle di Elenco Prezzi.
  • L’inserimento di nuova voce in Elenco Prezzi è completo delle formule di sommario del computo.
  • Aggiunta la lista di scelta delle unità di misura nelle voci di Elenco Prezzi.
  • Nelle importazioni dei prezzari le righe senza prezzo hanno un colore di sfondo e si può scegliere se visualizzarle.
  • Corretta formula per il calcolo dell’incidenza percentuale di manodopera nelle righe di categoria.
  • Aggiornata l’esportazione in formato XPWE con l’uso di una routine per il riconoscimento di qualsiasi tipo di contenuto delle celle.
  • Aggiornata l’importazione dal formato XPWE per la presenza dei codici WBS (ultime versioni di Primus).
  • Aggiornato il Pesca: quando la voce di COMPUTO ha già un codice di prezzo assegnato, il cursore evidenzia lo stesso codice in Elenco Prezzi.
  • Alleggerito il grigio di sfondo delle voci di COMPUTO trattate con il comando Azzera una voce di COMPUTO.
  • Aggiunte le colonne di Materiali e Noli (€) sia in COMPUTO che in CONTABILITA.
  • Aggiunta alla modalità Viste>Manodopera la colonna con l’importo dei Materiali e Noli (€).
  • Aggiunti i parziali di categoria per la colonna Materiali e Noli (€).
  • Aggiunto in Riepilogo e/o firme in calce i valori di Materiali e Noli (€).
  • Aggiunta voce di menù Importa/Esporta…>Importa voci da prezzario Regione Toscana XML.
  • Il passaggio di voci di prezzo da un computo ad un altro aggiunge le formule di sommario sulle righe importate.
  • Aggiornato l’adeguamento automatico dei vecchi lavori alla versione corrente di LenneO.
  • Correzioni di bug minori.
  • Cancellato codice obsoleto.
Potete scaricare LeenO all'indirizzo http://leeno.org/about-leeno/leeno/download/

PS: vi ricordo che su Linux, per poter installare LeenO, è necessario che siano installato nel sistema i pacchetti python3-uno e libreoffice-script-provider-python che permettono a LibreOffice di leggere e interpretare il linguaggio Python con cui sono scritte alcune azioni di LeenO. Potete installarli dal vostro gestore dei pacchetti.
Se siete su Ubuntu e derivate come Linux Mint vi basterà dare da terminale

sudo apt install python3-uno libreoffice-script-provider-python

ed in seguito installare LeenO facendo doppio click sul file di installazione scaricato dal sito di LeenO.

 

0

Gnome 3: Quali sono le vostre extensions preferite?


Amici lettori di Marco’s Box, oggi parliamo delle estensioni di Gnome 3.
Come ben sapete Unity è stato abbandonato da Ubuntu, in favore di Gnome. Subito dopo l’annuncio la community si è buttata sul DE in GTK per iniziare i primi esperimenti per portare l’esperienza utente il più simile possibile a quella proposta dal DE nato in Canonical.
Questo è possibile grazie ad una caratteristica secondo me fondamentale in GNOME 3, ovvero la possibilità di estendere le funzionalità dell’ambiente grazie all'extensions.

Gnome Tweak Tool e Extensions.Gnome.org
Il tutto è possibile sia grazie sia all'utilizzo di gnome-tweak-tool col quale possiamo apportare modifiche avanzate all'ambiente sia al sito delle Extensions che ospita tutte le estensioni per il DE ( non tutte ovviamente compatibili con tutte le versione di Gnome). Recentemente poi in Chrome trovate il plugin che verifica lo stato delle vostre extensions permettendone la gestione e l’installazione, quest’ultima era oltretutto prerogativa di Firefox. Se avete Chrome aggiornato, dovreste trovare il plugin automaticamente installato e attivo.

E poi aggiornavi...
Capitava in passato tuttavia che l’aggiornamento del core di Gnome portasse a problemi con le estensioni che magari smettevano di funzionare, una cosa che nelle ultime versioni sembra andare decisamente migliorando.

Le vostre estensioni preferite
Chiuso questa breve presentazione dell’argomento, utile magari a chi non conosce perfettamente l’ambiente o è alle prime prove con Gnome, vi chiedo: Quali sono le vostre estensioni preferite? Avete mai avuto problemi con il loro aggiornamento o di conflitti tra loro? Aspetto la vostra esperienza nei commenti!

 

0

Linux Distros


Ho riflettuto un po’ sulla tematica da affrontare in questo mio primo articolo. La prima domanda che mi sono posto è se fosse meglio scrivere di qualche argomento specifico oppure in generale del mondo del software libero.
Al giorno d’oggi è talmente facile trovare how-to o articoli tecnici di alta qualità, che se cercate come installare qualcosa o conoscere se il tal hardware è supportato non dovreste avere il minimo problema. Ciò che invece mi sembra più difficile è comprendere la comunità culturale sottostante il mondo tecnico; ho quindi deciso di parlare di questa tematica.

La Linux Foundation, il progetto GNU, la Mozilla Software Foundation e tutti gli altri, sono produttori di software, ma sono prima di tutto espressione di una comunità culturale, che esprime un certo modo di concepire il software e quindi di produrlo. Infatti, il più grande contributo al mondo del software, da parte della comunità del software libero è probabilmente il capovolgimento del concetto di copyright in copyleft e tutte le conseguenti licenze che ne derivano, a partire dalla GPL.

La mia prima installazione di Linux risale al 1995, me lo ricordo chiaramente, perché aspettavo l’uscita di Windows che però veniva rimandata di mese in mese. Da allora la mia passione è cresciuta e il mio interesse verso Windows è diventato sempre più basso, fino ad essere quasi nullo. Nel frattempo ho studiato molte distribuzioni di Linux, per cui, ragionare in questi termini, per me, è diventato naturale. Al punto che trovo strano il fastidio che provano i neofiti nel vedere così tante distribuzioni in giro.

Troppa libertà di scelta e assenza di informazioni, una certa soggezione nei confronti di ciò che non si conosce e che si deve imparare o re-imparare, generano una certa distanza, una determinata voglia di tornare nella sicura cella di un sistema Windows o Apple, che saranno anche proprietari, ma almeno sono sempre uguali a sé stessi.

Veniamo al dunque: perché ci sono tante distribuzioni?

La risposta è semplice ed allo stesso tempo complessa:

Una nuova distribuzione nasce quando qualcuno ha bisogno di modifiche in quella che sta usando e che col tempo, diventano talmente tante, da giustificarne la creazione di una nuova.

Il Distrowatch page hit ranking indica 291 distribuzioni Unix, che per la maggior parte sono GNU/Linux. Non le ho contate, ma è molto probabile, quando si clicca su una distribuzione, leggere che questa è basata su un’altra precedente.

Ciò non è un caso, infatti, il modo più semplice, e probabilmente anche il più sensato, di creare una nuova distribuzione è effettuare un fork della distribuzione più vicina ai nostri obiettivi. Per questo motivo, sono nate delle “famiglie” che hanno dei capostipiti e delle distribuzioni “figlie” che vengono definite “derivate”.

I capostipiti sono le distribuzioni che sono sopravvissute agli anni ‘90 e che hanno definito lo standard de-facto. Senza presunzione di completezza, credo che si possano indicare come capostipiti: Redhat, Slackware, Debian, Suse. Quest’ultima è una derivata di Slackware, ma dall’inizio ha assunto differenze così sostanziali da meritare uno spazio tutto suo. Successivamente c’è stata una seconda ondata, quella che ha visto nascere ArchLinux, Gentoo, Nix.

Quindi, se vogliamo andare alla sostanza, esistono meno di dieci sistemi operativi che possono essere considerati veramente diversi tra loro. Le derivate tendono a mettere l’accento su qualche caratteristica specifica della distribuzione, ma chi conosce i genitori riuscirà quasi immediatamente a relazionarsi con i figli.

Ovviamente, per fare questo ragionamento ho dovuto escludere tutte le distribuzioni orientate a compiti specifici, come ad esempio quelle per i sistemi mobile o per i router.

Veniamo però alle differenze, perché dovrei scegliere una distribuzione al posto di un’altra?

La risposta veloce è: scegli quella del tuo vicino di casa, che magari potrebbe consigliarti nel caso di problemi.

La risposta lenta è: dipende. Cioè dipende dall'utilizzo che ne vuoi fare. La presenza stessa di tante distribuzioni attive indica tante esigenze diverse.

Se abbiamo scartato l’idea di far decidere al nostro vicino di casa, dobbiamo chiederci quali criteri vogliamo usare per scegliere la nostra distribuzione. Abbiamo già escluso le distribuzioni con compiti specifici, un elenco di criteri per distribuzioni general purpose potrebbe essere:
  •     Server/Desktop
  •     Comunità (documentazione)
  •     Supporto hardware e questioni etiche
  •     Eleganza/Ambiente Desktop
  •     Stabilità
  •     Semplicità d’uso

Server vs Desktop
Immagino che qui la scelta sia semplice: se la state pensando per il vostro notebook, non scegliete Server! L’unica distribuzione che può stare comodamente in entrambi è probabilmente Debian, le altre hanno tutte una versione Server e una versione Desktop. Le regine incontrastate dei Server sono Red Hat e CentOS, probabilmente al secondo posto ci sono Debian e Ubuntu Server. Numericamente parlando, Debian dovrebbe essere la più presente, ma in ambito Enterprise, incontrerete al 90% CentOS e RedHat. Quindi… Long life and prosper… scusate la battuta geek, ma non ho resistito.

Comunità
Ci sono distribuzioni dove la comunità è molto presente e la documentazione per imparare è veramente ben fatta, alcune di queste sono sostenute da aziende di tipo commerciale, altre sono completamente libere e la distribuzione non è influenzata da decisioni commerciali. Ubuntu è sostenuta essenzialmente da Canonical, ma ha anche una nutrita comunità libera intorno, lo stesso si può dire del rapporto tra Fedora e Redhat, mentre altre come Debian, Gentoo, ArchLinux sono guidate dalle loro rispettive comunità, CentOS fa eccezione perché anche se non ha rapporti con RedHat, delega completamente a lei la scelta del software della distribuzione.

Per capire la differenza, si pensi ad esempio a come Ubuntu ha abbandonato Unity, con un comunicato stampa, e invece Debian, che per passare da sysv a systemd ha avuto un dibattito interno lacerante.

Supporto hardware e questioni etiche
Il supporto hardware, anche se non sembra, è strettamente correlato con le licenze d’uso, perché al giorno d’oggi molte aziende continuano a non rilasciare le proprie sorgenti, in particolare questo problema è legato alle schede video e alle antenne wi-fi e per far funzionare questi hardware si deve accettare di far funzionare codice proprietario nel proprio computer, se ad oggi si tentasse di avere un sistema operativo 100% libero, probabilmente si sarebbe costretti a comperare hardware apposito e a verificare la compatibilità di ogni singola parte interna. In genere più l’approccio della distribuzione verso le questioni etiche è morbido, più si ha un supporto hardware vasto. Lo stesso sta accadendo per i DRM.

Eleganza/Ambiente Desktop
Oggi le maggiori distribuzioni permettono l’installazione di Desktop diversi da quelli di default, ma cambia il livello con il quale l’estetica è curata, se si pensa al crollo di Ubuntu in favore di Mint, con il semplice passaggio da GNOME a Unity, si capisce come il Desktop sia importante.

Stabilità
Nella mia esperienza le distribuzioni maggiormente stabili sono quelle che hanno il ciclo di release classico, cioè con una numerazione che definisce e blocca il numero di versione dei vari software e offre solo gli aggiornamenti di sicurezza. Questo metodo ovviamente rende le distribuzioni meno accattivanti e meno soggette alle novità, probabilmente chi ha un desktop preferisce vedere le novità appena arrivano, per questo motivo sono nate anche le rolling-release, che cercano di essere allineate con l’ultima versione distribuita del software installato, questo a discapito di una minore stabilità del sistema.

Semplicità d’uso
Molti pensano che le distribuzioni semplici da usare siano per i neofiti. Questo modo di ragionare è sbagliato, una delle regole degli Hacker (hacker nell’accezione classica) è di non dover reinventare continuamente la ruota, cioè di non dover riaffrontare continuamente lo stesso problema a meno che non si stia imparando. Ne consegue che molta utenza esperta preferisce concentrarsi sul suo lavoro, piuttosto che sulla customizzazione del sistema e che potrebbe preferire un sistema che vuole poca manutenzione in modo da massimizzare le ore di lavoro. Questo è probabilmente uno dei motivi che giustifica il successo di Ubuntu rispetto ad altre distribuzioni.
Ma anche per i neofiti, partire con una distribuzione che ti costringe a capire già durante la prima installazione come partizionare un hard disk, non è propriamente quello che si definirebbe un inizio con una bassa curva di apprendimento.

Quindi per concludere, direi che qualunque sia la distribuzione che si vuole scegliere, si devono tenere presenti le proprie esigenze, ma se si vuole diventare esperti in materia si devono anche conoscere tutte le distribuzioni “capostipite” o perlomeno le famiglie Redhat e Debian, che sono quelle più comuni.

 

0

Arriva Debian 9 "Stretch"


Dopo 26 mesi di sviluppo il team di Debian ha annunciato il rilascio di Debian 9 nome in codice Stretch, la nuova versione stabile che sarà supportata per i prossimi 5 anni grazie al lavoro combinato del Debian Security team e i del Debian Long Term Support team.
Debian 9 è dedicata a Ian Murdock, fondatore del progetto Debian, che è morto lo scorso 28 Dicembre 2015.
Fra le novità principali di Debian 9 troviamo MariaDB 10.1 che va a sostituire MySQL 5.5 ed il ritorno di Firefox e Thunderbird che vanno a sostituire le loro versioni debrandizzate Iceweasel e Icedove.
Altra novità che di certo sarà gradita agli utenti è il supporto migliorato all'UEFI.
Di seguito ecco la lista dei principali pacchetti presenti nei repository di Debian 9 Stretch:
  • Apache 2.4.25
  • Asterisk 13.14.1
  • Chromium 59.0.3071.86
  • Firefox 45.9 (Firefox ESR)
  • GIMP 2.8.18
  • GNOME desktop environment 3.22
  • GNU Compiler Collection 6.3
  • GnuPG 2.1
  • Golang 1.7
  • KDE Frameworks 5.28, KDE Plasma 5.8, e KDE Applications 16.08 con 16.04 per le componenti PIM
  • LibreOffice 5.2
  • Linux 4.9
  • MariaDB 10.1
  • MATE 1.16
  • OpenJDK 8
  • Perl 5.24
  • PHP 7.0
  • PostgreSQL 9.6
  • Python 2.7.13 and 3.5.3
  • Ruby 2.3
  • Samba 4.5
  • systemd 232
  • Thunderbird 45.8
  • Tomcat 8.5
  • Xen Hypervisor
  • Xfce 4.12 desktop environment

Per maggiori dettagli su Debian 9 "Stretch" vi rimando al link https://www.debian.org/News/2017/20170617

 

 

0

piGarden v 0.4.0 e piGardenWeb v 0.3.0: novità relative alla sicurezza, schedulazioni, statistiche